Lettera all’editore

Scritto da: il 13.02.09
Articolo scritto da . Io sono Livia, classe 1980, e ho un problema con la lettura: leggo sempre, leggo tutto, leggo troppo. Ho contratto questo morbo da bambina, ma non esistendo un vaccino si è cronicizzato. Ho letto anche per lavoro, all'interno di una casa editrice. Credo che leggere sia sempre un bene, e che ci sia il libro "giusto" per ogni persona. E questo è ciò che voglio fare per gli altri internauti: metterli in contatto col libro che li sta aspettando. In alternativa la gestione di questa gabbia di matti mi aiuterà per quando diventerò imperatrice del mondo, supportata da Leto e Minerva.

La parte più divertente, irritante, tragicomica, esasperante del lavoro dell’editore è la lettura delle mail la mattina. Come dice il buon Andrea Malabaila “Prendete una roulette che sta girando, e una pallina bianca che saltella in attesa di fermarsi su un numero. [...] Se siete fortunati, la pallina si bloccherà proprio sul numero o colore che avete giocato. Se non siete fortunati, perderete la vostra puntata. Lo stesso vale per un editore ogni volta che controlla la buca delle lettere o la casella e-mail [...]. Cliccare su “ricevi posta” è esattamente come lanciare quella pallina [...]“. Quello che non dice è che il calcolo delle probabilità è a nostro sfavore.

In ogni caso sono pochissimi gli autori che hanno idea di come si scriva all’editore che si vorrebbe. Egoisticamente ora vi dirò cosa, secondo me, è opportuno o meno scrivere. Spero che questo mi serva a ricevere mail più organizzate. Iniziamo col campionario di casi:

Mail vuota, con solo il testo allegato – Non si fa! Capisco che l’opera sia spesso considerata più importante, ma due righe di presentazione o quantomeno saluto sono opportune.

Egr. responsabile, le invio in allegato il romanzo XXXX corredato dalla seguente breve descrizione dell’opera. Cordiali Saluti, XYZ – Responsabile di che? Acquisto graffette per la Mercedes?

Buongiorno, sarei interessato alla pubblicazione del mio libro che vi mando in allegato. – Buongiorno almeno è segno di educazione, ma per il resto non dovrebbe essere al contrario?

Nome, cognome, indirizzo – Idem come all’inizio, non è un computer a leggere le mail, si tratta di persone, a cui una riga di saluto fa piacere.

Da questo breve campionario trarremo delle semplici regolette, facili facili:

  1. È buona norma salutare.
  2. Altrettanto buona norma è non fare invii seriali ma specificare il nome dell’editore cui si scrive: si perdono 50 secondi e si guadagnano 100 punti.
  3. Ottima misura è dimostrare di conoscere il proprio interlocutore.
  4. Specificare cosa si dà in lettura ed eventualmente perché.
  5. Aggiungere i dati che si ritengono necessari alla lettura.
  6. Salutare di nuovo.
  7. Firmare.

Dato che quelli sopra riportati sono esempi reali  ricevuti da Tanit, vi riporto una di quelle mail perfette, che rendono piacevole l’apertura della posta:

Gentile redazione Tanit,
mi chiamo XYZ e ho scoperto da poco la vostra interessante e nuovissima realtà editoriale.
Vi allego il file in formato.doc con un mio romanzo dal titolo “ABC”, con allegati sinossi e presentazione, come da vostre indicazioni.
Mi sento di precisare, per correttezza, che questo lavoro è in lettura anche presso qualche altra casa editrice.
Vi auguro uno splendido periodo di appassionato lavoro e un buon week end,
XYZ.

Non so ancora se il testo scritto da questa persona sia valido, so che sicuramente la persona mi ha ben disposto e che mi ha regalato un sorriso.

  • http://31ottobre.blogspot.com gloutchov

    Forza e coraggio… ho paura che vi arriverà anche di peggio (a leggere le testimonianze di Aldo Moscatelli…).

  • http://31ottobre.blogspot.com gloutchov

    Forza e coraggio… ho paura che vi arriverà anche di peggio (a leggere le testimonianze di Aldo Moscatelli…).

  • http://liblog.blogdo.net Livia

    Ne sono sicura. Ma perché non concedermi un momento di sogno?

  • http://liblog.blogdo.net Livia

    Ne sono sicura. Ma perché non concedermi un momento di sogno?

  • http://www.lasvegasedizioni.com Andrea

    E-mail arrivata stamattina da un aspirante autore che ci aveva spedito un testo tempo fa: “Preso atto che, ad oggi, non ho ricevuto alcun cenno quanto dovuto segno di riscontro Le sollecito una pronta risposta.”

    “Le sollecito una pronta risposta”? O_________O

  • http://www.lasvegasedizioni.com Andrea

    E-mail arrivata stamattina da un aspirante autore che ci aveva spedito un testo tempo fa: “Preso atto che, ad oggi, non ho ricevuto alcun cenno quanto dovuto segno di riscontro Le sollecito una pronta risposta.”

    “Le sollecito una pronta risposta”? O_________O

  • http://www.blogattelle.it/ massimo

    “sentite voi, in allegato troverete il pdf del vostro prossimo nuovo romanzo: potreste stampare il file direttamente cosí com’è senza nemmeno aprirlo, ma se proprio ci tenete a vantare poi una primogenitura di lettura fate pure sarà tempo speso bene, forse il primo in vita vostra…
    nb: speditemi intanto un bell’assegno, -coperto, se no vi mando in galera”

  • http://www.blogattelle.it/ massimo

    “sentite voi, in allegato troverete il pdf del vostro prossimo nuovo romanzo: potreste stampare il file direttamente cosí com’è senza nemmeno aprirlo, ma se proprio ci tenete a vantare poi una primogenitura di lettura fate pure sarà tempo speso bene, forse il primo in vita vostra…
    nb: speditemi intanto un bell’assegno, -coperto, se no vi mando in galera”

carlo lo re Violetta Lima Luciana Cameli Livia Di Pasquale Leandro Perrotta Ignazio Del Campo Fabiola Foti Alessandro Puglisi
Design & GUI by Mushin | Many Thanks to FamFamFam (icons) & Komodomedia (icons) & chrfb (icons) | WebStrategist (area test) | Hosted by MediaTemple