Grammatica di base per tutti – verbi difficili

Scritto da: il 31.03.09
Articolo scritto da . Io sono Livia, classe 1980, e ho un problema con la lettura: leggo sempre, leggo tutto, leggo troppo. Ho contratto questo morbo da bambina, ma non esistendo un vaccino si è cronicizzato. Ho letto anche per lavoro, all'interno di una casa editrice. Credo che leggere sia sempre un bene, e che ci sia il libro "giusto" per ogni persona. E questo è ciò che voglio fare per gli altri internauti: metterli in contatto col libro che li sta aspettando. In alternativa la gestione di questa gabbia di matti mi aiuterà per quando diventerò imperatrice del mondo, supportata da Leto e Minerva.

Non tutti i verbi sono semplici da coniugare: se alcune forme non prestano spazio al dubbio o all’interpretazione altri mettono in difficoltà persino i più esperti scrittori. Ecco, in sintesi, alcuni di questi verbi ostici, chiariti con l’ausilio di un po’ di Crusca.

Imperfetto dei composti del verbo dire: si segue la coniugazione del verbo dire, ovvero la forma -dicevo; quindi si ha benedicevo, indicevo, interdicevo, contraddicevo. Sono forme che hanno una ragione etimologica (dire viene dal latino dicere). Lo stesso vale, comunque, per ogni altro tempo di questi composti.

Identico discorso per i composti del verbo venire: seguono la coniugazione del verbo base, e non sottostanno alle regole della terza coniugazione (-ire). , pertanto, alle forme convenni, divenni, intervenni, no alle forme convenii, divenii, intervenii.

Indovinate un po’ cosa avviene per i composti del verbo fare: seguono la coniugazione di fare, ma stavolta abbiamo un’eccezione; le forme disfare e soddisfare infatti hanno alcune forme distintive per il congiuntivo e l’indicativo presente, per futuro e condizionale: soddisfo, soddisferò, soddisferei, et similia. Restano comunque fisse le forme dell’imperfetto, sia indicativo sia congiuntivo.

Cuocere ormai non dovrebbe rappresentare un problema, ma poiché repetita iuvant meglio ricordare ancora una volta che il suo passato remoto è cossi.

Sepolto e seppellito, sono ambedue validi participi passati del verbo seppellire (mi raccomando, seppellire, non seporre). La forma più comune è sepolto, che rispetta maggiormente l’etimologia.

E adesso proprio dal sito un rapido elenco di dubbi risolti:

Accedere: passato prossimo io ho acceduto, passato remoto io accedei/accedetti, tu accedesti, egli accedé/accedette. noi accedemmo, voi accedeste, essi accederono/accedettero; participio passato acceduto.

Dirimere: passato remoto io dirimei/dirimetti, tu dirimesti, egli dirimé/dirimette, noi dirimemmo, voi dirimeste, essi dirimerono/dirimettero; participio passato non in uso.

Espellere: indicativo presente io espello, tu espelli, egli espelle, noi espelliamo, voi espellete, essi espellono; congiuntivo presente che io espella, che tu espella, che egli espella, che noi espelliamo, che voi espelliate, che essi espellano; passato remoto io espulsi, tu espellesti, lui espulse, noi espellemmo, voi espelleste, essi espulsero; participio passato espulso.

Nuocere: passato remoto io nocqui, tu nocesti, egli nocque, noi nocemmo, voi noceste, essi nocquero; participio passato nociuto.

Piacere: indicativo presente io piaccio, tu piaci, egli piace, noi piaciamo, voi piacete, essi piacciono; passato remoto io piacqui, tu piacesti, egli piacque, noi piacemmo, voi piaceste, essi piacquero; congiuntivo presente che io piaccia, che tu piaccia, che egli piaccia, che noi piacciamo, che voi piaciate, che essi piacciano; participio passato piaciuto.

Premere: passato remoto io premei/premetti, tu premesti, egli premé/premette, noi prememmo, voi premeste, essi premerono/premettero; participio passato premuto.

Rimuovere: indicativo presente io rimuovo, tu rimuovi, egli rimuove, noi rimuoviamo, voi rimuovete, essi rimuovono; passato remoto io rimossi, tu rimovesti, lui rimosse, noi rimovemmo, voi rimoveste, essi rimossero; participio passato rimosso.

Sapere: passato remoto io seppi, tu sapesti, egli seppe, noi sapemmo, voi sapeste, essi seppero; participio presente sapiente; participio passato saputo.

Scuotere: passato remoto io scossi, tu scotesti, lui scosse, noi scuotemmo, voi scoteste, essi scossero; participio passato scosso.

Soccombere: passato remoto io soccombei/soccombetti, tu soccombesti, egli soccombé/soccombette, noi soccombemmo, voi soccombeste, essi soccomberono/soccombettero; participio passato non in uso.

Solere: indicativo presente io soglio, tu suoli, egli suole, noi sogliamo, voi solete, essi sogliono; passato remoto io solei, tu solesti, egli solé, noi solemmo, voi soleste, essi solerono; participio passato sòlito.

Splendere: passato remoto io splendei/splendetti, tu splendesti, egli splendé/splendette, noi splendemmo, voi splendeste, essi splenderono/splendettero; participio passato (raro e inserito solo in alcuni dizionari) splenduto.

  • http://www.alterminedelgiorno.blogspot.com/ Angelo

    Sbaglio o era da un po’ che mancavano i post sulla grammatica?

    Sono contento di rivederli: sono sempre utili ;)

    ciao

  • http://www.alterminedelgiorno.blogspot.com/ Angelo

    Sbaglio o era da un po’ che mancavano i post sulla grammatica?

    Sono contento di rivederli: sono sempre utili ;)

    ciao

  • Noe

    Tu sapesti molto bene grammatica. Con questo blog soglio imparare molte cose.
    Mi premette molto ringraziarti.
    :-p

    Ho caduto o son caduto, sempre a terra ho andato.

  • Noe

    Tu sapesti molto bene grammatica. Con questo blog soglio imparare molte cose.
    Mi premette molto ringraziarti.
    :-p

    Ho caduto o son caduto, sempre a terra ho andato.

  • http://www.canidacuccia.it Ignax

    Questa lezione è veramente impegnativa. Sono verbi di uso comune, ma per i quali il dubbio sulla corretta coniugazione resta.

    Ps
    Per un attimo ho rivisto i volti delle mie insegnanti di scuole che tutte insieme si fregavano le mani.

  • http://www.canidacuccia.it Ignax

    Questa lezione è veramente impegnativa. Sono verbi di uso comune, ma per i quali il dubbio sulla corretta coniugazione resta.

    Ps
    Per un attimo ho rivisto i volti delle mie insegnanti di scuole che tutte insieme si fregavano le mani.

  • erita

    questa cosa che avete fatto cioe questa pagina nn miè piaciuta affatto

  • Cristiana barbisan

    Non mi è stato risposto alla domanda: imperfetto indicativo di “disfare”.
    Vorrei vedere la coniugazione!
     

  • http://mrsbubba.com Livia

    Segue la forma del verbo fare, quindi disfacevo, disfacevi.

  • daniela.it

    se devo dire la verità non ho capito nulla ed io sono bravissima nai verbi

carlo lo re Violetta Lima Luciana Cameli Livia Di Pasquale Leandro Perrotta Ignazio Del Campo Fabiola Foti Alessandro Puglisi
Design & GUI by Mushin | Many Thanks to FamFamFam (icons) & Komodomedia (icons) & chrfb (icons) | WebStrategist (area test) | Hosted by MediaTemple