Grammatica di base per tutti – Femminile o maschile?

Scritto da: il 28.11.08
Articolo scritto da . Io sono Livia, classe 1980, e ho un problema con la lettura: leggo sempre, leggo tutto, leggo troppo. Ho contratto questo morbo da bambina, ma non esistendo un vaccino si è cronicizzato. Ho letto anche per lavoro, all'interno di una casa editrice. Credo che leggere sia sempre un bene, e che ci sia il libro "giusto" per ogni persona. E questo è ciò che voglio fare per gli altri internauti: metterli in contatto col libro che li sta aspettando. In alternativa la gestione di questa gabbia di matti mi aiuterà per quando diventerò imperatrice del mondo, supportata da Leto e Minerva.

Ricordo ancora qualcosa della mia prima settimana al liceo, un po’ per l’emozione un po’ per la stranezza di essere l’unica ad avere un compagno di banco e non una compagna di banco. Molti si conoscevano da prima, io non conoscevo nessuno.

E trovai un compagno di banco che iniziò subito a prendermi in giro (eppure non avevo l’aria da “secchiona”). Così, quando arrivammo a leggere non so più quale poesia, trovando l’eco seguito da un aggettivo, trovò risibile la mia ignoranza, dato che sostenevo che l’eco fosse femminile.

Finisce in -o, quindi è maschile. Nessun appello. Da quest’episodio cominciai ad avere il suo rispetto, quando con pazienza l’insegnante gli spiegò anche il motivo per cui eco è femminile (motivo anche mitologico).

Vero è che gran parte delle parole che terminano in -o sono maschili, e in -a femminili. Ma non possono sfuggire esempi contrari che hanno un uso quotidiano. Basti pensare alla mano, femminile, o al gorilla, maschile.

La presenza di nomi femminili in -o oppure di maschili in -a ha diverse ragioni: in alcuni casi dipende dalla loro etimologia, in altri dall’essere abbreviazioni di sostantivi. Alla prima categoria appartengono ad esempio poeta, virago e problema; alla seconda cinema, foto, radio.

So che suona noioso, ma anche qui un buon metodo, oltre a cercare autonomamente di ricostruire l’etimo o la derivazione, è tenere sempre il vocabolario a portata di mano, per ogni dubbio.

Commenti non consentiti

carlo lo re Violetta Lima Luciana Cameli Livia Di Pasquale Leandro Perrotta Ignazio Del Campo Fabiola Foti Alessandro Puglisi
Design & GUI by Mushin | Many Thanks to FamFamFam (icons) & Komodomedia (icons) & chrfb (icons) | WebStrategist (area test) | Hosted by MediaTemple