Che vuoi fare da grande? L’Editore!

Scritto da: il 09.06.09
Articolo scritto da . Io sono Livia, classe 1980, e ho un problema con la lettura: leggo sempre, leggo tutto, leggo troppo. Ho contratto questo morbo da bambina, ma non esistendo un vaccino si è cronicizzato. Ho letto anche per lavoro, all'interno di una casa editrice. Credo che leggere sia sempre un bene, e che ci sia il libro "giusto" per ogni persona. E questo è ciò che voglio fare per gli altri internauti: metterli in contatto col libro che li sta aspettando. In alternativa la gestione di questa gabbia di matti mi aiuterà per quando diventerò imperatrice del mondo, supportata da Leto e Minerva.

Chiariamo subito che quand’ero piccola, uno o due anni, sognavo di diventare un direttore d’orchestra. Mi mettevo su uno sgabello col grissino e fingevo d’essere Toscanini (a ognuno le sue perversioni); se mi chiedevano “che fai?”, disarmante rispondevo “io? Dirigggo”. Ho anche iniziato lo studio della musica, ma questa è un’altra storia.

Ora che sono grande (?) faccio tutt’altro mestiere, e non riterrei mai di avere la capacità di dirigere un’0rchestra; con tutto ciò che da questo naturalmente discende. Almeno, io sono così. Ma scopro sempre con sorpresa che non tutti la pensano come me.

Non appartengo a quella genia di persone che giudicano gli altri in base al titolo: trovo che Muti sia così non in virtù di un attestato ma per gli anni di studio, per l’aver ascoltato tanto e imparato da maestri prima di lui. Il fatto che un ragazzo sia laureato in Lettere – con specialistica in editing – non elimina la possibilità che scriva “corettore di bozze” o “propiamente” (fidatevi, è successo).

Per cui sono abbastanza serena quando mi chiedono “cosa si deve fare per aprire una casa editrice?”; è una domanda plausibile, non sempre c’è chiarezza nei manuali tecnici, spesso rivolti a persone già esperte e non divulgativi, e non molti editori rivelano agli stagisti tutti i passaggi della filiera del libro. Insomma, la trovo una legittima curiosità.

In genere inizio a spiegare dalle basi, non sapendo mai chi mi trovo di fronte. Parto da lontano, dal business plan e dal progetto editoriale, fondamenta per un’impresa culturale di qualunque tipo. Sono anche avvezza a vedere facce interdette (o il loro corrispettivo web 2.o) e piccoli segnali di esitazione. Poi mi addentro nelle questioni legali: forma societaria, questioni fiscali, dettagli tecnici.

Già qui le facce si rabbuiano un po’, pensavano ci fossero meno beghe legali; comincio ad intuire che non abbiano mai letto l’Ormezzano o i testi canonici, ma ok, l’Ormezzano un po’ fa paura, serio e pesante com’è. E poi non tutti sono tenuti a conoscere le questioni legali che regolano l’apertura di un’azienda, è per questo che chiedono, no?

Infine termino facendo una battuta: “[...] e ovviamente ti/vi serviranno editor, correttori di bozze, impaginatori e illustratori, magari qualcuno che riunisca più aspetti, ma almeno un paio di persone”. Per me è chiaramente una battuta. Per loro no. E ti dicono “pure questo!” e si stupiscono che ci vogliano professionisti. Vengo così a scoprire che era un’idea dettata semplicemente da un piglio volitivo, dal “vorrei lavorare in editoria” (cosa sai fare? Sono un ottimo e attento coretore di bozze).

Ecco. A costoro dico: non sono obbligatori lauree e corsi specialistici, ma almeno un minimo sindacale di competenza. Il minimo, giuro. Se non l’avete, iniziate dalla gavetta, andate a fare stage su stage, osservate, provate, imparate. Ché ad aprire un’azienda c’è tempo. A fallire anche meno.

  • Daniele B.

    Eh eh.

  • Daniele B.

    Eh eh.

  • Noe

    Cioè? —–> battuta a uso e consumo esclusivo di Livia.
    -
    La apriresti tu per me? —–> Altra battuta a uso e consumo esclusivo di Livia.
    -
    A cinque anni volevo vivere in una fattoria con tanti animali; a sette circa volevo scrivere e fare l’archeologa. A undici volevo fare la mamma e volevo tanto un bambino. A dodici volevo aprire un centro di Accoglienza e Rieducazione per Cani Randagi. A diciannove volevo fare qualcosa di concreto per aiutare le persone. A momenti alterni vorrei anche trovare un tipo che voglia condividere con me tutto ciò. :-p
    Voglio ancora tutte queste cose, alcune sto lavorando per ottenerle e altre le farò coincidere un progetto di vita globale del quale sto ancora definendo i dettagli. Questo per dire che, come tutti i bambini che si rispettino, quando Noemi vuole una cosa, col cavolo che se la scorda (tratto dalla mia autobiografia “Si, sto ancora aspettando che X si innamori di me”), e lo stesso vale per i sogni.
    -
    Questo non c’entra nulla con la discussione, a parte questo: sognare è senza dubbio bello, però è importante capire quanto è sogno e quanto è capriccio. Un sogno è una parte di te, un sogno è te. E’ una cosa con la quale ti alzi e con la quale vai a dormire, una cosa per la quale lotti e ti impegni. Un sogno è un lato del tuo carattere che se non si può esprimere in quel modo, almeno si esprimerà in modo simile. E se non si realizzerà, non sarà certo per mancanza di impegno. Oggi c’è un sacco di gente che vuole fare questo, quello, e quell’altro. O meglio: che vuole questo, quello o quell’altro. Ma li vuole belli fatti, puliti e apparecchiati. Come può essere tuo un progetto, se non sai come è nato, se non ci hai sudato sopra, se non hai sorriso quando decolleva e non l’hai sorretto quando rischiava di precipitare?
    -
    Oggi aprire una casa editrice è fattibile, con un minimo di conoscenza e di impegno.
    Portarla avanti è un’altra storia.
    E se uno trema già solo per la prospettiva della difficoltà di aprirla, ci levi mano.

  • Noe

    Cioè? —–> battuta a uso e consumo esclusivo di Livia.
    -
    La apriresti tu per me? —–> Altra battuta a uso e consumo esclusivo di Livia.
    -
    A cinque anni volevo vivere in una fattoria con tanti animali; a sette circa volevo scrivere e fare l’archeologa. A undici volevo fare la mamma e volevo tanto un bambino. A dodici volevo aprire un centro di Accoglienza e Rieducazione per Cani Randagi. A diciannove volevo fare qualcosa di concreto per aiutare le persone. A momenti alterni vorrei anche trovare un tipo che voglia condividere con me tutto ciò. :-p
    Voglio ancora tutte queste cose, alcune sto lavorando per ottenerle e altre le farò coincidere un progetto di vita globale del quale sto ancora definendo i dettagli. Questo per dire che, come tutti i bambini che si rispettino, quando Noemi vuole una cosa, col cavolo che se la scorda (tratto dalla mia autobiografia “Si, sto ancora aspettando che X si innamori di me”), e lo stesso vale per i sogni.
    -
    Questo non c’entra nulla con la discussione, a parte questo: sognare è senza dubbio bello, però è importante capire quanto è sogno e quanto è capriccio. Un sogno è una parte di te, un sogno è te. E’ una cosa con la quale ti alzi e con la quale vai a dormire, una cosa per la quale lotti e ti impegni. Un sogno è un lato del tuo carattere che se non si può esprimere in quel modo, almeno si esprimerà in modo simile. E se non si realizzerà, non sarà certo per mancanza di impegno. Oggi c’è un sacco di gente che vuole fare questo, quello, e quell’altro. O meglio: che vuole questo, quello o quell’altro. Ma li vuole belli fatti, puliti e apparecchiati. Come può essere tuo un progetto, se non sai come è nato, se non ci hai sudato sopra, se non hai sorriso quando decolleva e non l’hai sorretto quando rischiava di precipitare?
    -
    Oggi aprire una casa editrice è fattibile, con un minimo di conoscenza e di impegno.
    Portarla avanti è un’altra storia.
    E se uno trema già solo per la prospettiva della difficoltà di aprirla, ci levi mano.

  • Noe

    Scusate la sgrammaticatezza ma ho un po’ sonno.

  • Noe

    Scusate la sgrammaticatezza ma ho un po’ sonno.

  • http://liblog.blogdo.net Livia

    Noe ha scritto:

    Un sogno è una parte di te, un sogno è te. E’ una cosa con la quale ti alzi e con la quale vai a dormire, una cosa per la quale lotti e ti impegni. Un sogno è un lato del tuo carattere che se non si può esprimere in quel modo, almeno si esprimerà in modo simile. E se non si realizzerà, non sarà certo per mancanza di impegno. Oggi c’è un sacco di gente che vuole fare questo, quello, e quell’altro. O meglio: che vuole questo, quello o quell’altro. Ma li vuole belli fatti, puliti e apparecchiati. Come può essere tuo un progetto, se non sai come è nato, se non ci hai sudato sopra, se non hai sorriso quando decollava e non l’hai sorretto quando rischiava di precipitare?

    Né più né meno quello che penso io.

  • http://liblog.blogdo.net Livia

    Noe ha scritto:

    Un sogno è una parte di te, un sogno è te. E’ una cosa con la quale ti alzi e con la quale vai a dormire, una cosa per la quale lotti e ti impegni. Un sogno è un lato del tuo carattere che se non si può esprimere in quel modo, almeno si esprimerà in modo simile. E se non si realizzerà, non sarà certo per mancanza di impegno. Oggi c’è un sacco di gente che vuole fare questo, quello, e quell’altro. O meglio: che vuole questo, quello o quell’altro. Ma li vuole belli fatti, puliti e apparecchiati. Come può essere tuo un progetto, se non sai come è nato, se non ci hai sudato sopra, se non hai sorriso quando decollava e non l’hai sorretto quando rischiava di precipitare?

    Né più né meno quello che penso io.

carlo lo re Violetta Lima Luciana Cameli Livia Di Pasquale Leandro Perrotta Ignazio Del Campo Fabiola Foti Alessandro Puglisi
Design & GUI by Mushin | Many Thanks to FamFamFam (icons) & Komodomedia (icons) & chrfb (icons) | WebStrategist (area test) | Hosted by MediaTemple