Aspiranti e pretese

Scritto da: il 20.03.09
Articolo scritto da . Io sono Livia, classe 1980, e ho un problema con la lettura: leggo sempre, leggo tutto, leggo troppo. Ho contratto questo morbo da bambina, ma non esistendo un vaccino si è cronicizzato. Ho letto anche per lavoro, all'interno di una casa editrice. Credo che leggere sia sempre un bene, e che ci sia il libro "giusto" per ogni persona. E questo è ciò che voglio fare per gli altri internauti: metterli in contatto col libro che li sta aspettando. In alternativa la gestione di questa gabbia di matti mi aiuterà per quando diventerò imperatrice del mondo, supportata da Leto e Minerva.

Oggi sfrutterò biecamente il caro Moscatelli per le mie divagazioni. Lui, scrittore ed editore (sognatore) affresca una delle tante situazioni tra il comico e il tragico che affrontano gli editori. Qualcuno degli aspiranti scrittori, di quelli sensati, intendo, sicuramente resterà basito e penserà che sono esagerazioni: invito costoro a fare un paio di mesi di stage in case editrici piccole e oneste, giusto per toccare con mano.

La conversazione ricalca con precisione le richieste di taluni (tanti) aspiranti scrittori quando arrivano al contatto con l’editore.

La prima richiesta è: voglio che il mio manoscritto venga letto sul serio.
Ok, io questo lo faccio.

La seconda è: gradirei per una volta un parere che non si risolva nelle solite due righe (del tipo: “siamo spiacenti di comunicarle che il suo lavoro non è stato accettato, le auguriamo maggiore fortuna e bla bla bla”).
Ok, io spedisco schede di valutazione coi fiocchi.

La terza è: non voglio pagare alcun contributo per la pubblicazione.
Fin qui ci siamo, direi.

La quarta è: non voglio essere preso in giro, se sul contratto c’è scritto che non chiedete denaro non dovete poi uscirvene con pretese tipo “mi devi 400 euro per il codice ISBN, per il servizio di editing e così via”.
Benissimo, di editing, ISBN, correzione bozza e tutto il resto me ne occupo io.

La quinta è: il mio libro deve finire in mezzo ad altri libri validi, non voglio restare in compagnia di scribacchini senza alcun talento…
Anche questa richiesta, per quanto un po’ altezzosa, mi pare esaudibile, almeno a giudicare da quel che si dice in giro riguardo i libri dei Sognatori.

Stessa cosa per la sesta richiesta: il libro non deve fare schifo da un punto di vista tecnico ed estetico, ci ho messo l’anima e un mucchio di tempo per poterlo terminare.
Ok, dopotutto sono stato anch’io uno scrittore e so che significa lasciare la propria “creazione” nelle mani di estranei. Per questo ci metto tanta cura e tanta attenzione in quello che faccio.

Ma le richieste fioccano, e da un certo punto in poi – a volte – si perde il senso della misura.
Io non voglio che il mio lavoro subisca alcun taglio, e il titolo deve restare quello. Anzi, ho già pronta una copertina che ci starebbe da dio…
Sì, va beh, e allora io che ci sto a fare?

E voglio che il mio libro arrivi in tutte le librerie.
A dire il vero non è così semplice entrare in…

E voglio che nella libreria il mio lavoro sia ben visibile.
Ecco, proprio qualche giorno fa facevo presente che…

E la promozione deve essere reale, non devo fare tutto io.
Posso garantire il massimo impegno sul piano promozionale, ma vorrei sottolineare il fatto che…

E nelle presentazioni ci deve essere un bel po’ di gente, non quattro sfigati.
Si fa quel che si può, ma se i lettori sono refrattari a…

L’editore è un imprenditore, servono grossi investimenti, collane, presentazioni a raffica.
Nient’altro?

E chiaramente bisogna puntare a una ristampa.
Quella è sempre auspicabile, ma a volte con tutta la buona volontà non si riesce davvero a…

L’importante è stampare subito una tiratura rilevante, tipo 5.000 copie.
Quante?

[...] Quindi lei legge tutti i manoscritti, invia schede di lettura, pubblica buoni libri e utilizza materiali di qualità per la stampa?
Così dicono.

[...] Grande! E ovviamente ha collane, distribuzione in libreria, stampa tirature alte e piazza i lavori nelle vetrine più prestigiose.
A dire il vero no.

Ah, si scoprono gli altarini! E perche no?
Così, perché mi piace morire di fame. Ho tendenze masochistiche: respingo le suppliche di tutte le librerie italiane, rifiuto di veder comparire in vetrina i miei libri e nonostante centinaia di migliaia di richieste, stampo 10 copie per opera.

Cosa??? Ma lei è un mostro!

No, caro imbecille, i mostri sono altri.
Sono quelli che parlano di “arte” e “amore per la letteratura” fingendo di voler essere pubblicati per semplice passione, e invece poi pretendono la luna da chi deve tenere i piedi ben saldi su questo pianeta.
Sono quelli che vogliono essere letti e valutati da gente con una certa cultura (perché altrimenti nessuno potrà mai capire il loro Capolavoro) ma non sanno nemmeno coniugare un congiuntivo.
Sono quelli che si definiscono “sognatori come voi” e poi reclamano freddi dati matematici, perché loro devono affidarsi a una casa editrice “di successo”.
Sono quelli che chiedono rispetto per il proprio lavoro senza mostrarlo per quello altrui.
Sono quelli che dicono “a morte l’editoria a pagamento” ma non si degnano di fare qualcosa di concreto per tenere in vita quella NON a pagamento.
Sono quelli che esigono di vendere migliaia di copie del proprio libro, ma quando si tratta di acquistare il romanzo di un collega altrettanto sconosciuto grugniscono schifati.
Sono quelli che vogliono vedere il proprio libro in vetrina ma quando entrano o passano davanti alle librerie adocchiano i soliti nomi (che bello, l’ultimo della Kinsella!).
Sono quelli che hanno tutto da dimostrare ma le credenziali le pretendono solamente dall’Editore.
Sono quelli che tanto gli editori son tutti uguali.
Sono quelli che adesso vi spiego io cosa dovreste fare, e le uniche cose utili che davvero dovrebbero fare (scrivere qualcosa di decente come autori e sostenere anche l’editoria coraggiosa come lettori) vengono seppellite sotto un cumulo di consigli bislacchi (avete provato a vendere i vostri libri nelle stazioni?) e paternalismi d’altri tempi (eh, con gli ideali non si mangia…).
Sono quelli che conoscono (per sentito dire) l’universo editoriale da tre mesi e nonostante questo si improvvisano esperti di marketing e promozione editoriale… ma quando vanno a fare la spesa nemmeno si accorgono di aver ricevuto il resto sbagliato.
Atteggiamenti diffusi.

Ed io la mostruosità, al pari del mio mentore, l’ho sempre vista annidata nel comune, nel normale, nell’ordinario…

Ora, non tutti gli aspiranti scrittori sono in questo modo, ringraziando il cielo. Ma spesso anche io ho avuto scambi di battute simili, fortunatamente limitati a un mero livello teorico: era infatti in momenti di discussione e non di lavoro. E ogni volta ho fatto un’istantanea dell’interlocutore per ricordare che, se mai mi fossi trovata a dover scegliere se pubblicarlo o meno, avrei dovuto rinunciare, a meno di non avere davanti uno scritto da Nobel.

  • Noe

    Avete pensato di vendere i vostri romanzi nelle sale dei dentisti? C’è sempre un sacco di gente che aspetta dai dentisti; anche negli ospedali e alle poste. Non c’è niente di più noioso che le file alle poste. A parte le file nelle banche. Poi se uno è in banca forse ha appena prelevato dei soldi e il libro lo può comprare.

    E vicino ai cassonetti della carta da riciclare? ci sono gli ossessivi-compulsivi del riciclaggio che comprerebbero un libro e lo metterebbero nel cestino, pur di avere seduta stante della carta da riciclare.

    Ho anche un paio di richieste, semplici semplici:

    1) Vorrei che il mio libro superasse in vendite “tre metri sopra il cielo” nel primo mese, in modo che verso il terzo si possa superare anche “Il signore degli Anelli”. Non pretendo sia fatto tutto e subito, ma tre mesi mi sembra un tempo ragionevole.

    2) Pretendo che sia contattato qualche grande regista al più presto, in modo che la pubblicazione del libro e le riprese del film procedano in parallelo. Sarà un’ottima pubblicità per il libro, farlo uscire insieme al film (avete pensato di venderlo all’uscita dal cinema? Sarebbe molto comodo per tutti e con un’aggiunta di un euro potreste dare in omaggio i pop corn). Per il cast non pretendo molto. Diciamo che di Jhonny Depp, Orlando Bloom, Matt Damon e qualche altro, potrei accontentarmi. Ovviamente come comparse, per i protagonisti ci sto ancora pensando, dipende da chi vince più Oscar ai prossimi Oscar.

    3) Il libro in libreria dev’essere ben visibile, anzi, sarebbe meglio si vedesse solo quello, tanto per gli altri c’è il magazzino.

    4) Alle presentazioni, vorrei delle personalità di spicco, e penso che uno stadio pieno di gente possa bastare, poi magari facciamo più presentazioni perché non vorrei che una non bastasse per tutti.

    5) Avevo già pensato a come realizzare la copertina; pensavo ad una rilegatura in argento, con dei brillanti incastonati e qualche altra bazzecola del genere.

    Soddisfatte queste richieste, non mi interessa neanche poi molto che voi, il libro, lo leggiate sul serio. Purché i soldi nel conto in banca ci arrivino, però. Io credo nei vostri ideali ma voi dovete portarmi il pranzo in tavola, eh.

    Ma tanto voi editori siete tutti uguali, che ve lo dico a fare? Bah.

    :-p :-p :-p
    Al di là degli scherzi, massima solidarietà.

  • Noe

    Avete pensato di vendere i vostri romanzi nelle sale dei dentisti? C’è sempre un sacco di gente che aspetta dai dentisti; anche negli ospedali e alle poste. Non c’è niente di più noioso che le file alle poste. A parte le file nelle banche. Poi se uno è in banca forse ha appena prelevato dei soldi e il libro lo può comprare.

    E vicino ai cassonetti della carta da riciclare? ci sono gli ossessivi-compulsivi del riciclaggio che comprerebbero un libro e lo metterebbero nel cestino, pur di avere seduta stante della carta da riciclare.

    Ho anche un paio di richieste, semplici semplici:

    1) Vorrei che il mio libro superasse in vendite “tre metri sopra il cielo” nel primo mese, in modo che verso il terzo si possa superare anche “Il signore degli Anelli”. Non pretendo sia fatto tutto e subito, ma tre mesi mi sembra un tempo ragionevole.

    2) Pretendo che sia contattato qualche grande regista al più presto, in modo che la pubblicazione del libro e le riprese del film procedano in parallelo. Sarà un’ottima pubblicità per il libro, farlo uscire insieme al film (avete pensato di venderlo all’uscita dal cinema? Sarebbe molto comodo per tutti e con un’aggiunta di un euro potreste dare in omaggio i pop corn). Per il cast non pretendo molto. Diciamo che di Jhonny Depp, Orlando Bloom, Matt Damon e qualche altro, potrei accontentarmi. Ovviamente come comparse, per i protagonisti ci sto ancora pensando, dipende da chi vince più Oscar ai prossimi Oscar.

    3) Il libro in libreria dev’essere ben visibile, anzi, sarebbe meglio si vedesse solo quello, tanto per gli altri c’è il magazzino.

    4) Alle presentazioni, vorrei delle personalità di spicco, e penso che uno stadio pieno di gente possa bastare, poi magari facciamo più presentazioni perché non vorrei che una non bastasse per tutti.

    5) Avevo già pensato a come realizzare la copertina; pensavo ad una rilegatura in argento, con dei brillanti incastonati e qualche altra bazzecola del genere.

    Soddisfatte queste richieste, non mi interessa neanche poi molto che voi, il libro, lo leggiate sul serio. Purché i soldi nel conto in banca ci arrivino, però. Io credo nei vostri ideali ma voi dovete portarmi il pranzo in tavola, eh.

    Ma tanto voi editori siete tutti uguali, che ve lo dico a fare? Bah.

    :-p :-p :-p
    Al di là degli scherzi, massima solidarietà.

  • http://www.lasvegasedizioni.splinder.com Andrea

    Tutto molto vero…

  • http://www.lasvegasedizioni.splinder.com Andrea

    Tutto molto vero…

carlo lo re Violetta Lima Luciana Cameli Livia Di Pasquale Leandro Perrotta Ignazio Del Campo Fabiola Foti Alessandro Puglisi
Design & GUI by Mushin | Many Thanks to FamFamFam (icons) & Komodomedia (icons) & chrfb (icons) | WebStrategist (area test) | Hosted by MediaTemple