La vita di Gesù raccontata ai più piccoli, Martelli – Wolf

Scritto da: il 09.04.09
Articolo scritto da . Sono una mamma bionica e sono sposata con il marito platonicamente perfetto. Ho una casa senza isolamento acustico e cinque bambini molto rumorosi. Porto i capelli lunghi perché ho solo due mani. Sono nata per scrivere: me lo ripeto soprattutto mentre sconto il sacrificio di montagne di panni da stirare. Cucino discretamente e preparo dosi da battaglione. Ho un sogno nel cassetto: il Varese in serie A. Naturalmente i giocatori saranno tutti figli miei!

Ve lo devo confessare: per questa pagina, complice la grande tristezza per il terremoto d’Abruzzo, ero proprio a corto di idee. Ho iniziato almeno tre file diversi, senza mai portare a termine ogni nuova recensione, senza mai trovarla appropriata al momento per il quale era destinata: la settimana santa. Quando stavo per gettare definitivamente la spugna, pardon la tastiera, mi è caduto l’occhio su un libro da poco sistemato nella biblioteca dei miei bambini: La Vita di Gesù raccontata ai più piccoli, per le edizioni della Dami, casa specializzata nella letteratura per ragazzi. Una classica intuizione felice dell’ultim’ora, nata dal dono per l’ottavo compleanno del mio primogenito, Enrico.

Si tratta di un libro datato, pubblicato nel 1987, quindi giunto – per usare una metafora cara al mondo delle degustazioni – ad un giusto invecchiamento. Come a volte accade per i libri dall’intenzione scarsamente commerciale, oggi è fuori catalogo; anzi, per meglio descrivere la sua fortuna attuale, giace come fondo di magazzino presso la Giunti, che sta smaltendolo via Webster ma che lo concede col contagocce presso i propri circuiti di negozio.

È successo, così, che mio marito, avendolo adocchiato su internet come naturale proseguimento di una Bibbia raccontata ai bambini già in nostro possesso, lo ordinasse presso la libreria Giunti a noi più vicina, salvo poi imbattersi in una serie di peripezie che ce lo hanno fatto alquanto desiderare. Per farla breve, è stato un susseguirsi di telefonate, di disguidi – esiste in commercio, oggi, un libro molto simile ai due di cui sopra, e che ne è la sintesi (Vecchio e Nuovo Testamento in un sol colpo tanto per intenderci) e che ci volevano affibbiare a tutti i costi; di date previste per l’arrivo confermate e poi smentite all’ultimo momento; di gite in libreria e di ritorni a mani vuote a causa di commessi un po’ stralunati.

Quando finalmente siamo giunti in possesso del volume – piuttosto in extremis ma meglio tardi che mai – e abbiamo tirato il fiato, sin dalla prima occhiata ci siamo resi conto di aver indovinato l’acquisto. Così come la Bibbia di cui sopra, anche questa Vita di Gesù, scritta da Stelio Martelli, è illustrata dalle matite incantevoli di Tony Wolf, nome associato a molti libri per l’infanzia, scelto dalla Dami per istoriare ad esempio le più celebri favole di tutti i tempi.

Il testo, in stampatello minuscolo ma a caratteri ingranditi, non è una semplice didascalia: al contrario, pur rimanendo a margine delle particolarissime illustrazioni, è una riduzione accuratamente filologica dei Vangeli ed è al tempo stesso fruibile da un pubblico di piccoli lettori, pur accompagnati nella lettura da un adulto che li aiuti a comprendere ed entrare nel mistero evocato dalle pagine.

Potrebbe essere specificamente pensato per bambini che intraprendono la catechesi per la prima comunione, ed è per questo che mamma e papà lo hanno regalato al piccolo Enrico. Nelle sue grandi pagine il messaggio intenso della vita, della sofferenza, della morte e della resurrezione, pur sciolto in colori e parole appropriate ad una ricezione infantile, non subisce cesure, non è alterato da edulcoranti, risonanze rockettare e moderniste.

Cristo non è venduto a buon mercato: è raffigurato invece sulla Croce, con la corona di spine. Il cielo improvvisamente fattosi oscuro, esclama: “Dio mio, Dio mio, perché mi hai abbandonato?”; e, mentre la terra trema, “tutti sentono tremare il loro cuore: perché il figlio di Dio è morto”.

Una bellissima raffigurazione dell’agnello pasquale suggella l’ultima pagina e anche il cuore dei lettori. Non fatevelo dunque mancare per Pasqua e siate più scaltri di me: ordinatelo su Webster prima che le copie siano del tutto esaurite. Avrete in mano un autentico capolavoro di letteratura per l’infanzia, da conservare in libreria e sfogliare passandolo a figli e nipoti.

Approfitto di questo spazio per augurare una buona Pasqua a voi tutti, alle vostre famiglie e allo staff degli amici di Liblog.

Commenti non consentiti

carlo lo re Violetta Lima Luciana Cameli Livia Di Pasquale Leandro Perrotta Ignazio Del Campo Fabiola Foti Alessandro Puglisi
Design & GUI by Mushin | Many Thanks to FamFamFam (icons) & Komodomedia (icons) & chrfb (icons) | WebStrategist (area test) | Hosted by MediaTemple