Gli angeli danzano, gli angeli muoiono, Butler

Scritto da: il 29.06.10
Articolo scritto da . Non c'è Compagnia senza un elfo, perciò - aderendo al contratto nazionale delle Orecchie a Punta - eccomi qua. Ho anche un nome normale, Alessandra, ma quelli che mi chiamano così si contano sulla punta delle dita. Voglio salutare papà, mamma, e tutti quelli che mi hanno permesso di arrivare fin qui...cosa? Non è il Festival di Sanremo? E va be', dai, siate buoni!!! ;)

Come forse qualcuno avrà intuito, sono una fan di Jim Morrison. La sua vita, il suo essere ben oltre la realtà del suo tempo, ma anche la sua poetica mai abbastanza riconosciuta, hanno esercitato un fascino insondabile su diverse generazioni, tra cui la mia. Un fascino tale che i fiumi di inchiostro spesi per indagarne ogni minimo aspetto non sembrano mai essere sufficienti.

Per quel che mi riguarda, credo di aver letto quattro o cinque biografie su Jim e i Doors e pensavo di averne abbastanza. Poi, su uno scaffale dimenticato, ho notato questa: una bella edizione della Piemme di Gli angeli danzano, gli angeli muoiono, il romanzo di Patricia Butler sulla storia d’amore di Jim Morrison e Pamela Courson, la sua compagnia ufficiale.

Se devo dire la verità, il punto debole è la coerenza del testo: il libro si basa per lo più sui racconti fatti alla scrittrice da parte dei personaggi dell’entourage dei Doors, diretti testimoni della vita a due di Jim e Pam. Il risultato non è né romanzo, né raccolta di interviste, ma un ibrido poco organico. A parte ciò però emergono con dovizia di particolari le figure di Jim e Pam nei loro ruoli di “seducenti sbandati” che tanto fanno presa sul pubblico.

Ciò che mi ha colpita di più è senza dubbio il tentativo di “difendere” Pam Courson dalle accuse che nel corso del tempo le sono state mosse: quelle cioè di aver causato – direttamente o indirettamente – la morte del rocker. Secondo questo libro, dopo una vita senza alcuna regola, Jim sarebbe deceduto per un banale attacco d’asma. Altre biografie ritengono che la crisi sia pervenuta in seguito ad un’overdose di eroina.

Se fosse vera la prima ipotesi Pam risulterebbe innocente, nel secondo caso – data la sua morte per overdose tre anni più tardi – potremmo avere qualche dubbio.

Secondo me, la morte del leader dei Doors è un mistero che resterà tale ed è preferibile ricordarne le opere, piuttosto che la condotta sregolata. Quel che è certo è che, nonostante i reciproci tradimenti, le sfuriate e le riconciliazioni, il matrimonio mancato, l’assenza di figli, le separazioni, i tentativi di mettere la testa a posto, l’alcool e la fama che potevano essere d’ostacolo, questi due si amarono moltissimo.

Per contrasto, la Butler fa giocare ai componenti dei Doors un ruolo quasi da antagonisti: Pam detestava il legame tra Jim e gli altri del gruppo, perché essi rappresentavano degli ostacoli alla realizzazione di ciò che lei credeva essere il bene per il proprio uomo, tanto è vero che il loro periodo più sereno sembra essere stato quello trascorso a Parigi lontano da tutto e da tutti.

Nonostante il libro si presenti come resoconto di una storia d’amore è inevitabile che l’attenzione del lettore si sposti più su Jim, nonostante i tentativi dell’autrice di elevare Pam sullo stesso altare. In questo forse il progetto non è riuscito a pieno, ma si trattava di una missione davvero difficile considerando di stare trattando la vita di un personaggio ormai entrato nella leggenda della musica contemporanea.

Il che, per Jim Morrison, è un limite: più che mai si fa caso alla sua aura da rocker maledetto invece di prestare ascolto alla sua voce di poeta sensibile e fragile, osservatore di un’epoca di profondi mutamenti e suo testimone autorevole.

  • Lizard

    sicuramente un bellissimo libro che aimè manca alla mia collezione dei libri che ho di jim morrison sono da tempo in cerca di questo libro ma qui su internet non riesco a trovare nessuno che lo vende nessuna libreria online che ce lo abbia che sfortunaaaaa come faccio? se qualcuno vorrebbe venderlo rispondetemi grazie!!!!!

carlo lo re Violetta Lima Luciana Cameli Livia Di Pasquale Leandro Perrotta Ignazio Del Campo Fabiola Foti Alessandro Puglisi
Design & GUI by Mushin | Many Thanks to FamFamFam (icons) & Komodomedia (icons) & chrfb (icons) | WebStrategist (area test) | Hosted by MediaTemple