De André talk, Sassi-Pistarini

Scritto da: il 01.05.09
Articolo scritto da . Nato a Padova due mesi dopo l’uscita di Atom Heart Mother. I due eventi non sono correlati ma è per aiutare i più sagaci a capire la mia età e che cd non regalarmi per il mio compleanno. Non mi piacciono: le sovraccoperte dei libri sgualcite e ingiallite, le scatoline dei cd coi dentelli spezzati, le “orecchie” per segnare la pagina. Lavoro, disegno, scrivo, sento musica, vedo gente e faccio cose, tutto questo quasi sempre a Padova.

De André Talk – Sassi e PistariniMolti sono ormai i libri dedicati alla figura e all’opera di Fabrizio De André. A testimonianza di quanto e quale segno abbia lasciato nella vita culturale italiana e in quella emotiva di molti di noi. E di quale vuoto.

Ed è arrivato da non molto in libreria un nuovo volume dedicato a Faber, intitolato De André talk, a cura di Claudio Sassi e Walter Pistarini, questa volta interessantissimo perché costituito integralmente da una raccolta di interviste e articoli di stampa che coprono l’intera sua carriera, dai timidi esordi datati 1958 alla scomparsa avvenuta nel 1999. Come sappiamo, troppo presto.

Quarant’anni di musica, parole e idee raccontati quindi per la maggior parte dalle parole di De André stesso, che sono poi quasi sempre le più sensate, le più illuminanti e anche le più toccanti. Intendiamoci, è evidentemente un libro destinato ai cultori e a chi desideri approcciarsi alla storia di Fabrizio sapendone già più di qualcosa, avendone già una certa conoscenza. Emerge dalla lettura una serie di motivi ricorrenti, ma anche una coerente evoluzione di pensiero, oltre a una notevole dose di autoironia con la quale stemperava una malcelata alta considerazione di sé stesso e della propria opera.

E ogni volta è una sorpresa leggere il lucido e sferzante pensiero di Fabrizio, e soprattutto l’umanità, la profonda umanità con la quale parlava di qualunque cosa, l’anarchia, la solitudine, l’amicizia, il rapimento di cui fu vittima in Sardegna, l’amore per gli ultimi.

Il libro è arricchito dalla riproduzione a colori di alcune copertine e pagine d’epoca, da Ciao 2001 a Gente, Oggi, fino ad autentiche e incredibili chicche come “I romanzi della cronaca nera: i divi rapiti” con Fabrizio, Dori Ghezzi e un banditaccio armato di lupara ritratti come nelle copertine dei romanzi di Salgari della nostra infanzia. Roba d’altri tempi. Come roba d’altri tempi era il talento di De André, oggi che siamo rassegnati ad Amici e ad X Factor e che certe canzoni ci sembrano un commovente miracolo.

Con Fabrizio si può bere un po’ tutto ma oggi ci metterei un Malvasia delle Lipari, fresco e mediterraneo come una Creuza de ma.

carlo lo re Violetta Lima Luciana Cameli Livia Di Pasquale Leandro Perrotta Ignazio Del Campo Fabiola Foti Alessandro Puglisi
Design & GUI by Mushin | Many Thanks to FamFamFam (icons) & Komodomedia (icons) & chrfb (icons) | WebStrategist (area test) | Hosted by MediaTemple