Parola di Peixoto (da Una casa nel buio)

Scritto da: il 29.10.08
Articolo scritto da . Io sono Livia, classe 1980, e ho un problema con la lettura: leggo sempre, leggo tutto, leggo troppo. Ho contratto questo morbo da bambina, ma non esistendo un vaccino si è cronicizzato. Ho letto anche per lavoro, all'interno di una casa editrice. Credo che leggere sia sempre un bene, e che ci sia il libro "giusto" per ogni persona. E questo è ciò che voglio fare per gli altri internauti: metterli in contatto col libro che li sta aspettando. In alternativa la gestione di questa gabbia di matti mi aiuterà per quando diventerò imperatrice del mondo, supportata da Leto e Minerva.

Nelle parole che ho scritto rimane quello che ho pensato per un momento, o per un anno, o per tutta la vita. Nelle parole che ho scritto permane quello che sono stato, quello che non so se sono ancora. Quando qualcuno legge un mio libro vicino a me sono un bambino che si vergogna.

Una casa nel buio, Josè Luis Peixoto

  • http://alterminedelgiorno.blogspot.com Angelo

    Bellissima!

    E con questa semplice citazione mi hai incuriosito anche sul libro.
    Appena posso lo prendo

  • http://alterminedelgiorno.blogspot.com Angelo

    Bellissima!

    E con questa semplice citazione mi hai incuriosito anche sul libro.
    Appena posso lo prendo

  • http://liblog.bloglist.it/ Caym, alias Livia

    Io lo sto finendo (conto di finirlo stasera), per cui la recensione sarà online lunedì o martedì.

  • http://liblog.bloglist.it/ Caym, alias Livia

    Io lo sto finendo (conto di finirlo stasera), per cui la recensione sarà online lunedì o martedì.

carlo lo re Violetta Lima Luciana Cameli Livia Di Pasquale Leandro Perrotta Ignazio Del Campo Fabiola Foti Alessandro Puglisi
Design & GUI by Mushin | Many Thanks to FamFamFam (icons) & Komodomedia (icons) & chrfb (icons) | WebStrategist (area test) | Hosted by MediaTemple