Parola di Francesco Lugli

Scritto da: il 01.04.09
Articolo scritto da . Io sono Livia, classe 1980, e ho un problema con la lettura: leggo sempre, leggo tutto, leggo troppo. Ho contratto questo morbo da bambina, ma non esistendo un vaccino si è cronicizzato. Ho letto anche per lavoro, all'interno di una casa editrice. Credo che leggere sia sempre un bene, e che ci sia il libro "giusto" per ogni persona. E questo è ciò che voglio fare per gli altri internauti: metterli in contatto col libro che li sta aspettando. In alternativa la gestione di questa gabbia di matti mi aiuterà per quando diventerò imperatrice del mondo, supportata da Leto e Minerva.

E poi c’era Spinchio (l’opposto di una bella bestia!), il mio Spinchio, praticamente un’aberrazione genetica, incrocio tra un setter e un… be’ non l’ho mai capito… forse un castoro o una lontra, o forse un tostapane.
Gambe corte, tronco allungato, faccia da volpino e pelo da gatto Persiano… il mio Spinchio malgrado somigli più ad una supposta che a un quadrupede, non lo cambierei per niente al mondo; è il mio unico vero amico, di sicuro l’unico fedele. Non fa domande, non mi giudica e qualunque cosa accada, è sempre lì, con il suo legnetto in bocca, pronto a giocare.

Francesco Lugli, Amo il mio lavoro

Commenti non consentiti

carlo lo re Violetta Lima Luciana Cameli Livia Di Pasquale Leandro Perrotta Ignazio Del Campo Fabiola Foti Alessandro Puglisi
Design & GUI by Mushin | Many Thanks to FamFamFam (icons) & Komodomedia (icons) & chrfb (icons) | WebStrategist (area test) | Hosted by MediaTemple