Parola di Daniel Wallace (su Inutile)

Scritto da: il 15.09.09
Articolo scritto da . Io sono Livia, classe 1980, e ho un problema con la lettura: leggo sempre, leggo tutto, leggo troppo. Ho contratto questo morbo da bambina, ma non esistendo un vaccino si è cronicizzato. Ho letto anche per lavoro, all'interno di una casa editrice. Credo che leggere sia sempre un bene, e che ci sia il libro "giusto" per ogni persona. E questo è ciò che voglio fare per gli altri internauti: metterli in contatto col libro che li sta aspettando. In alternativa la gestione di questa gabbia di matti mi aiuterà per quando diventerò imperatrice del mondo, supportata da Leto e Minerva.

Poi mi sorrise, amichevolmente, e così come sapevo  settimane prima che saremmo finiti a letto quella notte,  così capivo che non sarebbe successo di nuovo. Non  avrebbe funzionato. Sapevo che non ci saremmo più  rivisti, a causa di quella foto che tenevo sul mio comò e  perché la luce la illuminava quel tanto che bastava perché  entrambi la vedessimo. Il modo in cui disse la prossima  volta che ti dovesse capitare. Intendeva, la prossima  donna. La prossima lei. E pensai, Fantastico. Fantastico  come avrei dovuto rifare tutto daccapo, i film e le cene, i baci graduali, il gioco della seduzione, capirsi a vicenda,  tutto per finire sempre lì. Cristo, pensai, dovrò rifarlo per  dieci volte, o anche di più. Chi poteva dirlo? Non io: ero  l’ultimo che poteva saperlo. L’ultimo in tutto il mondo. E  all’improvviso fui contento di aver tenuto quella foto di  mia moglie sulla credenza, illuminata dalla luce, così che  potessimo tutti vedere di chi fosse la colpa. La odiai, la odiai fortissimo in quel momento. Ma passò.

Daniel Wallace, A night like this

Commenti non consentiti

carlo lo re Violetta Lima Luciana Cameli Livia Di Pasquale Leandro Perrotta Ignazio Del Campo Fabiola Foti Alessandro Puglisi
Design & GUI by Mushin | Many Thanks to FamFamFam (icons) & Komodomedia (icons) & chrfb (icons) | WebStrategist (area test) | Hosted by MediaTemple