Parola di Andrea De Benedetti

Scritto da: il 08.07.09
Articolo scritto da . Io sono Livia, classe 1980, e ho un problema con la lettura: leggo sempre, leggo tutto, leggo troppo. Ho contratto questo morbo da bambina, ma non esistendo un vaccino si è cronicizzato. Ho letto anche per lavoro, all'interno di una casa editrice. Credo che leggere sia sempre un bene, e che ci sia il libro "giusto" per ogni persona. E questo è ciò che voglio fare per gli altri internauti: metterli in contatto col libro che li sta aspettando. In alternativa la gestione di questa gabbia di matti mi aiuterà per quando diventerò imperatrice del mondo, supportata da Leto e Minerva.

Non so voi, ma il correttore ortografico del mio programma di videoscrittura a volte si comporta in modo strano. Anziché limitarsi, come sarebbe suo dovere, a segnalare, ed eventualmente a sterminare, gli errori di battitura, mostra atteggiamenti piuttosto pedanti – mi verrebbe da dire perbenisti – verso i miei scritti, come se a ispirarne le azioni fosse qualcosa di simile a una coscienza e non un comunissimo software. Ho scoperto ad esempio che non gli piacciono le parolacce, e che per questa ragione le sottolinea tutte in rosso, come gli errori di ortografia. Non distingue, il correttore, le parolacce grevi e sboccate da quelle innocue e leggere. Per lui sono tutte moralmente riprovevoli, e sono arrivato a convincermi che, per quanto cerchi di usarle con garbo e moderazione, sotto sotto mi consideri un maleducato.

Andrea De Benedetti, Val più la pratica

  • http://vladsandrini.com Vlad

    Per non parlare di uno dei word processor più diffusi, che si impunta di applicare la correzione anziché sottolineare e basta.
    Il terrore dei nomi propri, assenti per definizione dal dizionario.

  • http://vladsandrini.com Vlad

    Per non parlare di uno dei word processor più diffusi, che si impunta di applicare la correzione anziché sottolineare e basta.
    Il terrore dei nomi propri, assenti per definizione dal dizionario.

  • http://liblog.blogdo.net Livia

    Nemmeno le città sono esenti dalla correzione automatica: Mascalucia diventa ogni volta Mascalcia. :D

  • http://liblog.blogdo.net Livia

    Nemmeno le città sono esenti dalla correzione automatica: Mascalucia diventa ogni volta Mascalcia. :D

  • Pingback: initially slow, its steady and effective for

carlo lo re Violetta Lima Luciana Cameli Livia Di Pasquale Leandro Perrotta Ignazio Del Campo Fabiola Foti Alessandro Puglisi
Design & GUI by Mushin | Many Thanks to FamFamFam (icons) & Komodomedia (icons) & chrfb (icons) | WebStrategist (area test) | Hosted by MediaTemple