Viaggio nell’oscurità – Un oscuro scrutare, Dick

Scritto da: il 01.09.08
Articolo scritto da . Io sono Livia, classe 1980, e ho un problema con la lettura: leggo sempre, leggo tutto, leggo troppo. Ho contratto questo morbo da bambina, ma non esistendo un vaccino si è cronicizzato. Ho letto anche per lavoro, all'interno di una casa editrice. Credo che leggere sia sempre un bene, e che ci sia il libro "giusto" per ogni persona. E questo è ciò che voglio fare per gli altri internauti: metterli in contatto col libro che li sta aspettando. In alternativa la gestione di questa gabbia di matti mi aiuterà per quando diventerò imperatrice del mondo, supportata da Leto e Minerva.

Oscuro scrutareAprendo qualsiasi romanzo di Dick si è portati a cercare quegli elementi fantascientifici che ne hanno caratterizzato l’opera. Nel caso di Un oscuro scrutare sarebbe una ricerca vana, nonché superficiale. Perché è vero che contiene qualche elemento futuribile, ma è solo una maschera metaforica per camuffare la contemporaneità che descrive.

Il romanzo è infatti largamente autobiografico, il protagonista non è che uno dei volti dell’autore, nelle sue sfaccettature. Persino i comprimari sono ritagliati, per stessa ammissione di Dick, su suoi amici reali e sul loro vissuto comune.

Il contesto, anche se sullo sfondo di un ipotetico futuro, o, più correttamente, di una ucronia distopica, è quello della cultura americana del ’70, con i perbene da una parte e i tossici dall’altra. Questi ultimi, come paria moderni, vicini e intoccabili. E qualche persona, confusamente, a fare da ponte fra due realtà che desiderano primeggiare moralmente l’una sull’altra.

Bob Arctor (actor, attore), il protagonista, è un personaggio manicheo, con un forte senso di giusto e ingiusto, e che sceglie, per seguire il giusto, il sentiero che lo porterà alla perdita di se stesso, rinunciando ad essere un individuo senziente; più che perdita, però, si tratta di perdizione.

Perdizione è in effetti il termine esatto: il romanzo è infatti pervaso dal senso di colpa, di punizione e castigo divino, da un complesso impianto teologico di stampo cattolico, dichiarato dal principio sia nel citare i santi, sia nelle scelte ed argomentazioni dei personaggi.

Bob si sdoppia e sceglie di stare tra i “peccatori”, per scoprire la fonte del peccato, impersonato dalla Sostanza M. Se vogliamo è del libero arbitrio che si parla, il regalo e la condanna della scelta del proprio percorso. Nessuno dei personaggi è predestinato, anche se per tutti esiste un disegno.

Nel progressivo smarrimento, dovuto alla droga M, Arctor perde la sua individualità, diventando molti sé, separati e sconosciuti, con sempre meno contatti tra loro, tanto da risultargli impossibile risalire al suo vero io, ed infine a raggiungere una qualsiasi forma di coscienza.

Oscuro questo testo lo è di nome e di fatto; una oscurità che attiene alle tenebre dell’animo umano, espresso da pensieri plumbei, non solo come aspetto ma come densità. Una scrittura sofferta, falsamente confusa e terribilmente lucida, che scandaglia il cervello umano, contestando la teoria della gestalt che la mente sia una ed una sola.

È un libro inquieto, intenso, di non facile accesso. Credo sia stato questo a conquistarmi, e convincermi che sia il più autentico Dick che io abbia letto.

Commenti non consentiti

carlo lo re Violetta Lima Luciana Cameli Livia Di Pasquale Leandro Perrotta Ignazio Del Campo Fabiola Foti Alessandro Puglisi
Design & GUI by Mushin | Many Thanks to FamFamFam (icons) & Komodomedia (icons) & chrfb (icons) | WebStrategist (area test) | Hosted by MediaTemple