Un anno di Gloria, Casella

Scritto da: il 07.04.09
Articolo scritto da . Non c'è Compagnia senza un elfo, perciò - aderendo al contratto nazionale delle Orecchie a Punta - eccomi qua. Ho anche un nome normale, Alessandra, ma quelli che mi chiamano così si contano sulla punta delle dita. Voglio salutare papà, mamma, e tutti quelli che mi hanno permesso di arrivare fin qui...cosa? Non è il Festival di Sanremo? E va be', dai, siate buoni!!! ;)

Un anno di Gloria - Alessandra CasellaLa risposta italiana a Bridget Jones ci è stata regalata da Alessandra Casella, scrittrice e donna di spettacolo, dapprima sulle pagine di un settimanale femminile e infine in una sorta di diario edito dalla Salani (e riedito da TEA): Un anno di Gloria. Il titolo è un gioco di parole con il nome della protagonista, Gloria Gentile, una segretaria ultratrentenne e single per scelta (di altri).

Come la sua collega d’Oltremanica, la nostra eroina è una ragazza semplice e simpatica, con i problemi del girocoscia sempre in agguato e, soprattutto, con una straordinaria e quasi patologica capacità di scegliere sempre l’uomo dei sogni sbagliato.

Il percorso verso la felicità (e verso un fidanzato!) è costellato di delusioni, ma la ragazza sa affrontare le situazioni con umorismo e voglia di mettersi in gioco, qualità grazie a cui il lieto fine è assicurato.

Anche se l’idea non è il massimo dell’originalità, Un anno di Gloria è un libro che trasmette buonumore e questo è di certo il suo pregio più grande. Lo stile è semplice e forse il finale è un po’ scontato, ma ci sono pagine davvero spassose e altre in cui non si può fare a meno di pensare” Hei questo è successo anche a me!”. Il feeling che si instaura con la protagonista è, infatti, immediato (specie quando si tuffa sui barattoli di Nutella “con l’entusiasmo di una cavalletta biblica”) e così ci si ritrova a vivere i suoi amori, le simpatie e le antipatie come fossero nostre.

Un altro punto di forza è rappresentato dal messaggio trasmesso: quello, cioè, che una donna deve puntare a trovare il proprio equilibrio interiore e cercare felicità e realizzazione al di là della presenza di un uomo nella propria vita. L’ottica femminista non è però esasperata al punto di risultare molesta: si tratta più di un invito a non annullarsi nel compagno e a mantenere una relazione sempre all’interno del recinto del rispetto reciproco. Niente male, direi, per essere la tematica di base di un libro quasi comico.

Da segnalare sono anche i personaggi di contorno: gli amici del cuore capitanati da uno spumeggiante omosessuale che conosce tutto il mondo, la collega-vipera, il bellone irraggiungibile (che in realtà si lascia raggiungere) e il principe azzurro che si nasconde sotto le spoglie di… no, non ve lo dico: non posso certo rovinarvi la sorpresa!

In conclusione, consiglio questo libro alle ragazze che hanno voglia di passare qualche ora spensieratamente ed anche ai ragazzi dotati di senso dell’umorismo: chissà che le avventure di Gloria non diano loro lo spunto per capire un po’ meglio l’altra metà del cielo.

  • http://liblog.blogdo.net Only

    Ha l’aria di essere un libro spassosissimo!Me lo segno tra i libri da regalare alle amiche il prossimo Natale…^^ ovviamente prima farò da cavia!

  • http://liblog.blogdo.net Only

    Ha l’aria di essere un libro spassosissimo!Me lo segno tra i libri da regalare alle amiche il prossimo Natale…^^ ovviamente prima farò da cavia!

  • etnagigante

    Mi ritengo (e senza vergogna) un discreto lettore di Chick-Lit (ho capito di esserlo perchè me lo hanno spiegato);si tratta di easy-books, mi diverto in maniera leggera mentre miglioro il mio inglese e comunque “Dove è scritto che si devono leggere solo i classici”? :D
    Magari seguo il consiglio e se capita leggo pure questo di Alessandra Casella.

    ciaociao

  • etnagigante

    Mi ritengo (e senza vergogna) un discreto lettore di Chick-Lit (ho capito di esserlo perchè me lo hanno spiegato);si tratta di easy-books, mi diverto in maniera leggera mentre miglioro il mio inglese e comunque “Dove è scritto che si devono leggere solo i classici”? :D
    Magari seguo il consiglio e se capita leggo pure questo di Alessandra Casella.

    ciaociao

  • http://bosina.net Bosina

    La Casella mi è sempre piaciuta: è una signora a differenza di tante altr sue colleghe. So che si itneressa di libri; adesso voglio proprio scoprirla nella veste di scrittrice. E poi è una mamma come me, che si è allontanata anni dalle scene per consacrarsi alla sua bambina, e quando ha voluto tornare a lavorare ha scelto qualcosa che potesse conciliarsi con la famiglia. certo, non siamo in molte a poter fare questa scelta ma potendola fare non tutte la fanno, anzi: non si legge altro che di gente che partorisce e e dopo un mese vorrebbe già fare la vita di prima. E il bambino? Vabbè, scusate, sono andata un po’ fuori tema :-). Insomma, mi scuso se invece di lodare il libro lodo l’autore ma appena ho letto Casella mi prudevano le mani! Bacioni e buona Pasqua.

  • http://bosina.net Bosina

    La Casella mi è sempre piaciuta: è una signora a differenza di tante altr sue colleghe. So che si itneressa di libri; adesso voglio proprio scoprirla nella veste di scrittrice. E poi è una mamma come me, che si è allontanata anni dalle scene per consacrarsi alla sua bambina, e quando ha voluto tornare a lavorare ha scelto qualcosa che potesse conciliarsi con la famiglia. certo, non siamo in molte a poter fare questa scelta ma potendola fare non tutte la fanno, anzi: non si legge altro che di gente che partorisce e e dopo un mese vorrebbe già fare la vita di prima. E il bambino? Vabbè, scusate, sono andata un po’ fuori tema :-). Insomma, mi scuso se invece di lodare il libro lodo l’autore ma appena ho letto Casella mi prudevano le mani! Bacioni e buona Pasqua.

  • http://bosina.net Bosina

    … Chiedo venia per tutti le sviste. Ho addosso tutta la prole a casa in vacanza.

  • http://bosina.net Bosina

    … Chiedo venia per tutti le sviste. Ho addosso tutta la prole a casa in vacanza.

carlo lo re Violetta Lima Luciana Cameli Livia Di Pasquale Leandro Perrotta Ignazio Del Campo Fabiola Foti Alessandro Puglisi
Design & GUI by Mushin | Many Thanks to FamFamFam (icons) & Komodomedia (icons) & chrfb (icons) | WebStrategist (area test) | Hosted by MediaTemple