Toilet n.15

Scritto da: il 29.05.09
Articolo scritto da . Io sono Livia, classe 1980, e ho un problema con la lettura: leggo sempre, leggo tutto, leggo troppo. Ho contratto questo morbo da bambina, ma non esistendo un vaccino si è cronicizzato. Ho letto anche per lavoro, all'interno di una casa editrice. Credo che leggere sia sempre un bene, e che ci sia il libro "giusto" per ogni persona. E questo è ciò che voglio fare per gli altri internauti: metterli in contatto col libro che li sta aspettando. In alternativa la gestione di questa gabbia di matti mi aiuterà per quando diventerò imperatrice del mondo, supportata da Leto e Minerva.

Toilet n.15Al Salone di Torino ho fatto incetta di tutti i numeri di Toilet che mi mancavano, e così ora mi ritrovo questa nuova edizione, il Toilet n.15, esteticamente diversa da quelle che ho imparato ad amare. Non è cambiata solo la qualità della copertina, ma anche il formato, più compatto e decisamente più maneggevole, e tascabile insieme.

All’interno purtroppo manca la catenella a segnare i nuovi racconti, un elemento che avevo molto apprezzato, e il prezzo di copertina è salito di pochissimo (è passato dai canonici – e storici – 5 euro ai 6). Ma è un piccolo “prezzo” da pagare per un’edizione decisamente migliorata.

Quello che è rimasto totalmente invariato è il livello dei racconti, sempre interessanti, ben scritti, ben selezionati. Dato che, come al solito, non è una selezione organica o tematica, dirò semplicemente quali sono i miei preferiti.

Invidia, ad esempio, che ripropone una riflessione a me cara sulla psicologia freudiana e su quello che può scatenare essere etichettati da una figura di autorità come, appunto, uno psicologo; quel sottile passaggio, appena un velo, tra la sanità mentale e la razionalità e il dubbio di non stare bene affatto.

E poi, per me non poteva essere diversamente, Il peggiore amico dell’uomo incontra il migliore amico dell’uomo, un racconto quasi surreale sulla vivisezione e sugli esperimenti di laboratorio effettuati su cavie animali; e l’immaginazione dell’autore compie e svolge quell’idea che prima o poi tutti i sostenitori dell’assurdità scientifica di questi esperimenti hanno pensato.

Infine, Ipnotica è la neve, che partendo da un evento assurdo parla, in fin dei conti, di quello che gli occidentali hanno sempre fatto e tuttora fanno, spesso subdolamente, alle popolazioni che ritengono “in via di sviluppo”, eufemismo diffuso per indicare che vengono ritenute inferiori e vanno adeguate al nostro stile di vita.

Come al solito, un ottimo osservatorio per scovare autori promettenti e rilassarsi – più o meno per 107 minuti, segnala la quarta.

carlo lo re Violetta Lima Luciana Cameli Livia Di Pasquale Leandro Perrotta Ignazio Del Campo Fabiola Foti Alessandro Puglisi
Design & GUI by Mushin | Many Thanks to FamFamFam (icons) & Komodomedia (icons) & chrfb (icons) | WebStrategist (area test) | Hosted by MediaTemple