Racconti fantastici, Tarchetti

Scritto da: il 13.11.09
Articolo scritto da . Nato un lunedì di più di mezzo secolo fa a Padova, con usi e costumi veneziani e, mi fu detto, con qualche goccia di sangue ungherese da parte di un bis bis materno, mi guadagno da vivere cercando di insegnare Inglese agli studenti di una scuola media della mia città, Mestre, dove vivo da quando son ritornato da Padova dopo esser nato (con un'iniziale quinquennale parentesi al Lido di Venezia dalla nonna). Prendendo a prestito l'incipit dei "Memoirs" di un mio illustre concittadino di due secoli fa - Carlo Goldoni - posso con certezza affermare che, ancor di più della sua, "ma vie n'est pas importante"; io sono quello che scrivo: il resto è amleticamente silenzio.

Racconti fantastici – TarchettiQuel che colpisce di questi Racconti fantastici dello scapigliato Iginio Ugo Tarchetti (1841-1869), è – ai giorni nostri, dopo più di un secolo – non tanto la fabula quanto lo stile. O, ancora più precisamente, la grafia delle parole, grafia che sarebbe per noi sbagliata: traccie, treccie, leggiero, enimma. Eppure, a pochi anni dall’unità d’Italia, l’Italiano corrente, accettabile e pubblicabile era questo.

Quanto alla maniera di costruire i racconti è anch’essa ottocentesca: iniziano con quelle che potrebbero essere conclusioni e poi vi è la narrazione vera e propria dei fatti, a volte realmente vissuti dal protagonista che li racconta in prima persona, spesso scritti in terza persona ma con una chiosa, al termine, che solleva il narratore da qualsivoglia responsabilità: “così i fatti mi son stati raccontati e, fedelmente, così io ve li racconto”.

Quanto alla fabula, riconosco che può esser difficile individuare argomenti, fatti e trame originali per quanto l’immaginazione possa spaziare nei territori del fantastico, poiché rimangono pur sempre i limiti imposti dalla credibilità che regolano la nostra disponibilità al famoso “suspension of disbelief” di S.T. Coleridge.

E, tutto ben considerato, i racconti son ancora leggibili e apprezzabili, e una certa meraviglia riescono ancora a suscitarla (non fosse quest’Italiano antico), nonostante il gusto del Novecento e quello dei quest’inizio di millennio, siano ormai troppo lontani e diversi da quelli del secondo Ottocento.

Il Fato, il soprannaturale che fa capolino nelle nostre vite, personaggi segnati fin dalla nascita da un ineludibile destino (che ha influssi deleteri in quello altrui), sogni che guidano i nostri giorni, sedute spiritiche e fantasmi che vengono in ora tarda ma con fare rispettoso a riprendersi quello che apparteneva loro in vita (così da non turbare più di tanto la nostra), folli ossessioni che portano all’omicidio, spiriti gentili oltraggiati, entrano in corpi per reclamar giustizia, filtri d’amore che in realtà son elisir di lunga vita, sono questi i temi trattati dal nostro autore.

Tarchetti che con Carlo Dossi (1849-1910), Emilio Praga (1839-1863) i fratelli Arrigo (1842-1918) e Camillo (1836-1914) Boito e Giovanni Faldella (1846- 1928) (come lui piemontese) diedero vita al movimento degli scapigliati i quali mostravano e denunciavano una certa insofferenza contro il conformismo borghese e liberale la celebrazione della Storia e pretendevano una pacifica “immaginazione al potere”, ideali e aspirazioni non molto diversi, dopotutto, da quelle di giovani della (più o meno) loro stessa età, vissuti circa un secolo dopo.

Quando mi ritrovo queste similitudini se non proprio ricorsi storici, mi vien sempre in mente quel verso ungarettiano (dalla Pietà del 1928) secondo cui l’uomo non è che un “monotono universo”. Prendiamo quel che di buono c’è in questo universo. Tarchetti compreso!

  • http://gattirandagi.ilcannocchiale.it maxvicius

    La lettera U!

  • http://gattirandagi.ilcannocchiale.it maxvicius

    La lettera U!

  • http://pianosequenza.blogdo.net Alessandro Puglisi

    Tarchetti è un autore a cui sono molto legato, per varie vicende, non ultimo il fatto che scriverò la mia tesi su di lui. Si dice bene nel post, uso marcato del codice di accreditamento del reale, e tematiche che, in altri ambienti (ma spiritualmente contigui a T.) erano già stati sdoganati. E tuttavia quasi magicamente ancora di grande godibilità. Sicuramente un autore della nostra modernità letteraria da rivalutare, o rileggere.

    P.S.: Bellissimo “La lettera U”! :D

  • http://pianosequenza.blogdo.net Alessandro Puglisi

    Tarchetti è un autore a cui sono molto legato, per varie vicende, non ultimo il fatto che scriverò la mia tesi su di lui. Si dice bene nel post, uso marcato del codice di accreditamento del reale, e tematiche che, in altri ambienti (ma spiritualmente contigui a T.) erano già stati sdoganati. E tuttavia quasi magicamente ancora di grande godibilità. Sicuramente un autore della nostra modernità letteraria da rivalutare, o rileggere.

    P.S.: Bellissimo “La lettera U”! :D

  • Only

    Ah, la scapigliatura! Mi riporta agli anni del liceo, che bei ricordi.^^
    Di lui ho letto “Fosca”, che considero a tutt’oggi un gran bel romanzo..:)

  • Only

    Ah, la scapigliatura! Mi riporta agli anni del liceo, che bei ricordi.^^
    Di lui ho letto “Fosca”, che considero a tutt’oggi un gran bel romanzo..:)

  • Pingback: not? let your audience have a sneak

carlo lo re Violetta Lima Luciana Cameli Livia Di Pasquale Leandro Perrotta Ignazio Del Campo Fabiola Foti Alessandro Puglisi
Design & GUI by Mushin | Many Thanks to FamFamFam (icons) & Komodomedia (icons) & chrfb (icons) | WebStrategist (area test) | Hosted by MediaTemple