Per amore solo per amore, Festa Campanile

Scritto da: il 16.06.09
Articolo scritto da . Non c'è Compagnia senza un elfo, perciò - aderendo al contratto nazionale delle Orecchie a Punta - eccomi qua. Ho anche un nome normale, Alessandra, ma quelli che mi chiamano così si contano sulla punta delle dita. Voglio salutare papà, mamma, e tutti quelli che mi hanno permesso di arrivare fin qui...cosa? Non è il Festival di Sanremo? E va be', dai, siate buoni!!! ;)

Per amore, solo per amore – Pasquale Festa CampanileGiorni fa mi è capitato di trovarmi sottomano un libro edito da Bompiani nell’ormai lontano 1983, sulla cui copertina campeggia il meraviglioso dipinto di Raffaello La Madonna della Seggiola. Ho iniziato a sfogliarlo e l’ho letto in tempo record. Per amore, solo per amore, di Pasquale Festa Campanile, ci narra la storia di un uomo e una donna vissuti oltre duemila anni fa in un minuscolo villaggio della Palestina.

Lui è un falegname bello, aitante, desiderato da tutte: ama più donne contemporaneamente, sfidando i dettami dell’epoca e le leggi di un dio severo, ma è anche capace di mostrare sensibilità fuori dal comune, onestà, gentilezza. Lei è la timida nipote di un giudice, poco più che bambina, ma splendente di una grazia che si riflette nel carattere puro e privo di ogni malizia.
I loro nomi sono Giuseppe e Maria.

Tra tante, il falegname sceglie proprio questa fanciulla, che ha conosciuto sin dalla tenera età, per farne la sua compagna di vita e lei lo ricambia con tutto il cuore. Ma all’apice del loro amore, accade un fatto increscioso e all’apparenza terribile: Maria resta incinta di un altro.
Comincia così per Giuseppe un duello tra mente e cuore che lo tormenta per tutta la vita: la battaglia tra il desiderio di abbandonarsi alla fiducia e all’amore e la razionalità che nega il miracolo di una immacolata concezione e si dibatte nella gelosia più feroce.

E tuttavia l’amore si impone e vince su tutto: il bambino che nasce viene chiamato Gesù.
Festa Campanile ci regala questa delicatissima storia narrandola attraverso gli occhi di Socrates, un greco che lavora per Giuseppe e finisce per diventarne amico e confidente. Questo sguardo razionale e disincantato evita all’autore i toni mistici e dona alla vicenda una concretezza che si può quasi toccare. Vi sono pagine di allegria, di amarezza, di poetica semplicità.

I personaggi sono trattati con grande rispetto canonico eppure emergono vivaci, da una narrazione piena di guizzi come nessuno si aspetta da una storia a sfondo religioso. Il perché è presto detto: come recita il titolo, la religione non entra in causa e la questione principale è l’amore.
Anche la figura di Gesù è delineata in modo originale, in quanto nella sua perfezione è reso, in un certo senso, distaccato e distante: contrasta, così, con l’umanità rappresentata da Giuseppe e Maria, che hanno i loro limiti e si dibattono in un groviglio di sentimenti.

Il linguaggio scelto è semplice e diretto, le descrizioni sono molto nitide. Anche la caratterizzazione dei personaggi secondari non manca di profondità e si aggiunge alla ricostruzione storica piuttosto dettagliata per creare un affresco coinvolgente della Palestina dell’epoca.

Per amore, solo per amore è un libro da non perdere anche se il vostro sentimento religioso è un po’ appannato (per non dire inesistente): io ho trovato tra queste pagine serenità e delicatezza di termini, leggerezza e tenerezza che di questi tempi sono merce fin troppo rara.

  • tomtraubert

    Letto aaaaaaaaaaaaaanni fa e ne ho anch’io un ottimo ricordo. L’intento (riuscito) dell’autore credo fosse proprio in effetti raccontare una storia umana, la storia di un uomo e di una donna. Qualcuno poi avrà visto il film che ne fu tratto in seguito con Diego Abatantuono, una giovanissima – e perfetta – Penelope Cruz e il sempre ottimo Alessandro Haber nel ruolo di Socrates.
    Di Festa Campanile ci sono anche altre cose meritevoli di una rispolverata, in effetti ci pensavo da un po’… guarderò fra i miei scaffali.

  • Elfo

    Bravo! Anche perchè io invece non conosco bene questo autore e qualche dritta mi farebbe comodo!^^

  • Elfo

    Bravo! Anche perchè io invece non conosco bene questo autore e qualche dritta mi farebbe comodo!^^

  • Pingback: of great, relevant content. the content can

carlo lo re Violetta Lima Luciana Cameli Livia Di Pasquale Leandro Perrotta Ignazio Del Campo Fabiola Foti Alessandro Puglisi
Design & GUI by Mushin | Many Thanks to FamFamFam (icons) & Komodomedia (icons) & chrfb (icons) | WebStrategist (area test) | Hosted by MediaTemple