Pazzità, a cura di Sergio

Scritto da: il 22.12.08
Articolo scritto da . Io sono Livia, classe 1980, e ho un problema con la lettura: leggo sempre, leggo tutto, leggo troppo. Ho contratto questo morbo da bambina, ma non esistendo un vaccino si è cronicizzato. Ho letto anche per lavoro, all'interno di una casa editrice. Credo che leggere sia sempre un bene, e che ci sia il libro "giusto" per ogni persona. E questo è ciò che voglio fare per gli altri internauti: metterli in contatto col libro che li sta aspettando. In alternativa la gestione di questa gabbia di matti mi aiuterà per quando diventerò imperatrice del mondo, supportata da Leto e Minerva.

Pazzità, antologia a cura di Masha SergioNonostante spesso in editoria si dica che i racconti non abbiano mercato, ed in un certo senso è vero, si moltiplicano le raccolte, che potremmo dividere in almeno tre tipologie: racconti di autori famosi (mono o pluriautore), racconti monoautore di esordienti, raccolte pluriautore sempre di esordienti.

Per quanto riguarda i primi non c’è molto su cui dissertare: vendono per il nome sulla copertina. I secondi sono rischiosi (e spesso, ma non sempre, appannaggio delle case editrici a pagamento). Gli ultimi sono un’ottima vetrina per scovare giovani talenti.

A questa categoria appartiene Pazzità, raccolta di autori palermitani che si sono affrontati e confrontati sul tema della follia, urbana o meno, analizzandone ciascuno un aspetto, poetico o sanguinario che fosse. Palermitani gli autori ma non la raccolta, che spazia senza confini geografici troppo stringenti se non in un paio di casi riconoscibili.

Il tema portante, oltre la pazzia e l’assurdità, è anche la sottile linea di separazione con la normalità, il confine inespresso e facilmente valicabile, la prossimità anche fisica tra chi conduce una vita allineata alle norme sociali e chi no. La quotidianità è infatti presente in quasi tutti i racconti, tangibile e concreta, fino al punto di frattura.

Esula da quest’ottica solo Amnésie Blanche, che sia per tono sia per ambientazione è il più onirico di tutti, quasi fumoso. Un piglio di realismo anche un po’ duro si trova nelle storie di Bon ton e La superficie delle cose. Tra questi estremi si trovano tutte le gradazioni degli altri sei racconti.

Come sempre alcuni sono notevoli e lasciano intuire talenti in piena fioritura, altri sono più piani e banali, nessuno è sciatto. Chiaramente non tutti i racconti sono dello stesso livello espressivo, le raccolte, si sa, sono disomogenee quanto a contenuti e stile, ma è anche un buon modo per “indovinare” i gusti della più ampia porzione di lettori possibile.

Indicato per chi si sente un po’ folle e per chi pensa che la follia sia davvero una “cosa lontana”.

carlo lo re Violetta Lima Luciana Cameli Livia Di Pasquale Leandro Perrotta Ignazio Del Campo Fabiola Foti Alessandro Puglisi
Design & GUI by Mushin | Many Thanks to FamFamFam (icons) & Komodomedia (icons) & chrfb (icons) | WebStrategist (area test) | Hosted by MediaTemple