Nonsolomamma, De Lillo

Scritto da: il 21.10.08
Articolo scritto da . Femmina di appena trent'anni, portati per altro divinamente, vive tra topolinia e paperopoli, sognando il paese di Alice. Da bambina si esercitava a leggere con ogni cosa stampata le passasse di fronte, soprattutto i cartelloni pubblicitari e le insegne dei negozi per strada. Oggi è ancora una lettrice accanita, soprattutto di romanzi e fumetti e tutto ciò che vuole fare nella vita è solo questo. Probabilmente un giorno ci riuscirà. Per il momento si accontenta di scrivere ogni tanto su Liblog.

Nonsolomamma, Claudia De LilloSe state pensando a Don De Lillo, bravi! Avete preso una solenne cantonata. In realtà l’autore di cui parliamo oggi è una lei, si chiama Claudia, è metà mamma, metà giornalista finanziaria e una supereroina tutta intera.

Nella blogosfera è conosciuta come Elastigirl (sì proprio la protagonista del famoso cartoon Disney) e, esattamente dall’ottobre del 2006, riceve visite e commenti da tantissimi blogger che leggono quotidianamente le sue strampalate avventure.

Dal sito Nonsolomamma al libro uscito per la Tea questo settembre. Per i maniaci, come me, del cartaceo, è impossibile non comprarlo, data tra l’altro l’ottima edizione e soprattutto la copertina di Silvia Ziche, fumettista bravissima che seguo da sempre.

Claudia racconta della sua famiglia: un marito barese stralunato e romantico, due bambini (hobbit, come li appella lei) pestiferi e sveglissimi, e tutto intorno una grande quantità di personaggi, ciascuno con un proprio soprannome e un carattere ben definito e naturalmente spassosissimo.

Così la tata diventa “Valentina Diolabenedica”, la zia antropologa che va a lavorare in un paese che non esiste è “la zia matta”, sorella dello “zio con l’orecchino al naso” per ovvi motivi, ci sono poi le moltissime fidanzate dello hobbit grande, i colleghi giornalisti, la dottoressa Tic Tac, la maestra “Dominatrix” incubo di ogni bambino, e così via.

Il libro è organizzato in un insieme di post, che si suddividono in capitoli ognuno dei quali rappresenta un mese, cadenzati dalle “Elasti-digressioni”, in cui si svelano dei piccoli segreti della famiglia, ad esempio dove e come i due “genitori incredibili” si sono conosciuti, o in cui si fanno delle riflessioni un po’ meno facete.

E ciò che secondo me rende unico e migliore un progetto del genere rispetto ai precedenti è proprio la struttura del libro, che riprende appunto il blog ma che non fa sentire la mancanza di una vera e tipica trama di un qualsiasi libro di narrativa.

Tutto questo accade per un motivo: Claudia scrive bene, semplicemente è una brava autrice, dotata di occhio ironico e critico per tutto ciò che gira attorno al mondo della maternità. Un esempio esilarante è il post dedicato al metodo Estivill, famigerato pediatra catalano che insegna ai papà e alle mamme come far fare la nanna ai proprio angioletti, senza però aver fatto i conti con i due esuberanti hobbit.

Insomma è un libro consigliato a tutti, ma un avvertimento: fa venir voglia di metter su famiglia!

carlo lo re Violetta Lima Luciana Cameli Livia Di Pasquale Leandro Perrotta Ignazio Del Campo Fabiola Foti Alessandro Puglisi
Design & GUI by Mushin | Many Thanks to FamFamFam (icons) & Komodomedia (icons) & chrfb (icons) | WebStrategist (area test) | Hosted by MediaTemple