Nella mia fine è il mio principio, Christie

Scritto da: il 12.07.08
Articolo scritto da . Io sono Livia, classe 1980, e ho un problema con la lettura: leggo sempre, leggo tutto, leggo troppo. Ho contratto questo morbo da bambina, ma non esistendo un vaccino si è cronicizzato. Ho letto anche per lavoro, all'interno di una casa editrice. Credo che leggere sia sempre un bene, e che ci sia il libro "giusto" per ogni persona. E questo è ciò che voglio fare per gli altri internauti: metterli in contatto col libro che li sta aspettando. In alternativa la gestione di questa gabbia di matti mi aiuterà per quando diventerò imperatrice del mondo, supportata da Leto e Minerva.

Copertina @MondadoriLa Christie è nota soprattutto per aver creato alcuni degli investigatori rimasti nell’immaginario collettivo dei giallisti, lettori e scrittori. Poirot, Miss Marple, Tommy e Tuppence, Parker Pyne solo per fare qualche esempio. E per aver scritto alcuni dei gialli assurti a “classico” del genere.

Quello che troppo spesso si dimentica è che le sue prove di maggior valore sono quelle in cui non si lascia vincolare dalla presenza di un detective seriale, creando ambientazioni e personaggi costruiti ad hoc per quella specifica narrazione, che nascono e muoiono, è il caso di dire, nel romanzo.
Penso a Renisenb in C’era una volta o Vera Claythorne in Dieci piccoli indiani. Romanzi indimenticabili che fanno parte della storia del Giallo.

Anche Nella mia fine è il mio principio non ha nessun personaggio seriale, né un investigatore vero e proprio a dire il vero. Ma non è un capolavoro come gli altri cui la Christie mi aveva abituata. Sarà che crescendo ho imparato a riconoscere determinati schemi, forse. Ma non credo.

Nel giallo non è tanto la trama innovativa o l’omicida insospettabile, ma è la capacità di tenerti incollato alle pagine benché tu abbia già intuito qual è l’assassino, a fare la differenza. C’è sicuramente più gusto quando non lo intuisci, ma può essere bello anche solo scoprire il modo in cui il colpevole verrà rivelato.

Tutto ciò mi è sembrato assente in questo romanzo, prolisso e lento nel principio e prevedibile nella fine. Anche l’analisi psicologica del protagonista è stranamente blanda, soffrendo presumo dell’uso della prima persona, che sfocia nel descrivere piuttosto che mostrare i tratti del personaggio.

Molti lo trovano in ogni caso un libro eccezionale e su aNobii una delle recensioni più gettonate, scritta da Davide Malesi, riporta: “Una storia perfetta d’amore e di morte, narrata con squisito senso psicologico e attraverso una gestione impeccabile dei tempi drammaturgici.”; a riprova del fatto che i gusti sono, per fortuna, vari e articolati e ognuno può leggere in un libro aspetti diversi.

Tuttavia resta un romanzo breve e leggibile, secondo me non al top della produzione della amata Christie, ma ottimo per passare un’oretta sotto il sole. Facendo attenzione a non scivolare in un altro dei suoi gialli memorabili…

  • http://maelstrom2.blogspot.com maelstrom

    Mi hai fatto ricordare di Vera Claythorne: che grandioso personaggio, uno dei miei preferiti della Christie… e poi quel libro è magnifico. Forse dovrei dare una chance anche a questo di cui parli tu!

  • http://maelstrom2.blogspot.com maelstrom

    Mi hai fatto ricordare di Vera Claythorne: che grandioso personaggio, uno dei miei preferiti della Christie… e poi quel libro è magnifico. Forse dovrei dare una chance anche a questo di cui parli tu!

  • Only

    Dice bene Livia, non è uno dei suoi libri migliori. Del resto la Christie lo sviluppò partendo da un racconto (di cui ora mi sfugge il nome…), e lo sviluppo e la conclusione sono praticamente identici. Io poi, lessi questo dopo avere letto il racconto quindi rimasi doppiamente delusa..

  • Only

    Dice bene Livia, non è uno dei suoi libri migliori. Del resto la Christie lo sviluppò partendo da un racconto (di cui ora mi sfugge il nome…), e lo sviluppo e la conclusione sono praticamente identici. Io poi, lessi questo dopo avere letto il racconto quindi rimasi doppiamente delusa..

carlo lo re Violetta Lima Luciana Cameli Livia Di Pasquale Leandro Perrotta Ignazio Del Campo Fabiola Foti Alessandro Puglisi
Design & GUI by Mushin | Many Thanks to FamFamFam (icons) & Komodomedia (icons) & chrfb (icons) | WebStrategist (area test) | Hosted by MediaTemple