Jasper Jones, Silvey

Scritto da: il 31.08.10
Articolo scritto da . Non c'è Compagnia senza un elfo, perciò - aderendo al contratto nazionale delle Orecchie a Punta - eccomi qua. Ho anche un nome normale, Alessandra, ma quelli che mi chiamano così si contano sulla punta delle dita. Voglio salutare papà, mamma, e tutti quelli che mi hanno permesso di arrivare fin qui...cosa? Non è il Festival di Sanremo? E va be', dai, siate buoni!!! ;)

jasper jones - craig silveyHo sempre detto in giro di non essere un’amante del giallo, ma ci sono libri che ti catturano fin dalla prima pagina e non puoi proprio fare a meno di arrivare in fondo anche se il genere non è il tuo preferito. Jasper Jones di Craig Silvey, edito da Neri Pozza, è un caso lampante.

Probabilmente l’ho apprezzato così tanto perché non si tratta di un giallo puro, ma di una commistione di generi ben amalgamati come mistery, romanzo di formazione, dramma familiare, spaccato della società borghese; il tutto in un’ambientazione per me piuttosto inusuale: una sonnolenta cittadina del distretto di Perth, Australia, negli anni della guerra del Vietnam.

A Corrigan i giorni scorrono uno uguale all’altro per l’adolescente Charles Butkin, che ha un padre affettuoso ma distratto da ambizioni letterarie, una madre assente e capricciosa, un migliore amico di origini vietnamite e per questo preso di mira e discriminato dai bulli nonostante l’innata simpatia e il talento nel cricket. Così, tra scuola, conversazioni strampalate con Jeffrey Lu e i primi tentativi di approccio con l’altro sesso rappresentato dall’angelica Eliza Wishart, Charlie cerca di trovare la sua strada di membro rispettabile della società australiana.

Poi tutto accade in una notte: Jasper Jones bussa alla sua finestra in cerca di aiuto. Ha pochi anni più di lui, ma è il reietto del paese. Rifiutato da tutti, additato come elemento pericoloso, avvolto dal fascino del “diverso”, Jasper è solo un ragazzo di strada che suo malgrado sopporta sia le maldicenze che la segreta ammirazione dei coetanei, che ne hanno fatto un simbolo di ribellione e un’ideale di forza e tenacia. Jasper, però, precipita Charlie in un incubo senza fine.

Chi ha ucciso Laura Wishart, la sorella maggiore di Eliza, che intratteneva con Jasper un tenero sentimento in boccio? I due trovano il corpo, lo nascondono in preda alla paura, ma da quel momento non saranno più gli stessi. Mentre le indagini vanno avanti, Charlie deve imparare ad affrontare il mondo con tutte le sue connotazioni più buie ed insieme comincerà anche a conoscere meglio se stesso e a diventare uomo.

Scritto con uno stile asciutto, spezzato, diretto, il libro è capace di immergere il lettore nella propria atmosfera fin dal principio. I dialoghi brillanti, le spruzzate di humor, le descrizioni approfondite e convincenti sono solo una parte dei pregi di questa storia all’apparenza irrisolvibile, che regala qualche brivido e richiama da lontano l’eco del capolavoro a puntate di David Lynch, Twin Peaks. In questo caso il tormentone sarebbe: “Chi ha ucciso Laura Wishart?” e lo troverei quanto mai azzeccato perché attraverso questa domanda Silvey riesce a far saltare fuori una vasta quantità di personalità tutte tridimensionali e vivaci, perfino quando si accostano ai cliché.

L’espediente della prima persona ci porta ad approfondire la psicologia del protagonista fin nei minimi particolari e, oltre ad esplorare l’intera gamma delle sue sensazioni, i personaggi comprimari risaltano come gioielli, a cominciare da Jasper Jones, attorno a cui la vicenda è costruita. Senza il suo carisma, il suo spirito ribelle, il suo fascino un motore essenziale della storia verrebbe a mancare e Charles non riuscirebbe a raggiungere i suoi traguardi con lo stesso successo.

Jasper Jones “è” – in un certo senso – la mèta. Rappresenta tutto ciò a cui un ragazzo ambisce nell’età dell’adolescenza, quando non è la posizione sociale a contare, ma il coraggio e i sentimenti che si è in grado di ispirare. Tutti noi, credo, abbiamo conosciuto un Jasper Jones. Se non in carne ed ossa , attraverso la televisione o le pagine di un libro.

E il vostro qual è stato?

carlo lo re Violetta Lima Luciana Cameli Livia Di Pasquale Leandro Perrotta Ignazio Del Campo Fabiola Foti Alessandro Puglisi
Design & GUI by Mushin | Many Thanks to FamFamFam (icons) & Komodomedia (icons) & chrfb (icons) | WebStrategist (area test) | Hosted by MediaTemple