Istante propizio, 1855, Oudrenik

Scritto da: il 02.03.09
Articolo scritto da . Io sono Livia, classe 1980, e ho un problema con la lettura: leggo sempre, leggo tutto, leggo troppo. Ho contratto questo morbo da bambina, ma non esistendo un vaccino si è cronicizzato. Ho letto anche per lavoro, all'interno di una casa editrice. Credo che leggere sia sempre un bene, e che ci sia il libro "giusto" per ogni persona. E questo è ciò che voglio fare per gli altri internauti: metterli in contatto col libro che li sta aspettando. In alternativa la gestione di questa gabbia di matti mi aiuterà per quando diventerò imperatrice del mondo, supportata da Leto e Minerva.

Istante propizio, 1855 - Patrik OurednikAncora ho con me una grande scorta di libri presi alla fiera di Roma. Tra questi Istante propizio, 1855 di Patrik Ourednik, preso ad uno stravagante e palermitanissimo banco della Vucciria in trasferta, dietro consiglio dei ragazzi di :duepunti edizioni.

È un volume piuttosto piccolo, ma nonostante l’aspetto è corposo, centotrentotto compattissime pagine di fittizia autobiografia di un anarchico. Ciò che muove la narrazione però non è la filosofia quanto il più antico motore del mondo: l’amore rifiutato. È per il diletto di una donna che il protagonista, uomo istruito e particolare, inizia la sua narrazione, all’inizio riflettendo proprio sul significato e la scrittura.

Questo diario, questi diari, riguardano la nascita della colonia brasiliana Fraternitas, rifugio di anarchici e comunisti o presunti tali; già nel momento del viaggio infatti cominciano a emergere le prime contraddizioni tra le ideologie e la pratica di vita quotidiana, tra la pretesa di libertà e la creazione di un nuovo impianto di regole, se possibile più castranti di quelle patrie. A peggiorare la situazione la presenza di espatriati da diverse nazioni europee e l’assenza di traduttori.

Sono più diari in effetti, uno scritto in maturità e uno al momento della fondazione della colonia, in un tempo ricorsivo, e più volte ripetuto come una variazione sul tema; diari dal tono completamente diverso: il primo quasi aulico, riflessivo e per nulla tangibile, l’altro concreto, umile sia per soggetto sia nel riportare anche i dettagli più insignificanti dell’avventura nascente.

Dopo un’iniziale lentezza narrativa il racconto si fa via via più fluido, un flusso di ricordi misto a riflessioni sul significato del socialismo,  del capitalismo e dell’anarchia; la lentezza però è necessaria per illustrare passaggi e pensieri delicati e oggettivamente difficili da esporre. Ourednik riesce molto bene a distinguere tra la parte teorica e l’applicazione, o tentata applicazione, delle dottrine che argomenta.

Il registro poi cambia per farsi più vicino alle esigenze dell’altro narratore, alla sua istruzione e al modo, se vogliamo, passivo di attraversare la storia. Lo stile è particolare: all’inizio ricercatissimo, estremamente raffinato, successivamente piatto e infine caotico, a seguire la progressione del romanzo.

Un esperimento atipico, di non facile ma bella lettura.

Commenti non consentiti

carlo lo re Violetta Lima Luciana Cameli Livia Di Pasquale Leandro Perrotta Ignazio Del Campo Fabiola Foti Alessandro Puglisi
Design & GUI by Mushin | Many Thanks to FamFamFam (icons) & Komodomedia (icons) & chrfb (icons) | WebStrategist (area test) | Hosted by MediaTemple