Il mio editore, Echenoz

Scritto da: il 06.07.08
Articolo scritto da . Nato un lunedì di più di mezzo secolo fa a Padova, con usi e costumi veneziani e, mi fu detto, con qualche goccia di sangue ungherese da parte di un bis bis materno, mi guadagno da vivere cercando di insegnare Inglese agli studenti di una scuola media della mia città, Mestre, dove vivo da quando son ritornato da Padova dopo esser nato (con un'iniziale quinquennale parentesi al Lido di Venezia dalla nonna). Prendendo a prestito l'incipit dei "Memoirs" di un mio illustre concittadino di due secoli fa - Carlo Goldoni - posso con certezza affermare che, ancor di più della sua, "ma vie n'est pas importante"; io sono quello che scrivo: il resto è amleticamente silenzio.

Copertina @AdelphiQuale strano rapporto può instaurarsi tra un autore e il proprio Editore?
Ce lo racconta in questo brevissimo volumetto (50 pp) Jean Echenoz; dal suo romanzo d’esordio fino alla morte del “suo” editore Jerome Lindon patron delle Editions de Minuit, dalla prima emozione di vedersi accettato il proprio scritto da un “grande” editore, al piacere di frequentarlo (per volere di lui), ai distacchi anche molto lunghi, tutto un rapporto fatto di stima mista a fiuto o improvvisi quanto inspiegabili irrigidimenti.

Racconto interessante per cercare di far luce sul carattere di uno dei più abili editori francesi dello scorso secolo. Compare – sia pure per un istante – uno degli Autori scoperti e promossi da Lindon: niente po’ po’ di meno che Samuel Beckett, molti anni prima che questi vincesse (e non ritirasse) il Nobel nel ’69.

Questo libretto di Echenoz mostra cosa può succedere e – in genere – succede grazie alla cultura, all’intuito di un Editore sensibile ma anche consapevole di cosa voglia dire lanciare un nuovo scrittore. Chissà! un rapporto simile l’avranno avuto i nostri Autori con Arnoldo Mondadori, Bompiani, Rusconi, Vallecchi, Mursia e ci perdonino i non nominati.

Commenti non consentiti

carlo lo re Violetta Lima Luciana Cameli Livia Di Pasquale Leandro Perrotta Ignazio Del Campo Fabiola Foti Alessandro Puglisi
Design & GUI by Mushin | Many Thanks to FamFamFam (icons) & Komodomedia (icons) & chrfb (icons) | WebStrategist (area test) | Hosted by MediaTemple