Il Libro dei Teschi, Silverberg

Scritto da: il 31.01.11
Articolo scritto da . Io sono Livia, classe 1980, e ho un problema con la lettura: leggo sempre, leggo tutto, leggo troppo. Ho contratto questo morbo da bambina, ma non esistendo un vaccino si è cronicizzato. Ho letto anche per lavoro, all'interno di una casa editrice. Credo che leggere sia sempre un bene, e che ci sia il libro "giusto" per ogni persona. E questo è ciò che voglio fare per gli altri internauti: metterli in contatto col libro che li sta aspettando. In alternativa la gestione di questa gabbia di matti mi aiuterà per quando diventerò imperatrice del mondo, supportata da Leto e Minerva.

Il libro dei teschi - Robert SilverbergAh, l’immortalità! Una chimera che l’uomo ha sempre ricercato, attraverso magia, misticismo e scienza, in tutti i modi possibili. Vivere per sempre, immutabili, cavalcando i secoli sempre in forma, senza invecchiamento, senza decadimento fisico. Su questa ricerca è imperniato Il Libro dei Teschi, romanzo di Silverberg non molto conosciuto.

Quattro giovani americani, ognuno appartenente a una nicchia sociale ben distinta, si ritrovano a condividere gli anni del college e una scoperta che li porterà a compiere il viaggio “della vita”. Un inizio un po’ banale, se vogliamo, già visto e sentito, ma con sviluppi decisamente inaspettati.

Si tratta infatti della ricerca dell’immortalità seguendo le indicazioni di un libro trovato da Eli, quello che, tra loro, possiamo identificare come l’intellettuale, stereotipicamente ebreo, solitario, smilzo. Il Libro dei Teschi infatti racconta loro del percorso e dei Misteri da percorrere per diventare immortali, recandosi in un monastero sperduto nel deserto americano. Sembrano esserci tutti gli elementi per un romanzo d’avventura, mentre invece è l’introspezione la chiave di tutto: ognuno di loro durante il viaggio esplorerà se stesso e le sue motivazioni, con un percorso di formazione dagli esiti niente affatto scontati.

Oltre al nostro ebreo non potevano mancare gli altri stereotipi americani: Oliver, il ragazzone del Kansas, campagnolo e belloccio, ossessionato dalla perfezione e dalla rimozione di quegli aspetti di sé poco meno che virili; Timothy, aristocratico americano con i suoi atteggiamenti di noia ostentata e una vita già scritta per lui fatta di feste e country club; infine  Ned, poeta e omosessuale, con un disastro familiare alle spalle e mille segreti nella mente.

Da subito però colpisce una condizione “speciale” in questo percorso: secondo il nono mistero due di loro diventeranno immortali e due dovranno morire, uno suicida e l’altro ucciso dai sopravvissuti. Su questa tensione si gioca la partita mentale tra i quattro. E dopo l’arrivo al monastero i loro rapporti reciproci muteranno tanto velocemente da portare  a una conclusione rapida e inaspettata.

L’autore apre uno squarcio sulla vita delle sette, rappresentando anche cosa sia un vero e proprio lavaggio del cervello, a cui i ragazzi si sottopongono volontariamente tramite fatica fisica, meditazioni guidate, alimentazione. Non importa che il lettore abbia o meno sospeso l’incredulità sulla possibilità di non morire, il punto focale della narrazione è ciò che si è disposti a credere e fare per determinati obiettivi.

L’abilità di Silverberg è tutta lì, nel farci seguire coralmente i pensieri dei ragazzi, portandoci a costruire un quadro stabile ma falsato, lasciando intuire pezzi di trama che poi non andranno al loro posto. E nel lasciare sempre nebulosi i punti chiave: ce la faranno davvero? I Teschi sono realmente immortali?

Unico vero difetto è la prolissità di alcune parti, elucubrazioni a volte tanto involute da risultare pesanti da seguire. Per il resto, superato qualcuno di questi scogli il romanzo scorre fluido, in un ritmo sempre più serrato man mano che ci si avvicina al finale.

Un libro più estivo che invernale, quasi un thriller da leggere sotto l’ombrellone.

carlo lo re Violetta Lima Luciana Cameli Livia Di Pasquale Leandro Perrotta Ignazio Del Campo Fabiola Foti Alessandro Puglisi
Design & GUI by Mushin | Many Thanks to FamFamFam (icons) & Komodomedia (icons) & chrfb (icons) | WebStrategist (area test) | Hosted by MediaTemple