Grill Bill, Zanicchi

Scritto da: il 11.08.09
Articolo scritto da . Non c'è Compagnia senza un elfo, perciò - aderendo al contratto nazionale delle Orecchie a Punta - eccomi qua. Ho anche un nome normale, Alessandra, ma quelli che mi chiamano così si contano sulla punta delle dita. Voglio salutare papà, mamma, e tutti quelli che mi hanno permesso di arrivare fin qui...cosa? Non è il Festival di Sanremo? E va be', dai, siate buoni!!! ;)

Grill Bill - Massimo ZanicchiScrivendo per Liblog, non posso non essere aggiornata sulle novità di Tanit.  Dopo Nessun Peccato ero proprio curiosa di vedere (o, meglio, di leggere) che cosa avrebbero tirato fuori dal cilindro Emilia e Livia questa volta, ed ecco perché mi sono precipitata ad ordinare Grill Bill di Massimo Zanicchi, appena ho saputo che il libro era disponibile.

La copertina – un’illustrazione di Armando Borrelli – richiama lo stile fumettistico ed invita il lettore ad impadronirsi della chiave del libro, e cioè una sorta di humor nero che lo permea dall’inizio alla fine.

La storia è quella di un mucchietto di ceneri. Detta così potrebbe far spalancare gli occhi a chiunque, quindi ampliamo il concetto: la storia è quella di un mucchietto di ceneri che un tempo erano state il corpo di Bill Bates, esponente di spicco dell’IRA. In una Dublino fuligginosa, descritta fino all’ultimo pub, la preziosa urna entra nelle mire sia di un potente malavitoso locale che degli ex compagni combattenti di Bill.

Il putiferio si scatena quando un delinquentello di mezza tacca ne entra in possesso per uno scherzo del destino e si trova a dover smerciare un carico così difficile e pericoloso senza rischiare la pelle. La polizia e i giornali ci mettono del loro ed il quadro si completa tra inseguimenti, punizioni esemplari, fughe precipitose, omicidi, vendette, sangue e grasse risate. Sì, perché Grill Bill è un libro divertente.

Il punto di vista slitta continuamente, anche se l’io narrante è fissato sul povero sbandato che scippa l’urna alla donna incaricata di trasportarla. Questo impedisce al lettore di annoiarsi ed aiuta ad ottenere una percezione a tutto tondo della vicenda. Non si può parlare propriamente di un protagonista, anche se il lettore è portato ad immedesimarsi nel ladruncolo: abbiamo un romanzo corale in cui tutti danno il loro essenziale contributo, una carrellata di personaggi sfaccettati e caratterizzati in modo spesso grottesco, altre volte comico.

Lo stile è frizzante, sempre un po’ sopra le righe, perfettamente adatto ad un racconto di questo tipo dove è l’ironia a farla da padrone. Le trovate di spirito sono molteplici, ma hanno il pregio di non essere mai esagerate: questo rende la lettura scorrevole e dona leggerezza al testo anche nelle descrizioni che dovrebbero essere cupe e sanguinose.

Leggete Grill Bill se vi piacciono i film di Tarantino, quelli in cui il male è estremizzato in umorismo, i personaggi negativi diventano eroi e anche nei momenti di maggior tensione la risata o la trovata di ingegno sono dietro l’angolo, pronte a spiazzare il pubblico e a strappare un applauso: sono certa che ne rimarrete entusiasti.

  • http://wdsucks.altervista.org izzy

    Ma per comprarlo si deve per forza passare per Ibs?

  • http://wdsucks.altervista.org izzy

    Ma per comprarlo si deve per forza passare per Ibs?

  • http://liblog.blogdo.net Livia

    Certo che no. Basta andare in una qualunque libreria. Anche se ho saputo che ci sono librai che, tanto per cambiare, fanno finta che non esista. Di’ loro che il distributore è EdiQ e se puoi protesta!

  • http://liblog.blogdo.net Livia

    Certo che no. Basta andare in una qualunque libreria. Anche se ho saputo che ci sono librai che, tanto per cambiare, fanno finta che non esista. Di’ loro che il distributore è EdiQ e se puoi protesta!

  • http://wdsucks.altervista.org izzy

    Mi sono spiegato male… compro sempre su internet. Era un modo indiretto per saper se voi, come casa editrice, vendete direttamente dal vostro sito. Perché cercando non ho trovato.

  • http://wdsucks.altervista.org izzy

    Mi sono spiegato male… compro sempre su internet. Era un modo indiretto per saper se voi, come casa editrice, vendete direttamente dal vostro sito. Perché cercando non ho trovato.

  • http://liblog.blogdo.net Livia

    No, noi non vendiamo direttamente, non ancora ;)

  • http://liblog.blogdo.net Livia

    No, noi non vendiamo direttamente, non ancora ;)

  • http://www.blogattelle.it/ massimo

    Di’ loro che il distributore…”
    non so se ti farà piacere, ma sono anch’io per il di’, -mero, da appassionato ad appassionata, surfin’ crusc’a go go-, e avvinto, nel particolare come nel generale, -a cagion tua, pure- e tanto per tagliar la testa al toro ti comunico che la crusca ha ‘l complesso dell’uso, -traspare di continuo negli scritti -diafano ‘l contrito pe’ rimproveri -di non accoglier abbastanza l’uso…; e cosí, stratificandosi negli anni… -s’arriva a tronista, -e non voglio aggiunger altro

  • http://www.blogattelle.it/ massimo

    Di’ loro che il distributore…”
    non so se ti farà piacere, ma sono anch’io per il di’, -mero, da appassionato ad appassionata, surfin’ crusc’a go go-, e avvinto, nel particolare come nel generale, -a cagion tua, pure- e tanto per tagliar la testa al toro ti comunico che la crusca ha ‘l complesso dell’uso, -traspare di continuo negli scritti -diafano ‘l contrito pe’ rimproveri -di non accoglier abbastanza l’uso…; e cosí, stratificandosi negli anni… -s’arriva a tronista, -e non voglio aggiunger altro

  • http://wdsucks.altervista.org izzy

    Eh?!? Spero che non sia l’autore, altrimenti si è appena bruciato un potenziale lettore. Ahahahaahha!
    Sarà che a me questo genere di battute pseudo intellettuali fa venire il latte alle ginocchia :D ,proprio non le capisco.
    ***
    La peggior cosa che può fare un autore, è far sentire stupido un lettore.
    Non preccupatevi, ho capito che era una cosa tra voi. Però la sensazione che ho provato era quella…

  • http://wdsucks.altervista.org izzy

    Eh?!? Spero che non sia l’autore, altrimenti si è appena bruciato un potenziale lettore. Ahahahaahha!
    Sarà che a me questo genere di battute pseudo intellettuali fa venire il latte alle ginocchia :D ,proprio non le capisco.
    ***
    La peggior cosa che può fare un autore, è far sentire stupido un lettore.
    Non preccupatevi, ho capito che era una cosa tra voi. Però la sensazione che ho provato era quella…

  • http://www.blogattelle.it/ massimo

    @izzy
    “… far sentire stupido un lettore.”
    certo con te viene facile…

  • http://www.blogattelle.it/ massimo

    @izzy
    “… far sentire stupido un lettore.”
    certo con te viene facile…

  • http://liblog.blogdo.net Livia

    @Izzy: no, non è l’autore, massimo è un nome più comune di quanto pensi ;) Però se vuoi saperne di più del massimo che ti ha risposto ti consiglio di visitare Blogattèlle.
    @Massimo: sempre caustico, eh? Suvvia, un po’ di dolcezza non guasta.

  • http://liblog.blogdo.net Livia

    @Izzy: no, non è l’autore, massimo è un nome più comune di quanto pensi ;) Però se vuoi saperne di più del massimo che ti ha risposto ti consiglio di visitare Blogattèlle.
    @Massimo: sempre caustico, eh? Suvvia, un po’ di dolcezza non guasta.

  • http://wdsucks.altervista.org izzy

    @Livia: Ah, ho capito: QUESTO Massimo è solo uno spammone. Meno male, perché il romanzo mi ispira.
    ***
    Mi fa di un bene incontrare gente più infantile di me! Mi fa sentire un po’ più normale. :)

  • http://wdsucks.altervista.org izzy

    @Livia: Ah, ho capito: QUESTO Massimo è solo uno spammone. Meno male, perché il romanzo mi ispira.
    ***
    Mi fa di un bene incontrare gente più infantile di me! Mi fa sentire un po’ più normale. :)

  • http://www.blogattelle.it/ massimo (blogattelle)

    (d’ora in poi)
    @livia
    carina, gentile; bentornata
    @izzy
    sbagli tutto (vieppiú hai commentato mentre liblog era in ferie, -maleducatissimo): continua a sentirti il sorcio che sei

  • http://www.blogattelle.it/ massimo (blogattelle)

    (d’ora in poi)
    @livia
    carina, gentile; bentornata
    @izzy
    sbagli tutto (vieppiú hai commentato mentre liblog era in ferie, -maleducatissimo): continua a sentirti il sorcio che sei

  • http://liblog.blogdo.net Livia

    Grazie del bentornato!
    @izzy: no, non è uno spammone, è un frequentatore di liblog da molto tempo e ormai abbiamo un modo di scherzare che tende forse a escludere gli altri. In ogni caso, sappilo, scrive sempre così ;)
    @Massimo: izzy è a volte pungente, ma scherza. Purtroppo online non è sempre possibile capire i toni. Secondo me, superato questo piccolo scontro, andrete molto d’accordo.

  • http://liblog.blogdo.net Livia

    Grazie del bentornato!
    @izzy: no, non è uno spammone, è un frequentatore di liblog da molto tempo e ormai abbiamo un modo di scherzare che tende forse a escludere gli altri. In ogni caso, sappilo, scrive sempre così ;)
    @Massimo: izzy è a volte pungente, ma scherza. Purtroppo online non è sempre possibile capire i toni. Secondo me, superato questo piccolo scontro, andrete molto d’accordo.

carlo lo re Violetta Lima Luciana Cameli Livia Di Pasquale Leandro Perrotta Ignazio Del Campo Fabiola Foti Alessandro Puglisi
Design & GUI by Mushin | Many Thanks to FamFamFam (icons) & Komodomedia (icons) & chrfb (icons) | WebStrategist (area test) | Hosted by MediaTemple