Canto di Natale, Dickens

Scritto da: il 25.12.08
Articolo scritto da . Io sono Livia, classe 1980, e ho un problema con la lettura: leggo sempre, leggo tutto, leggo troppo. Ho contratto questo morbo da bambina, ma non esistendo un vaccino si è cronicizzato. Ho letto anche per lavoro, all'interno di una casa editrice. Credo che leggere sia sempre un bene, e che ci sia il libro "giusto" per ogni persona. E questo è ciò che voglio fare per gli altri internauti: metterli in contatto col libro che li sta aspettando. In alternativa la gestione di questa gabbia di matti mi aiuterà per quando diventerò imperatrice del mondo, supportata da Leto e Minerva.

Charles DickensCe lo fanno sorbire ogni anno, in decine e decine di versioni, recitato, in forma di animazione, cantato… Canto di Natale di Charles Dickens incarna lo spirito festivo nell’immaginario collettivo, per cui perché non leggere il testo originale?

Dato che non è più coperto da nessuna forma di diritto d’autore potete serenamente scaricarlo da Liber liber, nella traduzione di Federico Verdinois, e leggerlo in famiglia in questi giorni, anche solo per confrontare lo scritto e le sue innumerevoli interpretazioni. In alternativa potrete sicuramente trovarlo nelle librerie ancora aperte in questo periodo, forse il migliore dell’anno per i librai.

A Christmas Carol in realtà non è l’unico racconto natalizio scritto da Dickens; anzi, era parte di quella che oggi chiameremmo una collana, The Christmas Books, destinata ad uscire ogni anno proprio nel periodo natalizio. Ma è l’unico universalmente famoso tra questi.

Sulla trama nel bene o nel male tutti sappiamo qualcosa, o anche di più; il vecchio bisbetico Ebenezer Scrooge è il tirchio per antonomasia, il gretto dal cuore indurito. E i tre spiriti sono anche più famosi, benché spesso le raffigurazioni abbiano storpiato le intenzioni originali dello scritto.

La morale è ovvia, com’è ovvio il tentativo di mettere in luce la condizione dei poveri e dei minori nell’Inghilterra del 1800, tratto comune a quasi tutti i lavori dickensiani, derivante in gran parte proprio dalla sua storia personale.

Resta da esplorare la scrittura, che sin dal principio è ironica e molto spigliata, con uno stile quasi beffardo in alcuni tratti per cedere il passo ad una narrazione più fiabesca quando necessario. Una scrittura degna dei migliori tratti del Pickwick Papers.

Buona lettura, e buon Natale!

  • http://digilander.libero.it/SFranz/ sfranz

    E’ famoso sì; e da Scrooge Walt Disney trarrà il personaggio appunto di uncle Scrooge ossia zio Paperone. La trasposizione in cartoni animati con i personaggi Disney è fantastica , Stranamente, ch’io sappia, è uscita in videocassetta ma non in DVD. Quelle di Dickens son sempre storie con morale e i racconti di fantasmi nascono proprio come tradizione della vigilia di Natale, tipici, raffinati e belli quelli del prof. M. R. James, chissà, forse prossimamente su Liblog. Intanto Buon Natale e Buone Feste a tutti!

  • http://digilander.libero.it/SFranz/ sfranz

    E’ famoso sì; e da Scrooge Walt Disney trarrà il personaggio appunto di uncle Scrooge ossia zio Paperone. La trasposizione in cartoni animati con i personaggi Disney è fantastica , Stranamente, ch’io sappia, è uscita in videocassetta ma non in DVD. Quelle di Dickens son sempre storie con morale e i racconti di fantasmi nascono proprio come tradizione della vigilia di Natale, tipici, raffinati e belli quelli del prof. M. R. James, chissà, forse prossimamente su Liblog. Intanto Buon Natale e Buone Feste a tutti!

  • http://digilander.libero.it/SFranz/ sfranz

    Un canto di Natale è letto dalla scrittrice Cinzia Tani sul sito di Fantasticamente: si ascolta o si scarica e ascolta con Real Player:

    http://www.radio.rai.it/radio1/fantasticamente/elencoaudiolibri.cfm?first=11&Q_PROG_ID=132&Q_TIP_ID=1103

  • http://digilander.libero.it/SFranz/ sfranz

    Un canto di Natale è letto dalla scrittrice Cinzia Tani sul sito di Fantasticamente: si ascolta o si scarica e ascolta con Real Player:

    http://www.radio.rai.it/radio1/fantasticamente/elencoaudiolibri.cfm?first=11&Q_PROG_ID=132&Q_TIP_ID=1103

  • http://www.carlolore.it Carlo

    Pensa che addirittura c’è chi, come me, ama così tanto “The Christmas Carol” da collezionarlo in varie lingue.
    Ne ho appena comperato una deliziosa versione tedesca e sto gustandomi le illustrazioni di John Leech (quelle dell’edizione originaria inglese).
    Per quanto riguarda la traduzione italiana, mi permetto di segnalare quella a cura di Milli Graffi (Edizioni La Vita Felice, Milano, 1995), senza illustrazioni, ma con testo inglese a fronte, un’ottima introduzione e ottime note, il tutto in un delizioso volumetto di 224 pagine di carta pregiata.

  • http://www.carlolore.it Carlo

    Pensa che addirittura c’è chi, come me, ama così tanto “The Christmas Carol” da collezionarlo in varie lingue.
    Ne ho appena comperato una deliziosa versione tedesca e sto gustandomi le illustrazioni di John Leech (quelle dell’edizione originaria inglese).
    Per quanto riguarda la traduzione italiana, mi permetto di segnalare quella a cura di Milli Graffi (Edizioni La Vita Felice, Milano, 1995), senza illustrazioni, ma con testo inglese a fronte, un’ottima introduzione e ottime note, il tutto in un delizioso volumetto di 224 pagine di carta pregiata.

carlo lo re Violetta Lima Luciana Cameli Livia Di Pasquale Leandro Perrotta Ignazio Del Campo Fabiola Foti Alessandro Puglisi
Design & GUI by Mushin | Many Thanks to FamFamFam (icons) & Komodomedia (icons) & chrfb (icons) | WebStrategist (area test) | Hosted by MediaTemple