Grafica e disegni, Escher

Scritto da: il 10.07.09
Articolo scritto da . Io sono Livia, classe 1980, e ho un problema con la lettura: leggo sempre, leggo tutto, leggo troppo. Ho contratto questo morbo da bambina, ma non esistendo un vaccino si è cronicizzato. Ho letto anche per lavoro, all'interno di una casa editrice. Credo che leggere sia sempre un bene, e che ci sia il libro "giusto" per ogni persona. E questo è ciò che voglio fare per gli altri internauti: metterli in contatto col libro che li sta aspettando. In alternativa la gestione di questa gabbia di matti mi aiuterà per quando diventerò imperatrice del mondo, supportata da Leto e Minerva.

Grafica e disegni - M.C. EscherAmo molto le arti grafiche in genere, specialmente quelle che utilizzano i nostri stessi sensi per ingannarci. Non posso quindi fare a meno di provare la più sincera ammirazione per Escher e la sua opera; impensabile per me non approfittare della ristampa di Grafica e disegni, proprio di quest’autore che tanto stimo.

Una cospicua parte di quello che è raccolto nel volume è sicuramente già noto a molti: le illusioni, i nastri, le metamorfosi. Ciò che rende il volume più prezioso è l’accompagnamento di introduzione e descrizioni scritte dallo stesso artista, che sintetizzano il percorso di genesi e l’estetica sottesi.

Punt e mes - Armando TestaTre sfere I - M.C. Escher

Le tavole di Escher sono create per smarrirsi, per riflettere sulla percezione, sugli enigmi, sulla trasformazione. Rappresentazioni di idee difficilmente veicolabili con la scrittura, ma che attraverso l’immagine vengono comunicate senza filtri. A volte però la complessità della sua opera costringe ad uno sguardo più indagatore e approfondito, per poter apprezzare l’intera composizione.

Dalle sue didascalie risaliamo ai temi fondanti: il conflitto tra la superficie e lo spazio, espresso attraverso la confutazione della bidimensionalità, la relatività, che trova forme nuove attraverso un uso moderno della prospettiva, i cerchi e le spirali spaziali, la cui più famosa rappresentazione è la Striscia di Moebius.

Salta anche agli occhi la quantità di ispirazioni che ha dato al mondo della grafica pubblicitaria, compreso questo parallelo tra il suo Tre sfere I e il manifesto di Armando Testa (altro intelletto vivacissimo) per Punt e Mes. Persino Simpson e Futurama (al minuto 1:24) hanno reso omaggio alle sue creazioni.

La qualità del volume, rapportata al prezzo davvero esiguo e abbordabile, è buona, le immagini nitide sia per definizione che per dimensioni; ho imparato a tenere d’occhio Taschen per la continua riproposizione di volumi economici che consentono di farsi un’idea di quanto c’è di meglio nel campo dell’illustrazione, fotografia e tutte le arti grafiche.

Sicuramente un punto d’inizio per conoscere e apprezzare l’opera di un vero genio.

Commenti non consentiti

carlo lo re Violetta Lima Luciana Cameli Livia Di Pasquale Leandro Perrotta Ignazio Del Campo Fabiola Foti Alessandro Puglisi
Design & GUI by Mushin | Many Thanks to FamFamFam (icons) & Komodomedia (icons) & chrfb (icons) | WebStrategist (area test) | Hosted by MediaTemple