Complotti notturni, David B.

Scritto da: il 16.09.08
Articolo scritto da . Nato a Padova due mesi dopo l’uscita di Atom Heart Mother. I due eventi non sono correlati ma è per aiutare i più sagaci a capire la mia età e che cd non regalarmi per il mio compleanno. Non mi piacciono: le sovraccoperte dei libri sgualcite e ingiallite, le scatoline dei cd coi dentelli spezzati, le “orecchie” per segnare la pagina. Lavoro, disegno, scrivo, sento musica, vedo gente e faccio cose, tutto questo quasi sempre a Padova.

Copertina @IBSQuando ho chiesto ad un mio amico in libreria se conoscesse questo nuovo volume di David B., Complotti notturni, era perché ho dato per scontato che la risposta fosse sì… di solito li prende tutti. Invece no, non ce l’aveva ancora. Strano.

Dico, beh dovrebbe essere bello no? Sì, dipende se ti interessano i sogni di David B. mi fa lui. Visto che l’alternativa era l’ennesimo volume postumo un po’ sospetto di Pazienza, ok, lo prendo.

E in effetti di questo si tratta, nient’altro, 19 storie a fumetti brevi o brevissime che raccontano altrettanti sogni dell’autore raccolti in un arco di tempo che va dal 1979 al 1994. Sogni tutti in chiave noir, con la slegatezza e l’inconcludenza tipiche degli avvenimenti onirici, a volte, ma tutte affascinanti, evocative e ricche di simbolismi.

Storie “caotiche e poetiche” – per riprendere le parole dall’introduzione dello stesso David B. – popolate di gangster, assassini in divisa e non, omicidi, inseguimenti, figure mostruose e gatti arcani. E legionari romani, tanto per dire.

Poi dubito che, come dice la quarta di copertina, si tratti di un “punto di vista unico e privilegiato sulla realtà dei nostri anni”. Di quella ce n’è ben poca (se non zero, credetemi) ma poco importa, solo non capisco il senso del volermelo vendere così.

Ma strategie di marketing a parte ehi, il volume è bello ed è quello che conta. Non sarà un racconto “importante” come “Il grande male”, ed è sicuramente più vicino come atmosfere all’esoterismo di “Les incidents de la nuit” senza essere altrettanto indispensabile, però David B. è davvero bravo, disegna benissimo, di fatto è uno degli autori più importanti di questi anni.

E gli va dato atto che rendere non solo leggibile ma addirittura affascinante la lettura dei propri sogni disegnati non è un risultato da poco. Certo la magia la fanno quelle tavole bellissime in bianco nero e blu, quegli animali misteriosi, quei mostri dall’aspetto quasi antico.

Si legge e si rilegge, magari con un Nero d’Avola.

  • http://gattirandagi.ilcannocchiale.it max vicius

    La copertina è stupenda. Inizia a farci un pensierino e magari lo prendero a Lucca (sempre che riesca ad andarci)

  • http://gattirandagi.ilcannocchiale.it max vicius

    La copertina è stupenda. Inizia a farci un pensierino e magari lo prendero a Lucca (sempre che riesca ad andarci)

carlo lo re Violetta Lima Luciana Cameli Livia Di Pasquale Leandro Perrotta Ignazio Del Campo Fabiola Foti Alessandro Puglisi
Design & GUI by Mushin | Many Thanks to FamFamFam (icons) & Komodomedia (icons) & chrfb (icons) | WebStrategist (area test) | Hosted by MediaTemple