Consigli per un adolescente

Scritto da: il 16.04.10
Articolo scritto da . Io sono Livia, classe 1980, e ho un problema con la lettura: leggo sempre, leggo tutto, leggo troppo. Ho contratto questo morbo da bambina, ma non esistendo un vaccino si è cronicizzato. Ho letto anche per lavoro, all'interno di una casa editrice. Credo che leggere sia sempre un bene, e che ci sia il libro "giusto" per ogni persona. E questo è ciò che voglio fare per gli altri internauti: metterli in contatto col libro che li sta aspettando. In alternativa la gestione di questa gabbia di matti mi aiuterà per quando diventerò imperatrice del mondo, supportata da Leto e Minerva.

Ho ricevuto una mail su Liblog con una bella richiesta: “Ciao Livia, ho un ragazzo di 15 anni a cui non piace leggere. Quali libri mi consigli per affascinarlo alla lettura? grazie”. Io darò i miei consigli, ma vorrei anche sentire cosa ne pensate voi. Vi invito a sbizzarrirvi nei commenti e aiutare questa lettrice a far incontrare al ragazzo il libro giusto per lui.

In primo luogo proverei con la saga dei Malaussene di Daniel Pennac: ottima scrittura, trame avvincenti, niente infantilismi ma testi accessibili ai ragazzi che non amano molto leggere; anche Benni può essere un ottimo apripista, frizzante e godibile. Magari si possono affiancare a un più tradizionale Calvino, con la Trilogia dei nostri antenati (Barone rampante, Cavaliere inesistente e Visconte dimezzato).

Si può provare con un po’ di umorismo all’inglese, con  Tre uomini in barca (per non parlar del cane), oppure utilizzare i bellissimi racconti di Poe, che hanno conquistato tante generazioni senza mai perdere nulla del loro fascino.

Se è un ragazzo timido, un po’ curioso, potrebbe farsi affascinare dai libri di Jostein Gaarder, o dallo Strano caso del cane ucciso a mezzanotte; se ama videogames, azione, fantascienza, cinema, si potrebbe tentare con Dune di Herbert e Rapporto di minoranza e altri racconti di Philip Dick.

Magari fallirà ogni libro, specialmente se viene suggerito da un adulto, salvo poi vedere scattare la scintilla per quel libro lasciato lì per caso, lasciato aperto su un tavolo, col dorso in bella vista che funge da richiamo…

  • http://vogliosoloscrivere.wordpress.com Elfo

    Mmm. 15 anni. Maschio.
    Come primo titolo mi verrebbe in mente “Jack Frusciante è uscito dal gruppo”.
    Poi, ovviamente, consiglierei qualcosa di Neil Gaiman: STARDUST, per esempio, perchè sotto la fiaba c’è l’avventura di un ragazzino che diventa uomo.
    E poi decisamente PAN, di Francesco Dimitri.

  • http://vogliosoloscrivere.wordpress.com Elfo

    Mmm. 15 anni. Maschio.
    Come primo titolo mi verrebbe in mente “Jack Frusciante è uscito dal gruppo”.
    Poi, ovviamente, consiglierei qualcosa di Neil Gaiman: STARDUST, per esempio, perchè sotto la fiaba c’è l’avventura di un ragazzino che diventa uomo.
    E poi decisamente PAN, di Francesco Dimitri.

  • http://www.chiaralice.it Chiaralice

    Benni non è perfettissimo per i ragazzi di 15 anni, a meno che non stiamo parlando di Baol (e quello è un capolavoro per tutti), altrimenti si rischia che non venga capito.
    Io ho recentemente consigliato Lo strano caso del Dott. Jeckyll e Mr. Hide a un ragazzo della stessa età e gli è molto piaciuto. Altra cosa che può essere interessante è L’isola del tesoro. Sono entrambi di Robert Louis Balfour Stevenson. Sono per ragazzi di 15 ma anche più grandi, io L’isola del tesoro l’ho letto a 22 anni.
    Rapporto di minoranza mi sembra una grande idea.
    Intervista col vampiro, di Anne Rice, è un altro libro che va molto, ma ovviamente dobbiamo capire se si vuole solo avvicinare il ragazzo alla lettura o alla letteratura. Non che sia scritto male. Ma c’è sempre Dracula di Bram Stoker in caso. Mi sa che lavorare in libreria mi ha fatto bene! Fateci sapere “il risultato”, sono curiosa!

  • http://www.chiaralice.it Chiaralice

    Benni non è perfettissimo per i ragazzi di 15 anni, a meno che non stiamo parlando di Baol (e quello è un capolavoro per tutti), altrimenti si rischia che non venga capito.
    Io ho recentemente consigliato Lo strano caso del Dott. Jeckyll e Mr. Hide a un ragazzo della stessa età e gli è molto piaciuto. Altra cosa che può essere interessante è L’isola del tesoro. Sono entrambi di Robert Louis Balfour Stevenson. Sono per ragazzi di 15 ma anche più grandi, io L’isola del tesoro l’ho letto a 22 anni.
    Rapporto di minoranza mi sembra una grande idea.
    Intervista col vampiro, di Anne Rice, è un altro libro che va molto, ma ovviamente dobbiamo capire se si vuole solo avvicinare il ragazzo alla lettura o alla letteratura. Non che sia scritto male. Ma c’è sempre Dracula di Bram Stoker in caso. Mi sa che lavorare in libreria mi ha fatto bene! Fateci sapere “il risultato”, sono curiosa!

  • http://wdsucks.altervista.org/ Izzy

    Il ciclo dei robot di Asimov. I primi di Terry Brooks. Paolini (ha fatto successo proprio perché è un ragazzino che scrive per ragazzini). Senza lasciarsi condizionare troppo dalla fuorviante idea che “è troppo grande per leggere cose per bambini”, io direi Harry Potter.
    Sconsiglierei l’umorismo inglese, che può essere indigesto, o vecchi autori italiani, che venendo imposti a scuola vengono visti con ostilità dai giovani (e meno giovani). Di Dick ho letto solo un romanzo, ma mi sembra impegnativo e troppo stagionato per un giovane alle sue prime esperienze da lettore. Il Dottor Jeckyll lo vedo troppo introspettivo e lento, senza contare che è una storia “già sentita” e stra-abusata, di cui saprebbe la fine prima ancora d’aver letto l’inizio.
    In generale punterei su romanzi usciti di recente, cercando di dimenticare le vostre esperienze personali (ah vecchi!!!), così che lo stile non sappia di stantio. In questo caso è il primo impatto che conta, non tanto il contenuto. Meglio la Troisi che Tolkien, per dire.

  • http://wdsucks.altervista.org/ Izzy

    Il ciclo dei robot di Asimov. I primi di Terry Brooks. Paolini (ha fatto successo proprio perché è un ragazzino che scrive per ragazzini). Senza lasciarsi condizionare troppo dalla fuorviante idea che “è troppo grande per leggere cose per bambini”, io direi Harry Potter.
    Sconsiglierei l’umorismo inglese, che può essere indigesto, o vecchi autori italiani, che venendo imposti a scuola vengono visti con ostilità dai giovani (e meno giovani). Di Dick ho letto solo un romanzo, ma mi sembra impegnativo e troppo stagionato per un giovane alle sue prime esperienze da lettore. Il Dottor Jeckyll lo vedo troppo introspettivo e lento, senza contare che è una storia “già sentita” e stra-abusata, di cui saprebbe la fine prima ancora d’aver letto l’inizio.
    In generale punterei su romanzi usciti di recente, cercando di dimenticare le vostre esperienze personali (ah vecchi!!!), così che lo stile non sappia di stantio. In questo caso è il primo impatto che conta, non tanto il contenuto. Meglio la Troisi che Tolkien, per dire.

  • http://www.chiaralice.it Chiaralice

    Io veramente tanto vecchia non sono e sopratutto mi basavo su esperienze personali di quindicenni, non mie. Mia sorella ha 15 anni e sono circondata di ragazzi della stessa età. Io al tempo avevo finito di leggere tutto quello che avevo trovato di Dostojevskij (poi riletto da grande). Secondo me il problema più che il nostro essere “vecchi” è capire se indirizzare il ragazzo verso i classici o verso la lettura in generale. Concordo sul ciclio dei robot di Asimov e anche su Harry Potter.

  • http://www.chiaralice.it Chiaralice

    Io veramente tanto vecchia non sono e sopratutto mi basavo su esperienze personali di quindicenni, non mie. Mia sorella ha 15 anni e sono circondata di ragazzi della stessa età. Io al tempo avevo finito di leggere tutto quello che avevo trovato di Dostojevskij (poi riletto da grande). Secondo me il problema più che il nostro essere “vecchi” è capire se indirizzare il ragazzo verso i classici o verso la lettura in generale. Concordo sul ciclio dei robot di Asimov e anche su Harry Potter.

  • http://wdsucks.altervista.org/ Izzy

    Stavo solo scherzando :P Do del vecchio a chiunque, così, tanto per far finta di essere giovvine.
    ***
    Avendo letto pochi classici, non credo di aver molta voce in capitolo. Certo lo stile di alcuni è piuttosto soporifero e scoraggia la lettura. In “Ventimila leghe sotto i mari”, per esempio, mi veniva da dare capocciate al muro ogni qualvolta Verne si metteva a elencare la flora e la fauna che i protagonisti del libro incontravano durante la loro avventura. Pagine e pagine di nomi scientifici in latino. Aaaarrrggghttt!

  • http://wdsucks.altervista.org/ Izzy

    Stavo solo scherzando :P Do del vecchio a chiunque, così, tanto per far finta di essere giovvine.
    ***
    Avendo letto pochi classici, non credo di aver molta voce in capitolo. Certo lo stile di alcuni è piuttosto soporifero e scoraggia la lettura. In “Ventimila leghe sotto i mari”, per esempio, mi veniva da dare capocciate al muro ogni qualvolta Verne si metteva a elencare la flora e la fauna che i protagonisti del libro incontravano durante la loro avventura. Pagine e pagine di nomi scientifici in latino. Aaaarrrggghttt!

  • http://writersdream.org Ayame

    Concordo su Pan di Dimitri, e ci aggiungo la trilogia di Hannibal Lecter (escludendo Le origini del male che fa schifo ai sassi). Anche il ciclo egiziano di Wilbur Smith – Il Dio del fiume, Figli del Nilo e Il settimo papiro – è adatto, secondo me, avventuroso e incalzante.
    Poi, consigliatissimissimo, Fool di Christopher Moore. L’ho finito giusto ieri, è favoloso e fa morire dalle risate.

  • http://writersdream.org Ayame

    Concordo su Pan di Dimitri, e ci aggiungo la trilogia di Hannibal Lecter (escludendo Le origini del male che fa schifo ai sassi). Anche il ciclo egiziano di Wilbur Smith – Il Dio del fiume, Figli del Nilo e Il settimo papiro – è adatto, secondo me, avventuroso e incalzante.
    Poi, consigliatissimissimo, Fool di Christopher Moore. L’ho finito giusto ieri, è favoloso e fa morire dalle risate.

  • http://vogliosoloscrivere.wordpress.com Elfo

    Christopher Moore è geniale, anche SUCK! potrebbe essere molto divertente, se l’adolescente in questione è attratto dai vampiri. :D

  • http://vogliosoloscrivere.wordpress.com Elfo

    Christopher Moore è geniale, anche SUCK! potrebbe essere molto divertente, se l’adolescente in questione è attratto dai vampiri. :D

  • Pingback: you in the header of your blog,

carlo lo re Violetta Lima Luciana Cameli Livia Di Pasquale Leandro Perrotta Ignazio Del Campo Fabiola Foti Alessandro Puglisi
Design & GUI by Mushin | Many Thanks to FamFamFam (icons) & Komodomedia (icons) & chrfb (icons) | WebStrategist (area test) | Hosted by MediaTemple