La nube avvelenata, Conan Doyle

Scritto da: il 23.04.10
Articolo scritto da .

La scorsa settimana stavo curiosando nel carretto tarmato (in effetti, era una cesta di vimini, però le tarme erano già passate.) quando l’occhio mi cade su uno di quei libri a 1000 lire che la Newton pubblicava una volta. Il titolo è La nube avvelenata ma è il nome dell’autore che mi colpisce: A. Conan Doyle. Mi sono chiesto come se la cavava il padre di Sherlock Holmes col genere fantascientifico, ho tirato fuori il portamonete e l’ho preso.

La nube avvelenata affronta un tema classico della fantascienza: la fine del mondo. Il personaggio centrale del racconto è un inventore tanto geniale quanto vanitoso di nome Giorgio Challenger. Un pomeriggio invita tre suoi amici nella sua casa in campagna e qui, con la massima disinvoltura, li informa che da lì a poche ore tutta la vita sulla Terra sarà azzerata da una nube di etere cosmico velenosa.

Come reagire ad una notizia del genere? Secondo Conan Doyle tra gli imperturbabili inglesi ci sarebbero conversazioni come questa:

«Io per oggi mi aspetto la fine del mondo, Agostino…».
«Bene, signore: a che ora?»
«Non so dirlo, Agostino. Prima di sera forse.»
«Benone, signore».

Tra brillanti conversazioni e argute riflessioni sul mondo e sulla vita il racconto scorre via veloce, semplice ed elegante sia nella trama sia nello stile. La fine del mondo non è vista come un immane disastro (come va di moda adesso) ma come semplice fine della vita. La morte è ritratta in quadri tragici e dignitosi al tempo stesso. Poetici oserei dire. Non manca il colpo di scena finale con tanto di morale finale.

Nel libro c’e ancora spazio per un breve racconto di pazzia e fantasmi ambientato su una nave bloccata tra i ghiacci: Il capitano della stella polare. Anche qui un soggetto classico affrontata con eleganza e asciuttezza tipicamente inglese.

Che dire, infine? Sherlock Holmes è lontano, ma la classe non è acqua e Sir A. Conan Doyle dimostra di saper dire la sua anche in altri generi. Date un’occhiata al vecchio carretto tarmato e constatate voi stessi.

  • http://www.paleomichi.blogspot.com/ paleomichi

    Un altro libro bellissimo di questo autore è “Il mondo perduto, la valle dei dinosauri”. Sempre lontano da Sherlock Holmes, ma sempre fantastico. Se ti capita dagli un’occhiata!

  • http://www.paleomichi.blogspot.com/ paleomichi

    Un altro libro bellissimo di questo autore è “Il mondo perduto, la valle dei dinosauri”. Sempre lontano da Sherlock Holmes, ma sempre fantastico. Se ti capita dagli un’occhiata!

carlo lo re Violetta Lima Luciana Cameli Livia Di Pasquale Leandro Perrotta Ignazio Del Campo Fabiola Foti Alessandro Puglisi
Design & GUI by Mushin | Many Thanks to FamFamFam (icons) & Komodomedia (icons) & chrfb (icons) | WebStrategist (area test) | Hosted by MediaTemple