Il guerriero dell’anello, Wagner

Scritto da: il 30.04.10
Articolo scritto da .

Ammetto che ad attirarmi verso questo libro, sperso tra tanti altri sul vecchio carretto tarmato, è stato l’accostamento Wagner – anello. Ovviamente, l’autore non è il celeberrimo compositore ma Karl Edward Wagner, noto scrittore di Horror, Fantascienza e Heroic Fantasy.

Protagonista di questo romanzo è forse il suo personaggio più famoso e riuscito: Kane. Il Guerriero dell’anello inizia col tormentato guerriero dai capelli rossi che entra in possesso di un misterioso (e voluminoso) anello, non un anello magico, ma il frutto di una tecnologia aliena in grado di risvegliare poteri quasi illimitati, e donargli conoscenze infinite. Armato di tali poteri Kane, ordisce un piano tanto contorto quanto audace per iniziare una sanguinosa conquista del mondo … tanto per ammazzare il tempo!

Lo stile di Karl Wagner ricorda molto i grandi autori di Heroic Fantasy del passato, in particolare Howard di cui era notoriamente un estimatore. L’ambientazione è disegnata con poche sapienti pennellate e la trama è un susseguirsi di potenti magie, orrori cosmici, battaglie sanguinose, sacrifici umani e sfrenate passioni. Il tutto legato da uno stile semplice ed evocativo al tempo stesso. Una trama tutto sommato lineare ma divertente.

La caratterizzazione dei personaggi è curiosamente in bilico tra lo stereotipo e l’originale: Teres, ad esempio, è una bella principessa che si comporta come un maschiaccio per compiacere il padre; Dribeck è un nobile che ama l’erudizione, ma è costretto a continue prove di forza e intrighi a causa della sua posizione.

Su tutti domina la figura carismatica di Kane. Maledetto da una divinità folle (chiaro riferimento a Caino) è condannato a vagare in eterno. Col passare dei secoli è divenuto cinico e ambizioso, invincibile guerriero ma anche competente in scienze, magie e culture non umane. Ha una sola grande nemica: la noia, e per sfuggirle è pronto a tutto … o quasi. Ciononostante non diviene mai odioso al lettore, merito della sua sfida continua a un destino avverso e del suo tentativo di riempire un’esistenza senza significato. Tutti spunti molto attuali.

Tirando le somme Il guerriero dell’anello vanta tutti gli elementi classici del genere, personaggi accattivanti e un protagonista maledetto (come va ora di moda) pieno di carisma e diverse idee nient’affatto datate.

Se lo vedete sul carretto tarmato, spendeteci pure qualche euro, vi aiuterà ad uccidere la noia!

  • http://vogliosoloscrivere.wordpress.com Elfo

    Io su un carretto, ai tempi di re Artù ormai, avevo trovato un’altra avventura di Kane: “Le trame del’Oscurità”, o qualcosa del genere. Se lo ripesco dal vecchio baule magari ne parlerò anch’io con più dovizia di particolari. Per ora però posso confermare: i libri di Wagner sono divertenti anche se strizzano l’occhio agli stereotipi.

  • http://vogliosoloscrivere.wordpress.com Elfo

    Io su un carretto, ai tempi di re Artù ormai, avevo trovato un’altra avventura di Kane: “Le trame del’Oscurità”, o qualcosa del genere. Se lo ripesco dal vecchio baule magari ne parlerò anch’io con più dovizia di particolari. Per ora però posso confermare: i libri di Wagner sono divertenti anche se strizzano l’occhio agli stereotipi.

  • Pingback: at the best blog hosting service make

carlo lo re Violetta Lima Luciana Cameli Livia Di Pasquale Leandro Perrotta Ignazio Del Campo Fabiola Foti Alessandro Puglisi
Design & GUI by Mushin | Many Thanks to FamFamFam (icons) & Komodomedia (icons) & chrfb (icons) | WebStrategist (area test) | Hosted by MediaTemple