Tutti gli articoli su giapponese

Translation Party

Scritto da: il 07.05.10 — Comments Off
Quando si traduce c'è sempre, inevitabilmente, una perdita di senso; vuoi perché le parole non sono mai perfettamente traducibili, vuoi perché le semiosfere (universi linguistici soggettivi o spazi della significazione - approfondimento) non possono mai coincidere, è già tanto se capiamo cosa dicono i nostri connazionali, con i quali condividiamo gli strumenti basilari della lingua. È lecito allora domandarsi cosa succederebbe traducendo da una lingua a un'altra la stessa frase, ricorsivamente. È quello che fa translation party, che utilizza due lingue diversissime tra loro, l'inglese e il giapponese, per cercare l'equilibrio, ossia quel punto in cui la frase data, cambiata magari trenta volte, non presenta più variazioni di senso alla traduzione. Un esempio pratico (con una frase che non troverà il suo equilibrio): And therefore never send to know for whom the bell tolls; It tolls for thee.   -  into Japanese したがって、知って送信することはあなたのために、これは通行者に鐘は鳴るの。  - back into English Therefore, you can send for you know, this is their way of ringing the bell.  - back into Japanese したがって、あなたのための知っている送ることができる、これが鐘を鳴らすの方法です。  - back into English Therefore, you can send for you know, this is the way tolling.  - back into Japanese したがって、あなたのための知っている送ることができる、この方法の鐘です。  - back into English Therefore, you can send for you know, this is the way Bell. Una frase più semplice, invece, porta a un equilibrio inaspettato: Who controls the past controls the future: who controls the present controls the past. - into Japanese 誰が過去を制御する未来を:人、現在のコントロールを過去の制御を制御します。 - back into English Who controls the past to the future: who controls the present controls the past controls. - back into Japanese 誰が過去と未来をコントロール:誰が存在を制御する過去のコントロールを制御します。 - back into English Who controls the past and future: controlling controls the past controls the present one. - back into Japanese 誰が過去に存在する1つを制御する過去と未来:制御コントロールを制御します。 - back into English Past and future control the past, one present who: Control control control. - back into Japanese 過去と未来の制御、過去、1つの現在:制御コントロールを制御します。 - back into English Past and future control the past, present ...

Della traduzione della traduzione, ovvero lo strano caso del giapponese

Scritto da: il 14.09.09 — 10 Commenti
Premetto di essere consapevole di stare per affrontare un discorso assai più ampio di quanto una pagina di blog possa permettere e che il mio non vuole essere un atto d’accusa nei confronti di nessuno. Come ex studentessa di lingua e letteratura giapponese, mi sono trovata spesso a cercare libri di autori del Sol Levante e non solo per doveri scolastici. Finché mi sono limitata ai testi richiesti dall’Università non ho avuto problemi, naturalmente: i grandi classici sono ampiamente studiati e tradotti da professori esperti, il cui lavoro è inappuntabile. La scelta ha iniziato a restringersi quando, dopo la laurea, avrei voluto leggere qualche autore giapponese che non si chiamasse Yoshimoto Banana o Murakami Haruki. A dirla tutta, mi sono trovata nel buio. Eppure, mi sono detta, importiamo ogni giorno centinaia di titoli inglesi ed americani con traduzioni più o meno buone, ma quasi sempre sopra la media. Possibile che i traduttori dal giapponese siano così pochi? Eppure, che io sappia, le lauree in lingue e letterature orientali sono in aumento, per lo meno dai tempi in cui io mi sono iscritta. Non è possibile che quasi tutti i laureati disertino la carriera di traduttore, soprattutto considerando che questo mestiere è al primo posto nella top ten dei lavori ideali, tra coloro che intraprendono un percorso di studi linguistici. Cosa può allora circoscrivere la possibilità di tradurre la lingua giapponese ad un numero così limitato di eletti? Come “persona informata dei fatti” posso dire che la lingua giapponese presenta grosse difficoltà anche per chi ne affronta lo studio con dedizione e passione; tuttavia la difficoltà non è un ostacolo insormontabile, se non fosse che – in generale – l’università italiana non conferisce una preparazione sufficiente. Nei quattro anni accademici sono troppi gli esami che non sono inerenti con la materia studiata. Personalmente, mi sono trovata ...
carlo lo re Violetta Lima Luciana Cameli Livia Di Pasquale Leandro Perrotta Ignazio Del Campo Fabiola Foti Alessandro Puglisi
Design & GUI by Mushin | Many Thanks to FamFamFam (icons) & Komodomedia (icons) & chrfb (icons) | WebStrategist (area test) | Hosted by MediaTemple