Tutti gli articoli su cristiano

Il Castello bianco, Oran Pamuk

Scritto da: il 06.05.08 — 12 Commenti
Il castello bianco (titolo originale Beyaz Kale) pubblicato in Turchia nel 1985 e tradotto per la prima volta in italiano nel 1992 (edito da Frassinelli con il titolo di Roccalba, poi dall'Einaudi), è il terzo romanzo del premio Nobel Orhan Pamuk. Pamuk, noto alle cronache anche per le vicissitudini giudiziarie che seguirono la sue dichiarazioni sul genocidio di Armeni e Curdi da parte dei Turchi durante la Prima Guerra Mondiale, è scrittore raffinato e impegnato. Le sue opere vengono spesso lette nell'ottica del confronto/scontro tra Occidente e Oriente, tra cultura giudaico-cristiana e Islam; ed Il castello bianco, agli occhi dei più, non si sottrae certo a questo dualismo. Due uomini, un gentiluomo veneziano catturato dai pirati e un astrologo turco, si assomigliano come due gocce d'acqua e vivono a stretto contatto: uno schiavo, l'altro padrone. I due lavorano insieme: studiano, si studiano, dibattono di astrologia e biologia, debellano un'epidemia di peste, discutono, litigano, si raccontano e si confondono l'uno con l'altro, fino a che non ci è più dato sapere chi sia a parlarci dalle pagine del libro. Questo confondersi, anzi questo fondersi d'identità tra un cristiano e un musulmano, è certamente metafora dell'incontro/scontro tra le due sopraccitate culture, ma è prima di tutto ricerca di sé, della propria identità (da notare come non ci sia dato sapere i nomi dei due protagonisti). Solo dopo che il confronto tra il maestro e il gentiluomo veneziano ha maturato i suoi frutti, dopo che il loro scambio di coscienze e conoscenze è giunto alla fine, il lettore può, a libro chiuso, riflettere sull'incontro tra le due culture, a patto però di tenere bene a mente che qualunque incontro è innanzitutto un confronto tra uomini, entità concrete non facilmente riconducibili a una, spesso comoda, astratta schematizzazione.
carlo lo re Violetta Lima Luciana Cameli Livia Di Pasquale Leandro Perrotta Ignazio Del Campo Fabiola Foti Alessandro Puglisi
Design & GUI by Mushin | Many Thanks to FamFamFam (icons) & Komodomedia (icons) & chrfb (icons) | WebStrategist (area test) | Hosted by MediaTemple