Tutti gli articoli su contadini

Terra matta, Rabito

Scritto da: il 29.01.09 — 5 Commenti
Quando ci si confronta con una scrittura che è insieme documento storico, linguistico e diario di una vita, è difficile appellarsi ad una categoria. Per Terra matta, di Vincenzo Rabito, narrativa è un'attribuzione più che riduttiva. Un'opera quasi involontaria, che non avrebbe visto la luce senza la cura certosina di Evelina Santangelo e Luca Ricci, i due curatori che hanno estratto, da più di mille pagine dattiloscritte e criptiche, le parti più leggibili e adatte alla pubblicazione. Pur se alterando i nomi delle persone citate hanno tentato di mantenere il più possibile la fedeltà al testo. Rabito scrive in una lingua sua, un dialetto che tenta di tradurre in italiano da autodidatta, con termini siciliani traslitterati che appartengono a un entroterra per molti versi sconosciuto anche a chi abita nelle immediate vicinanze. Il sottotitolo la dice lunga sul contenuto dell'opera: Una straordinaria epopea dei diseredati. La storia di Rabito è una storia di grande povertà, di miseria e di fatica, una storia che attraversa due guerre, un lavoro sempre e comunque duro (contadino, soldato, minatore), la difficoltà di vivere e sopravvivere. L'incredibile forza di questa narrazione è la verità dei fatti raccontati, che non hanno bisogno di essere romanzati o alterati perché il loro interesse è in sé stessi, nella sequenza semplice degli eventi che attraversano la vita di un uomo comune, e, per questo, straordinario. In fin dei conti è la vita di molti contadini delle zone più interne, anche del mio bisnonno che nacque più o meno nello stesso periodo e negli stessi luoghi. Questo sguardo schietto, diretto e senza sotterfugi restituisce una realtà vivida, fatta di odori, sensazioni, lacrime, gioie e ire, con uno sfondo storico che si intreccia in modo fitto e continuo con le vicende personali dell'autore; è lo sguardo cui molti scrittori ambiscono. La lingua è, nonostante la revisione e ...
carlo lo re Violetta Lima Luciana Cameli Livia Di Pasquale Leandro Perrotta Ignazio Del Campo Fabiola Foti Alessandro Puglisi
Design & GUI by Mushin | Many Thanks to FamFamFam (icons) & Komodomedia (icons) & chrfb (icons) | WebStrategist (area test) | Hosted by MediaTemple