Tutti gli articoli su conan il barbaro

Kothar e la spada magica, Fox

Scritto da: il 02.04.10 — 1 Commento
Come ho già avuto modo di dire, anche su quelle bancarelle, dove vendono libri a un euro, si possono trovare delle sorprese. Rovistando su quello che chiamo carretto tarmato sono stato colpito da una copertina e un titolo: Kothar e la spada magica. Il nome dello scrittore era Gardner F. Fox e mi era tanto sconosciuto che ho pensato a uno di quegli scrittori che, causa poco talento, non hanno raggiunto la notorietà. Invece… La spada magica in questione si chiama Frostfire ed ha il potere di impoverire inesorabilmente il suo possessore. Il suo attuale proprietario non se ne preoccupa molto: Kothar, infatti, è un barbaro che ama il vino, le donne e, soprattutto, le avventure. Nel romanzo lo si vede impegnato nel furto di una spirale magica, combattere mostri in un altro mondo, affrontare una setta di fanatici e difendersi dalla vendetta di una strega tanto bella quanto sensuale. Avrete capito che trattasi di Heroic Fantasy. Basta leggere le prime pagine del romanzo, per capire che Gardner Fox non è il classico poeta minimalista polacco morto suicida (adoro questa battuta): il libro è scritto decisamente bene sia dal punto di vista della trama che dello stile. Se la prima potrebbe essere opera dei maestri più blasonati del genere (in effetti, Khotar ricorda molto il cimmero di Howard) il secondo è pulito ed evocativo. La storia scorre bene tra maghi, demoni e donne appassionate. Incuriosito, ho fatto una ricerca su Internet e… sorpresa! Gardner F. Fox è famoso! Ha solo cambiato genere: la sua firma è su storie classiche di personaggi come Batman e Flash! D'altronde il protagonista del suo romanzo è un supereroe: superforte, superfurbo, superfortunato e sempre pronto ad affrontare immani pericoli per salvare una bella fanciulla. Che dire, dunque? Se sul vecchio carretto tarmato vedete il nome Gardner Fox, spendete un pure ...

Cinzia la barbara – La gabbia, Ortolani

Scritto da: il 07.09.09 — 2 Commenti
Uno dei miei fumetti preferiti, non so nemmeno da quanto, è dedicato a un supereroe tutto particolare, un uomo... di più, un topo! Rat-man, al secolo Deboroh La Roccia, è l'irresistibile personaggio partorito, ormai vent'anni fa, dalla mente di Leo Ortolani. E queste ripubblicazioni a colori, come Cinzia la barbara e La Gabbia, sono il giusto tributo alla vita di un personaggio che ha saputo sempre farci ridere. Quante avventure al grido di "Fletto i muscoli e sono nel vuoto"! Quanta allegria nel leggere le sue storie, la nascita della sua squadra di supereroi, le sue disavventure amorose. E quante parodie azzeccate, da quella del film 300 a quella del Signore degli anelli. Queste due che sono state ripubblicate a colori di recente negli albi speciali, sono due azzeccatissime parodie/omaggi, una di Conan il barbaro (chi non lo ricorda può farsi un'idea da questa recensione) e l'altra di Star Trek. Protagonista della prima è, in realtà, Cinzia Otherside, per questa volta nei panni (si fa per dire) del muscoloso personaggio del famoso heroic fantasy Conan. Starà a lei salvare Rat-man, alla soglia del matrimonio con Leganzia, in un'avventura piena di ambiguità e fraintendimenti, animata dalla sua grande passione per l'uomo in calzamaglia gialla. La seconda storia invece si rifà alle tante saghe di Star Trek utilizzando tutti i personaggi abituali di Rat-man, tra cui Brakko, la stessa Cinzia e il Capitano Krik – che già per il solo nome trova un posto più che adeguato in questa parodia. Stavolta i nostri sono a confronto col creatore, con l'uomo armato di matita e gomma che deciderà, tra le molte idee, quali resteranno ingabbiate su carta e quali, scartate, saranno libere di andare. Non vi dico di più sulla trama, pur non essendo questa la parte migliore dei fumetti di Ortolani: l'ironia, la sagacia di certe battute, ...

L’ora del dragone, Howard

Scritto da: il 30.01.09 — 1 Commento
Sono sicuro che tutti conoscete il personaggio di Conan, reso famoso da film, fumetti e cartoni animati. Ma non tutti sanno che Conan è principalmente un personaggio della così detta Heroic Fantasy e protagonista delle opere di diversi autori. Ma il vero “padre” del barbaro per eccellenza è Robert Ervin Howard. Di questo prolifico scrittore restano diverse storie brevi incentrate sul muscoloso Cimmero ma un solo vero romanzo: L’ora del Dragone. La trama è semplice ma molto divertente: Conan, ora re di Aquilonia, perde il trono a causa di un complotto ordito da un mago venuto da un oscuro passato; per riconquistare la sua corona parte per un lungo viaggio pieno di battaglie, mostri, magie e splendide fanciulle, alla ricerca di una mistica gemma dagli immensi poteri… Nonostante il libro sia indicato per un target di giovani possiede un impianto narrativo di alta qualità: personaggi ben tratteggiati, un’ambientazione particolareggiata e piena di possibilità, avventure mozzafiato, un protagonista che più carismatico non si può,colpi di scena ed insondabili misteri. Insomma una pietra miliare del genere. Conan emerge dalle pagine del libro come un superuomo invincibile, superiore in tutto a chi gli sta attorno: forza, agilità, astuzia. Nonostante sia un barbaro incolto e violento svetta sulla civiltà corrotta che lo circonda. Tanto che viene da chiedersi perché non risulti antipatico: come si può immedesimarsi in un superuomo che non comprende cosa sia la paura e considera onorevole il massacro? La risposta sta forse nella sua indole spensierata, nel suo riuscire a godersi la vita con quello che si è conquistato, nella sua capacità di affrontare situazioni disperate con disarmante leggerezza e fatalità, senza crucciarsi delle conseguenze future o delle false morali. In questo Conan è “barbaro”, nel suo essere estraneo alle brutture di una vita troppo falsamente civile. Consiglio L’ora del Dragone (ed in generale tutte le ...
carlo lo re Violetta Lima Luciana Cameli Livia Di Pasquale Leandro Perrotta Ignazio Del Campo Fabiola Foti Alessandro Puglisi
Design & GUI by Mushin | Many Thanks to FamFamFam (icons) & Komodomedia (icons) & chrfb (icons) | WebStrategist (area test) | Hosted by MediaTemple