Tutti gli articoli su colombi

Educazione siberiana, Lilin

Scritto da: il 27.05.09 — 7 Commenti
Colombi, santi, KGB, ospitalità, picca, tè, Voluti da Dio: sono parole chiave per parlare di Educazione Siberiana e le lascio qui, all’inizio di tutto, per non rischiare di abusarne. Mi tengo invece la parola “kol’shik” – con questo termine si indica la figura del tatuatore che, all’interno della comunità siberiana e soprattutto nelle prigioni, ha un ruolo fondamentale di narratore. Nell’immagine incisa sul corpo si racconta un’azione, si traduce il verbo in immagine, e viceversa. “Scrivere” nel suo mondo voleva dire accoltellare, e Lilin – che oggi di mestiere fa il tatuatore nel nostro paese – ha smesso di scrivere per cominciare a raccontare. Non me ne vogliate se preferisco quindi considerarlo un narratore, piuttosto che uno scrittore. La storia di Nicolai Lilin è grande. Il suo corpo, già pieno di tatuaggi, non bastava più. Necessitando di una nuova forma d’espressione l’autore, fortunatamente, ha scelto di affidare questa prima sezione di memoria al romanzo. Educazione Siberiana è il ricordo di un’infanzia che ci apre le porte del mondo della criminalità siberiana, con le sue regole, i suoi codici e i suoi limiti. Lì in Transnistria, e Lilin lo dice chiaramente, il governo russo “scaricava” tutti coloro che venivano ritenuti scomodi. Lilin-bambino, discendente degli Urka, cresce nel quartiere di Bender e combatte per la supremazia degli ultimi criminali onesti, quelli che come lui hanno la possibilità – attraverso i “nonni” – di conoscere le regole fondamentali di rispetto e onore, e la saggezza di attenersi a quelle antiche regole di distacco verso il denaro e profondo amore per chiunque nella comunità. In un gelido angolo di mondo le bande si contendono il predominio, gli Urka vivono e uccidono secondo i valori della gente onesta: ladri, assassini, trafficanti. L’attaccamento all’etica di questi uomini, attraverso la narrazione ricca di particolari ma sempre leggera di Lilin, permette a ...
carlo lo re Violetta Lima Luciana Cameli Livia Di Pasquale Leandro Perrotta Ignazio Del Campo Fabiola Foti Alessandro Puglisi
Design & GUI by Mushin | Many Thanks to FamFamFam (icons) & Komodomedia (icons) & chrfb (icons) | WebStrategist (area test) | Hosted by MediaTemple