Tutti gli articoli su Chiedi alla polvere

Uno di noi – Casa, dolce casa, Fante

Scritto da: il 13.02.09 — 1 Commento
Qualche mese fa dedicai un post a John Fante, probabilmente uno dei maggiori autori italo-americani. In quell’occasione presi spunto da alcuni video presenti su youtube, tratti da una puntata di un vecchio programma televisivo; se in quel frangente la figura e l’arte di Fante ci venivano raccontati da Capossela e Veronesi, in pellegrinaggio a Torricella Peligna, paese d’origine dello scrittore, ecco che oggi parlerò di due suoi racconti: Uno di noi (One of Us) e Casa, dolce casa (Home, Sweet Home). Le due brevi novelle sono raccolte in un libricino allegato a L’Espresso della scorsa estate, ed hanno l’indubbio pregio di dare un saggio delle caratteristiche della scrittura di Fante, soprattutto perché presentano, a fronte della traduzione in italiano, il testo originale in lingua madre. Uno di noi è un racconto fortemente autobiografico, che rievoca la morte di un cuginetto dello scrittore, investito da un camion mentre andava in giro in bicicletta. In Casa, dolce casa Jimmy, uno scrittore italo-americano in cerca di fortuna, sta per tornare a rivedere la sua famiglia, dalla quale si è emancipato per poter seguire le sue ambizioni letterarie. Anche in questo secondo racconto è palese la componente autobiografica e ancor maggior è l’identificazione di Fante con la figura del protagonista-narratore, che prefigura la nascita di Arturo Bandini, l’alter ego per eccellenza del nostro scrittore, protagonista dei suoi romanzi di maggior successo come, ad esempio, il celebre Chiedi alla Polvere. Dai due racconti sopracitati, scritti, rispettivamente, nel 1934 e nel 1932, traspare il talento di Fante per la descrizione degli ambienti, e una capacità non comune di ricreare atmosfere, sensazioni e passioni. Il mondo dello scrittore è quello degli immigrati di prima generazione, figli di uomini e donne che avevano vissuto il trauma del distacco dalla terra di appartenenza ed erano giunti negli Stati Uniti in condizioni di estrema povertà ...

Dai Magazzini Einstein: John Fante

Scritto da: il 17.08.08 — Comments Off
Qualche giorno fa, durante una delle mie navigazioni senza una rotta ben definita nel mare del web, mi son trovato a digitare il nome di John Fante, scrittore italo-americano del quale non ho mai letto nulla, ma che ha sempre attratto il mio animo di lettore onnivoro. Saltando da un pagina web all'altra, eccomi approdare sul più famoso e importante sito per la condivisione dei video; ovviamente sto parlando di YouTube. Colpito da un attacco di johnfantite acuta, provo a vedere se yt riesce a regalarmi qualche perla sull'autore di Chiedi alla polvere. Senza bisogno di scavare molto trovo subito qualcosa di interessante che, decido, mi farà compagnia per la prossima mezz'ora: un puntata di Magazzini Einstein, programma televisivo di mamma rai, dedicata a Fante e condotta da Sandro Veronesi, coadiuvato per l'occasione da Vinicio Capossela. I due, entrambi dichiaratisi convinti fantiani, partono in auto diretti alla volta di Torricella Peligna, paese d'origine dello scrittore, per visitare i luoghi che, da lontano, riecheggiano nei suoi romanzi. Tra riflessioni estemporanee e scambi di battute, Veronesi e Capossela giungono a destinazione, dove incontrano un cugino di Fante, che, novello Virgilio, li accompagna al cimitero del paese, in cui riposa il padre, zio di John, e racconta loro degli aneddoti relativi al periodo in cui i due fratelli Fante vivevano insieme negli USA . Che dire? Innanzitutto mi è venuta una gran voglia di leggere almeno Chiedi alla polvere, e poi buona visione. PS Per gli amanti di De Gregori (non io quindi), ecco qua un bella intervista in cui il Principe parla di Fante. [youtube LaKkW2XO9Bo&hl]                
carlo lo re Violetta Lima Luciana Cameli Livia Di Pasquale Leandro Perrotta Ignazio Del Campo Fabiola Foti Alessandro Puglisi
Design & GUI by Mushin | Many Thanks to FamFamFam (icons) & Komodomedia (icons) & chrfb (icons) | WebStrategist (area test) | Hosted by MediaTemple