Tutti gli articoli su autori emergenti

Cercasi autori – 9muse

Scritto da: il 12.10.08 — 4 Commenti
Eccovi qua tre concorsi freschi freschi per voi che aspirate a diventare scrittori: Autori esordienti (e non) edizioni 9muse.net cerca nuovi autori e nuove storie per le sue prossime pubblicazioni e propone due temi per scatenare la fantasia di scrittori e scrittrici. 1) UOMINI E DONNE: MANEGGIARE CON CURA Se vi siete chiesti: Perché gli uomini possono fare una cosa alla volta e le donne ne fanno troppe insieme?, Perché gli uomini detestano le feste comandate e le donne organizzano le vacanze mesi prima?, Perché le donne non sanno leggere le cartine stradali e gli uomini non si fermano mai a chiedere informazioni? Perché gli uomini lasciano sempre alzata l'asse del water e le donne occupano il bagno per ore? Se siete convinti che gli uomini vengano da Marte e le donne da Venere e volete raccontarlo a modo vostro, fatelo! Per partecipare basta scrivere un RACCONTO inedito che non superi le 5 cartelle (ogni cartella è composta da 1800 caratteri e corrisponde, circa, a una pagina word di 30 righe di 60 battute ciascuna; formato OpenOffice o doc - non docx) e spedirlo, completo dei dati dell'autore, a 9muse@9muse.net entro il 30 novembre 2008. Gli autori selezionati saranno inseriti nella nostra raccolta di racconti e saranno avvisati via email. 2) L'AMORE AI TEMPI DEL TELEFONINO Ti ha corteggiata con un sms? Ti ha lasciato in 160 caratteri? Ti ha conquistato con le faccine? :-) Se galeotto fu il telefonino, se la notte non dormi aspettando un suo messaggino, se di giorno guardi mille volte il display aspettando che si illumini, se interrompi una conversazione quando il cellulare suona, se gli mandi 200 sms al giorno, se sul suo telefonino hai beccato un messaggino sospetto... beh, è ora di scrivere. Per partecipare basta scrivere un RACCONTO inedito che non superi le 5 cartelle (ogni cartella è composta da 1800 caratteri e ...

L’eco di Eco

Scritto da: il 26.09.08 — 6 Commenti
Per questa settimana niente grammatica, solo consigli, peraltro di qualcuno molto più qualificato di me a darne agli scrittori. In un magnifico libro, La bustina di Minerva, che raccoglie una selezione dei testi dell'omonima rubrica, Eco modifica un vecchio vademecum con la sua consueta arguzia. Spero possa essere una lettura sia piacevole sia istruttiva per chiunque desideri intraprendere il difficile mestiere dello scrittore. 1. Evita le allitterazioni, anche se allettano gli allocchi. 2. Non è che il congiuntivo va evitato, anzi, che lo si usa quando necessario. 3. Evita le frasi fatte: è minestra riscaldata. 4. Esprimiti siccome ti nutri. 5. Non usare sigle commerciali & abbreviazioni etc. 6. Ricorda (sempre) che la parentesi (anche quando pare indispensabile) interrompe il filo del discorso. 7. Stai attento a non fare... indigestione di puntini di sospensione. 8. Usa meno virgolette possibili: non è “fine”. 9. Non generalizzare mai. 10. Le parole straniere non fanno affatto bon ton. 11. Sii avaro di citazioni. Diceva giustamente Emerson: “Odio le citazioni. Dimmi solo quello che sai tu.” 12.I paragoni sono come le frasi fatte. 13. Non essere ridondante; non ripetere due volte la stessa cosa; ripetere è superfluo (per ridondanza s’intende la spiegazione inutile di qualcosa che il lettore ha già capito). 14. Solo gli stronzi usano parole volgari. 15. Sii sempre più o meno specifico. 16. La litote è la più straordinaria delle tecniche espressive. 17. Non fare frasi di una sola parola. Eliminale. 18. Guardati dalle metafore troppo ardite: sono piume sulle scaglie di un serpente. 19. Metti, le virgole, al posto giusto. 20. Distingui tra la funzione del punto e virgola e quella dei due punti: anche se non è facile. 21. Se non trovi l’espressione italiana adatta non ricorrere mai all’espressione dialettale: peso el tacòn del buso. 22. Non usare metafore incongruenti anche se ti paiono “cantare”: sono come un cigno che deraglia. 23. C’è davvero bisogno di domande retoriche? 24. Sii conciso, cerca di condensare ...

Concorso Romaeuropa Webfactory

Scritto da: il 22.09.08 — 2 Commenti
La Fondazione Romaeuropa e Telecom Italia, all'interno di un più ampio contesto di laboratori virtuali sul web, hanno indetto un concorso, ad iniziare dal prossimo 30 settembre, con scadenza il 29 febbraio 2009. 100 parole: una generazione avanti 100 parole. Per iniziare, non ne vogliamo una di più. Massimo 100 parole per raccontare “una generazione avanti”. I suoi tic, i suoi sogni, le sue paure, i suoi segreti. Il genere, quello lo potete scegliere voi: dal giallo al noir, dal rosa al minimalismo, dalla science fiction alla poesia narrativa e così via. Sbizzarritevi. E divertitevi. 100 parole, appunto. Per partire con il piede giusto, per avere un incipit. Già, perché i migliori 25 incipit, selezionati e ammessi alla finale, da cui scaturirà il vincitore, dovranno trasformarsi in un racconto completo di massimo 3 cartelle. Ogni cartella equivale a 1800 battute, spazi compresi. E per far diventare il vostro incipit un vero e proprio racconto, non sarete soli: potrete dialogare con il curatore nell’area del sito dedicata al contest 100words, ovvero la Scuola Holden. Prendete fiato, affilate la penna, lustrate la tastiera, scegliete le parole giuste e raccontateci la vostra “generazione avanti”. Buona scrittura. Come funziona Chiunque, dopo essersi registrato al sito romauropawebfactory (a partire dal 30 settembre 2008 e fino al 28 febbraio 2009), può segnalare il proprio incipit composto da massimo 100 parole (comprensive di articoli, congiunzioni e preposizioni). Durante l’arco di 5 mesi si continuerà la raccolta delle opere. Gli iscritti alla community voteranno i 20 migliori incipit, mentre cinque saranno selezionati dalla Scuola Holden. Al vincitore del concorso sarà attribuito un premio di 5000 euro e la partecipazione a una serata dedicata nell’ambito del Festival. Come assaggio, in ogni caso, il prossimo 6 dicembre i quattro palcoscenici virtuali (Video Art, 100 words, Music@ e Spot) saranno per una notte reali: Romaeuropa Festival 2008 proporrà una selezione delle ...

Concorso in omicidio – Zolfo & Mercurio

Scritto da: il 17.09.08 — Comments Off
Segnalo un concorso particolare, indetto dal blog Zolfo & Mercurio: Concorso in omicidio 2 – La Vendetta è un concorso letterario aperto a tutti. Ogni autore potrà partecipare con un solo racconto di massimo 1500 battute spazi inclusi (una cartella). I racconti pervenuti dovranno avere per tema l’omicidio legato alla vendetta. La partecipazione è completamente gratuita. La scadenza è prevista per il 31 ottobre. Link al bando.

Writer’s dream – Linda Rando

Scritto da: il 06.09.08 — 14 Commenti
Ogni tanto capita a tutti di imbattersi in qualche forum di scrittori, vuoi per seguire le proprie aspirazioni o per "tenere d'occhio" il sottobosco creativo italiano; bene o male sono tutti simili, piuttosto monotoni, apologetici e presuntuosi. Si legge qualcosa e poi si passa oltre. Saltuariamente invece tra questi si trovano realtà in fermento davvero interessanti: così mi è capitato approdando su Writer's dream, un forum, un sito ed ora anche un blog. La differenza tra questo e gli altri in cui ho messo piede è la grande capacità critica unita all'umiltà e ad una forte progettualità. In pochi mesi ha vissuto una buona espansione e già conta alcuni cloni, devo dire non all'altezza. Del resto la bontà di un nuovo "oggetto" si conta anche dal numero di plagi, deformazioni e copiature che subisce, delle quali alcune proprio senza ritegno. Purtroppo sta anche dovendo esperire le beghe legali connesse all'attività che si sono ripromessi, condotta con serietà ma sovente con troppa veemenza. Nonostante ciò sono convinta che la loro lista di "Editori a pagamento" sia una iniziativa lodevole, benché delle volte le posizioni siano da moderare. Nonostante la presenza di varie inesattezze linguistiche dovute più all'inesperienza che alla trascuratezza, la fondatrice appena diciassettenne, Linda Rando, ha ben chiari gli obiettivi da perseguire, con un vero piano imprenditoriale di breve, medio e lungo termine. In questo caso mi sono quindi lasciata coinvolgere: mi fa piacere aiutare giovani capaci e caparbi a realizzare i loro sogni. Dalla frequentazione di quel forum nasce questa intervista. Come ti è venuta in mente l'idea di questo forum, tipico ed atipico al tempo stesso? Beh, inizialmente era per condividere i miei scritti; non avevo mai fatto leggere nulla di mio a qualcuno che non fosse un parente o un amico. In più volevo cercare di condividere il più possibile la mia passione: vedere quanta ...

Prorogata la scadenza del concorso “Rondò veneziano”

Scritto da: il 05.09.08 — Comments Off
Come vi preannunciavo la scadenza del concorso Rondò veneziano, indetto da XII Edizioni, è stata prorogata fino al 12 ottobre, termine di iscrizione, ma non di consegna. Che state aspettando? Correte a iscrivervi!

Prorogata la scadenza del concorso “Rondò veneziano”

Scritto da: il 05.09.08 — Comments Off
Come vi preannunciavo la scadenza del concorso Rondò veneziano, indetto da XII Edizioni, è stata prorogata fino al 12 ottobre, termine di iscrizione, ma non di consegna. Che state aspettando? Correte a iscrivervi!

Intervista a Mario Favini – Centro commerciale

Scritto da: il 27.08.08 — Comments Off
Quattro chiacchiere con Mario Favini, autore di Centro commerciale. Centro commerciale ha una scrittura particolare: si tratta di un esperimento letterario isolato o è il tuo stile abituale? Si tratta di un esperimento, anche se molto spesso contamino stili diversi e più convenzionali con una scrittura scarna e scelte linguistiche estreme, scardinando le gerarchie degli elementi sintattici e utilizzando un linguaggio non referenziale o metasemantico. Ci puoi parlare del gruppo di artisti di cui fai parte, i Menestrelli di Jorvik? I Menestrelli di Jorvik sono nati nel 2006, e si sono costituiti come Associazione Culturale l'anno seguente. È un gruppo piuttosto eterogeneo di artisti, soprattutto scrittori e disegnatori. Da poco più di un anno gestiamo un piccolo mensile letterario, scRibellarsi, edito da XY.IT Editore e distribuito nella zona del Lago Maggiore. Finora abbiamo pubblicato soprattutto racconti e poesie, ma dal 2009 amplieremo la rivista, con sezioni dedicate a recensioni ed interviste. L'idea di fondo del nostro gruppo è quella di anteporre la conoscenza all'espressione. Troppo spesso, in quella che qualcuno ha definito società della comunicazione, ci si dimentica che, per poter comunicare, bisogna avere qualcosa da dire. Cerchiamo, in poche parole, di approcciarci alla cultura e all'arte in maniera non superficiale, perché di superficialità ce ne propinano abbastanza i reality shows e le soap opera, gli opinionisti e le vallette. Tornando al libro, se è chiara la scelta del mutismo è di più difficile interpretazione la balbuzie, puoi approfondirla? Mutismo e balbuzie sono il risultato di un identico processo di inaridimento mentale, logico e linguistico. Nel Centro Commerciale si può trovare tutto e il contrario di tutto, l'umanità è incapace di vagliare razionalmente ciò che si trova di fronte (si tratti di arruffosti o di scimmie alla gogna), perché ha perso le categorie mentali basilari in grado di dare un fondamento a qualsiasi ragionamento. Il mutismo, oltre che simbolo un ...

Blog e ironia – Inparallelo

Scritto da: il 24.08.08 — 4 Commenti
Su aNobii si fanno tante scoperte, non solo librarie: molti utenti curano dei propri blog, un po' per tutti i gusti. Così ho scoperto quello di Jim Kapla, Inparallelo, vero diario di scrittura. Il nome ha origine dalla genesi del blog, scrittura parallela ad un esperimento letterario. Di quest'ultimo ormai rimane qualche traccia su google (digitando Tourno quak), mentre Inparallelo è sopravvissuto al sito di cui era supporto. Persa però la sua funzione originaria eccolo trasformarsi in un blog personale molto ironico, come suggerisce il sottotitolo "Il blog che non eleverebbe una mucca". Non il solito quaderno in cui si trascrive anche la lista della spesa ma un luogo ricco di rimandi letterari e, come dice l'autore "intriso di citazioni nascoste e rimandi e allusioni e intertestualità varie"; alcune sono palesi, specie nei titoli dei post, per altre bisogna prestare più attenzione. I post sono scritti con quella ironia leggera che tanto amo, dai toni distesi, e spaziano dalla letteratura alle considerazioni sulla vita quotidiana (e sull'IKEA che sembra il luogo prediletto di molti bloggers). Quando l'ho contattato per avere qualche informazione in più sul progetto si è dimostrato simpatico e disponibile, per cui penso che non si arrabbierà se riporto qualche sua frase di presentazione: Vediamo, vorresti informazioni aggiuntive su me o sul blog? Forse su tutti e due? Facciamo l'ultima. Sono nato nel 1982 in un paese in provincia di Mantova, da madre bresciana e padre pure. Ho trascorso l'infanzia.... ok, forse sono partito da troppo lontano. Ricomincio... Su di me, in realtà, non ho molto da dire. Scrivo più o meno da quando avevo dieci anni; dopo le superiori ho iniziato a scrivere seriamente, ho partecipato a tre concorsi di racconti un paio di anni fa e sono arrivato sempre sul podio, ma conta ben poco: quando poi nelle antologie finali scopri che ...

Concorso Rondò Veneziano – XII edizioni

Scritto da: il 23.08.08 — 1 Commento
Eccovi un estratto del bando di concorso per scrittori RONDÒ VENEZIANO promosso dalla casa editrice XII; per la scadenza imminente non crucciatevi, indiscrezioni da fonti attendibili (insomma il buon Daniele) lasciano supporre che sarà prorogata la data di presentazione delle domande. A. Il Bando La casa editrice Edizioni XII intende pubblicare nel 2009 un'antologia di racconti "di genere" dal titolo provvisorio: "Rondò Veneziano". Quattro racconti saranno selezionati attraverso un concorso aperto a tutti. Questo bando è rivolto a tutti gli autori che siano interessati a partecipare all'iniziativa con un racconto. La partecipazione all'iniziativa è gratuita.B. Spunto La definizione di "Rondò Veneziano" è quella di una composizione che unisce la musica da camera del periodo barocco con la musica Pop-rock di fine anni ‘70. Il rondò veneziano ebbe origine dunque da una commistione di radici storiche, tradizione veneziana e tendenze innovative. Questo è il concetto di fondo dell'iniziativa. C. Concept e linee guida del Progetto L'idea è semplice: radunare XII racconti ognuno dei quali ha come protagonista una delle maschere tradizionali del Carnevale Veneziano. [...] Il racconto dovrà essere "di genere". Sono quindi esclusi racconti mainstream, rosa, esistenzialisti, psicologici, prosa poetica, neorealismo... L'autore può proporre un thriller, un noir, un horror; un racconto d'azione o di avventura; un racconto di fantascienza, soprannaturale o surreale. L'unico vincolo è l'ambientazione di base: tutti i racconti devono essere ambientati la stessa notte (Giovedì 19 Febbraio) durante il Carnevale 2009, a Venezia. [...] D. Le Maschere Le maschere scelte per questa iniziativa sono le seguenti: 1. La Gnaga 2. Il Magnifico 3. Pantalone 4. Il Dottore Obeso 5. Brighella 6. Facanapa/Fracanapa 7. Pulcinella 8. Bernardon Sono state scelte queste otto in maniera del tutto arbitraria; non sono necessariamente né "le più rappresentative" né altro, semplicemente quelle che più intrigavano i curatori. E. Criteri di valutazione Oltre, ovviamente, alla qualità letteraria, i criteri per la selezione dei racconti vincitori saranno i seguenti - si noti che si tratta di ...
carlo lo re Violetta Lima Luciana Cameli Livia Di Pasquale Leandro Perrotta Ignazio Del Campo Fabiola Foti Alessandro Puglisi
Design & GUI by Mushin | Many Thanks to FamFamFam (icons) & Komodomedia (icons) & chrfb (icons) | WebStrategist (area test) | Hosted by MediaTemple