Tutti gli articoli su antologia

Concorso Un amore di merenda

Scritto da: il 08.06.10 — 3 Commenti
L'Associazione artistico culturale “Progetto e Materia” bandisce il concorso letterario a partecipazione gratuita Un amore di merenda, in collaborazione con l'Associazione “Pignoletto Rosso” di Banchette. Riporto il bando: Oggi la merenda consiste spesso in uno snack ingurgitato velocemente e in modo solitario davanti al televisore o alla playstation, ma non è sempre stato così. Per molte generazioni la merenda ha costituito un importante momento di aggregazione con i compagni di scuola, gli amici, i fratelli. E’ stata l’occasione per gustare prelibatezze casalinghe cucinate da mamme, nonne e zie, per consumare deliziosi spuntini in giardino, al parco, nei prati. 1. Il concorso letterario “UN AMORE DI MERENDA” vi propone di scrivere un breve racconto (massimo 5400 battute spazi inclusi) per narrare un ricordo, un’avventura, un affetto legato alle merende della vostra infanzia. 2. Al termine del racconto potete anche allegare la ricetta (numero di battute libero) della vostra merenda del cuore: PANINI, BRUSCHETTE, TORTE, CROSTATE, BISCOTTI, BUDINI, MACEDONIE, UOVA SBATTUTE, FRITTELLE, SPREMUTE, MARMELLATE, GELATINE, CIOCCOLATE, FRULLATI, FOCACCE… e chi più ne ha, più ne metta! 3. Spedite il vostro testo entro il 30/11/2010 secondo una delle seguenti modalità: § come allegato - in formato .doc o .rtf - all'indirizzo e-mail progettoemateria@alice.it; § in forma cartacea, all’indirizzo Associazione artistico culturale “Progetto e Materia” – Via della Torretta 29/1- 10010 Banchette (TO). 4. Ricordate di indicare il numero complessivo di battute del vostro testo e i vostri dati personali: nome, cognome, indirizzo, recapito telefonico ed e-mail, la dichiarazione che siete maggiorenni, che siete gli autori del testo e che il testo non è mai stato né pubblicato né premiato in altri concorsi. Questi dati saranno utilizzati esclusivamente per le finalità legate al concorso e non verranno ceduti a terzi. 5. Tutti i testi pervenuti (purché ritenuti idonei dalla Giuria) ...

Patty Diphusa, Almodovar

Scritto da: il 14.10.09 — 2 Commenti
Warhol prese Edie Sedgwick e ne fece quel che voleva, fino allo sfinimento pur di renderla perfetta per sé. Pedro Almodovar le sue donne perfette ha cominciato a trovarle prima nella testa, poi nelle attrici con cui ha collaborato. Dalla sua testa nasce Patty Diphusa, simbolo e sintomo di un momento artistico mondiale che quasi soffoca sotto la valanga innovativa delle idee e le perversioni di Andrew Warhola. Pedro Almodovar le sue le incarna in una bassa e tonica protagonista di film porno, scrittrice a tempo perso per riviste e soprattutto insonne. È fondamentale, dice Almodovar a Patty quando si lascia intervistare da lei (oh sì, maniacale), che la sua Diphusa non dorma mai, perché è alla continua ricerca. Di un senso, dell’amore, della soddisfazione a tutto tondo. D’altronde parliamo degli anni 80, dove la movida spagnola ti trascina e basta. Se non brilli, non ci sei. Non vali niente. Patty incontra chiunque e racconta ogni cosa, è la diva del momento (un momento lungo la sua vita) e la reginetta delle sveltine nei bagni dei locali. È in continuo movimento e continua elaborazione cerebrale. Parla solo di quello che è superficiale come lei, eppure la somma di tutte le banalità di chi ha intorno, dei desideri comuni a tutta una generazione di wannabe, dei vizi segreti e invece raccontati in maniera così plateale scavano a fondo in un personaggio, nel suo autore, nel mondo che racconta. La superficialità diventa cosa dimenticata, e ci si ingroviglia in storie d’amore e scampi. Così la protagonista si dimostra per quella che è, pagina dopo pagina: sicura di dove vuole arrivare, confusa su come farlo, disinibita, implacabile, inafferrabile. Come Madrid, la Madrid che si risveglia dopo Franco e mette da parte tutto per ballare in strada. Senza dimenticare, ma mettendo da parte come in un archivio ...

Il Bar sotto il mare, Benni

Scritto da: il 14.10.09 — 2 Commenti
Qualche giorno fa qua su liblog ho condiviso con voi una divertente e mordace parabola di Stefano Benni sul saper scrivere, intitolata Il verme Disicio. È contenuta in forse uno dei migliori libri dello scrittore, la raccolta di racconti Il Bar sotto il mare, uno dei libri che più ho amato nella mia adolescenza...e non solo in quella. La prima volta che l'ho letto era il 1992: ne sono certa, perché da sempre ho l'abitudine di firmare i libri con la data della prima lettura. All'epoca gli diedi tante e forsennate riletture e, a differenza di molte miei libri preferiti del periodo, non l'ho mai abbandonato del tutto. E, sempre a differenza di molti altri, il piacere che provo a sfogliarlo non è mai diminuito. Con gli anni i gusti cambiano si sa, ma nel mio caso non è stato così per i racconti del fantomatico Bar sotto il Mare: un posto magico, sotto il pelo dell'acqua, dove gli avventori che vi si riuniscono ogni sera raccontano a turno delle storie. Dire che il mio gusto è rimasto del tutto immutato non è però esatto, perché alcuni dei racconti che parecchi anni fa non apprezzavo affatto sono diventati in tempi recenti i miei preferiti, forse perché ora ho l'età per apprezzarne la sottile ironia. È il caso tra gli altri del diabolico Quando si ama davvero o della favola un po' smaliziata Il destino sull'isola di San Lorenzo. Così, se uno dei più amati, ora come allora, rimane Il più grande cuoco di Francia, mi diverto sempre, spesso ridendo di gusto, leggendo i divertenti racconti dello scombinato paese di Sompazzo: L'anno del tempo matto o Il Pornosabato dello Splendor, per citare due dei racconti probabilmente migliori di tutta la raccolta. Non mancano nemmeno degli omaggi dello scrittore italiano a due classici generi letterari: il giallo ...

Born to write

Scritto da: il 29.08.09 — 5 Commenti
Vi presento Born to write, un bel concorso di narrativa e poesia realizzato e promosso dai Comuni di Parma e Firenze, a carattere nazionale e con in palio la pubblicazione con Marcos Y Marcos! È rivolto a giovani scrittori italiani, che possono partecipare alle due sezioni gratuitamente coi loro inediti [Attenzione: inedito in questo caso include anche il web, per cui non potrete partecipare con racconti pubblicati, a qualunque titolo, in rete]. Le scadenze sono il 31 ottobre (narrativa) e il 25 settembre (poesia), ma per informazioni più dettagliate ecco un estratto del bando: BORN TO WRITE si articola in due sezioni: la sezione Narrativa e la sezione Poesia. Ogni autore può partecipare a una o a entrambe le sezioni, rispettando le norme del bando di ciascuna sezione. BORN TO WRITE rientra in ITALIA CREATIVA, progetto per il sostegno e la promozione della giovane creatività italiana a cura della Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento della Gioventù in collaborazione con l’ANCI Associazione Nazionale Comuni Italiani e il GAI Associazione per il Circuito dei Giovani Artisti italiani. Italia Creativa è rivolta a tutti gli artisti italiani attraverso un sistema di attività di network promosse sull’intero territorio nazionale da alcune città capofila. BORN TO WRITE - SEZIONE NARRATIVA Bando di Concorso per giovani autori di Narrativa Art. 1 – Tema del Concorso L’iniziativa intende promuovere un’idea di scrittura intesa come libera espressione del talento letterario. Per questo motivo si è ritenuto opportuno non fissare alcun tema. L’autore potrà esprimersi inviando il meglio della propria produzione. Art. 2 – Requisiti per la partecipazione Il Concorso è rivolto a giovani autori, anche non esordienti, in età compresa tra i 18 e i 35 anni, residenti, domiciliati, studenti o lavoratori nel territorio nazionale. Si richiede materiale inedito in lingua italiana, che non sia stato premiato né presentato ad altri concorsi o già ...

Toilet n.6

Scritto da: il 20.07.09 — Comments Off
Ormai di Toilet dovreste sapere molto. Ne ho parlato più d'una volta, ho parlato della casa editrice, ho scritto spesso di loro. Del resto è un buon lavoro, finora non mi ha mai delusa e, non ultimo, ha scovato talenti che poi sono approdati ad altri editori, a un pubblico più vasto. Così stavolta eccomi a parlarvi del Toilet n.6. Come sempre i racconti attingono agli argomenti più disparati, con stili eterogenei, stavolta tarati un po' più sul breve e quindi più adatti alla lettura da spiaggia. Non mi resta che dirvi quali sono i miei preferiti e perché. Intanto è da questo numero che inizia la saga di Francesco Dimitri, con l'episodio Arrivano gli Ombrafiorita, che introduce la famiglia e ne traccia un po' la storia attraverso i secoli; fino ad arrivare al gruppo di eredi scalcinati, che qui iniziano la loro avventura. Sangue sul parquet, col suo titolo ingannevole, affronta i temi dell'adolescenza e delle difficoltà della crescita in una famiglia moderna da un'angolazione particolare; dal confronto fra due mondi e modi distanti di vivere la famiglia, infatti, risulta un bell'approfondimento sul tema dell'identità personale. Per gli appassionati di Pulsatilla è in questo numero che si trova il suo esordio, col racconto Coppia conica, microstoria incentrata sulle esperienze di una giovane donna alle prese con riflessioni sulla propria esistenza (e non dirò di più, data la brevità del testo). Poi, quasi alla fine del volume, una serie di racconti minimi – due o tre pagine al massimo – su temi impegnativi, raccontati in modo trasversale: il precariato,  l'infertilità, il suicidio, la violenza domestica. Infine, degno di menzione il racconto L'uomo che non si fidava dei numeri che attraverso l'uso di tre punti di vista, tre narratori diversi, dipinge una scena che ha del quotidiano e dello straordinario al tempo stesso, ironica e un po' ...

Racconti nella Rete® 2009

Scritto da: il 09.05.09 — Comments Off
Scadrà tra poche settimane il termine di presentazione dei lavori per Racconti nella Rete, concorso arrivato ben all'ottava edizione, organizzato dall’Associazione Culturale LuccAutori di cui Demetrio Brandi, ideatore del Premio,  è presidente. Come si può leggere sul sito: Nel corso degli anni il successo del premio Racconti nella Rete è stato ampiamente confermato sia dalla cresciuta qualità degli elaborati pervenuti che dal numero degli autori coinvolti. Il progetto letterario parte e si sviluppa ogni anno su questo sito, dove gli iscritti possono pubblicare i propri racconti, oltre che leggere e commentare quelli già inseriti. L’esperienza è arricchita anche da una sezione speciale di racconti per bambini, che ha registrato una buona risposta di partecipanti. I racconti pervenuti al sito di Racconti nella Rete entro il 31 maggio 2009 saranno selezionati e pubblicati in rete. L’iscrizione al Premio Letterario dovrà avvenire nei termini previsti dal regolamento (pubblicato nella home page). I 25 migliori racconti pervenuti, valutati da una giuria di qualità, saranno pubblicati in un’antologia edita da Nottetempo che verrà presentata - insieme ai vincitori - in occasione della manifestazione LuccAutori, in programma a Lucca dall’8 all’11 ottobre 2009. Lo scorso a LuccAutori abbiamo ospitato, tra gli altri, Dacia Maraini, Piero Badaloni, Lidia Ravera e Ennio Cavalli. Per contatti e informazioni:  info@raccontinellarete.it tel.0584.961169. In bocca al lupo!

Un sogno dentro un sogno

Scritto da: il 28.02.09 — Comments Off
La casa editrice I sognatori ha indetto, per il terzo anno, il concorso Un sogno dentro un sogno aperto a tutti gli scrittori, esordienti o meno, che abbiano nel loro cassetto un racconto che non superi i 27.000 caratteri (spazi inclusi). Per la partecipazione è prevista una quota d'iscrizione irrisoria, sostituibile dall'acquisto di un libro dal catalogo: un buon modo per imparare qualcosa dell'editore a cui ci si propone e di ampliare la propria biblioteca. Ecco alcuni estratti del regolamento: 3. I lavori presentati dovranno essere categoricamente INEDITI. 4. Il concorso è a TEMA LIBERO. 5. È possibile inviare la copia (ne basta una) del proprio lavoro scegliendo fra le seguenti modalità: - tramite ALLEGATO E-MAIL (in formato word o PDF) a questo indirizzo: urlo@casadeisognatori.com - in FORMA CARTACEA, al seguente indirizzo: concorso “Un sogno dentro un sogno” c/o casa editrice I sognatori via D’Onofrio, 20 73100 Lecce È obbligatorio allegare, in entrambi i casi, i dati riguardanti il proprio domicilio (vedi art. 10), l’attestazione del versamento (cartacea o in allegato mail) e un indirizzo mail di riferimento. Le copie cartacee non verranno restituite. 6. I racconti dovranno pervenire entro e non oltre il 30/06/2009. Farà fede il timbro postale, per quel che concerne i lavori inviati in forma cartacea. Ad ogni modo, la casa editrice I sognatori declina ogni responsabilità riguardo eventuali racconti smarriti e non giunti in redazione per via del servizio postale o per problemi di carattere telematico. I partecipanti, in quest’ottica, sono tenuti ad informarsi personalmente del regolare arrivo del proprio lavoro. Trovate sul sito il regolamento completo, nonché il catalogo. Buona lettura e buona scrittura!

A Livia: quando un poeta lo è davvero – Per conoscere Ungaretti, a cura di Piccioni

Scritto da: il 28.10.08 — 4 Commenti
Quando la vita di un uomo rispecchia quella dell'umanità, questi è un artista, in molti casi un poeta. Accade poche volte e lo sbaglio di molti è credere che raccontare i fatti propri, in prosa e/o in poesia, sia di per sé cosa degna e soprattutto rappresentativa dei sentimenti dei più; è sovente una illusione più o meno pia, e, spesso, malgrado la buona fede dell'Autore, un pregiato elenco di luoghi comuni e di banalità. E quello che NON è accaduto a Giuseppe Ungaretti (1888-1970) di cui ho ripreso quest'ampia e ottima antologia, Per conoscere Ungaretti, di scritti non solo poetici curata dal suo maggiore studioso: Leone Piccioni. Al di là delle poesie “scolastiche”, Veglia del '15, Sono una creatura del dell'agosto del '16, Natale del dicembre del '16 o Soldati del luglio di due anni dopo, ce ne sono altre posteriori (fine anni '30 e poi, '40) in cui i temi del dolore della condizione umana, della tensione esistenziale frutto di un bramoso soliloquio col Divino danno voce non solo al personale caso del poeta Ungaretti ma anche (e soprattutto) a tutti coloro che a quei temi son sensibili ma non han mai avuto “le parole per dirlo” . Quell'immenso dolore, per esempio, (la morte di un figlio ancor bambino) divenuto universale l'han provato purtroppo molti; e basta leggere Gridasti: Soffoco e poi altre composizioni intorno agli anni 1939/40 e le parole son quelle, brevi, scarne, uniche; così dense e pregnanti che non sembra ce ne possano esser altre. Definitive. E l'altro tema cui si è già accennato, a cui pochi san dare parole proprie: la condizione di creatura, umana, finita che però sente di far parte di un inumano disegno divino: più di una poesia è intitolata Dannazione a cominciare da quella datata 29 giugno 1916 per arrivare alla sconvolgente La Pietà ...

Cercasi autori – 9muse

Scritto da: il 12.10.08 — 4 Commenti
Eccovi qua tre concorsi freschi freschi per voi che aspirate a diventare scrittori: Autori esordienti (e non) edizioni 9muse.net cerca nuovi autori e nuove storie per le sue prossime pubblicazioni e propone due temi per scatenare la fantasia di scrittori e scrittrici. 1) UOMINI E DONNE: MANEGGIARE CON CURA Se vi siete chiesti: Perché gli uomini possono fare una cosa alla volta e le donne ne fanno troppe insieme?, Perché gli uomini detestano le feste comandate e le donne organizzano le vacanze mesi prima?, Perché le donne non sanno leggere le cartine stradali e gli uomini non si fermano mai a chiedere informazioni? Perché gli uomini lasciano sempre alzata l'asse del water e le donne occupano il bagno per ore? Se siete convinti che gli uomini vengano da Marte e le donne da Venere e volete raccontarlo a modo vostro, fatelo! Per partecipare basta scrivere un RACCONTO inedito che non superi le 5 cartelle (ogni cartella è composta da 1800 caratteri e corrisponde, circa, a una pagina word di 30 righe di 60 battute ciascuna; formato OpenOffice o doc - non docx) e spedirlo, completo dei dati dell'autore, a 9muse@9muse.net entro il 30 novembre 2008. Gli autori selezionati saranno inseriti nella nostra raccolta di racconti e saranno avvisati via email. 2) L'AMORE AI TEMPI DEL TELEFONINO Ti ha corteggiata con un sms? Ti ha lasciato in 160 caratteri? Ti ha conquistato con le faccine? :-) Se galeotto fu il telefonino, se la notte non dormi aspettando un suo messaggino, se di giorno guardi mille volte il display aspettando che si illumini, se interrompi una conversazione quando il cellulare suona, se gli mandi 200 sms al giorno, se sul suo telefonino hai beccato un messaggino sospetto... beh, è ora di scrivere. Per partecipare basta scrivere un RACCONTO inedito che non superi le 5 cartelle (ogni cartella è composta da 1800 caratteri e ...

Notizie dalla vicina Las Vegas

Scritto da: il 21.09.08 — 6 Commenti
Il 29 settembre saranno pubblicati due nuovi libri per Las Vegas Edizioni, Polaroid di Gianluca Mercadante e Guardrail di Eva Clesis. Del secondo non ho notizie, del primo ho letto una succosa anticipazione. Come il titolo lascia presagire si tratta di dieci "scatti", dieci istantanee, con illustrazioni di Tobin Florio a mo' di vera polaroid. Non sono tutti inediti, qualcuno era già comparso in precedenti antologie, ma sono stati ripresi ed organizzati in un corpus organico. Se voleste una anticipazione, anche voi potete averla: la casa editrice ha messo a disposizione Compito in classe, letto proprio dall'autore (maggiori dettagli sul blog ufficiale). Inoltre il 10 ottobre verranno presenti a Genova Il cosmo secondo Agnetha e a Piacenza Polaroid. Nell'eventualità non possiate partecipare, beh, potrete rifarvi alla Fiera del libro di Orbassano, dal 17 al 19 ottobre. Altre presentazioni: a Brescia, nella libreria Bookstop, il 17 ottobre Attraversami di Mascheroni e il 30 ottobre Oltre l'ostacolo. Infine vi trasmetto un rumor, ancora da confermare: il 28 ottobre dovrebbe esserci un megaparty Las Vegas a Firenze (con presentazione libri + dj).
carlo lo re Violetta Lima Luciana Cameli Livia Di Pasquale Leandro Perrotta Ignazio Del Campo Fabiola Foti Alessandro Puglisi
Design & GUI by Mushin | Many Thanks to FamFamFam (icons) & Komodomedia (icons) & chrfb (icons) | WebStrategist (area test) | Hosted by MediaTemple