Tutti gli articoli su anoressia

La solitudine dei numeri primi, Giordano

Scritto da: il 02.07.08 — 10 Commenti
Discusso, criticato, osannato e vituperato. Di solito non mi lascio attrarre da libri così "turbolenti", ma in questo caso è il libro che ha trovato me, per cui ben venga. La solitudine dei numeri primi ha tutte le carte in regola per causare un pandemonio: l'autore è un esordiente, per di più laureato in fisica, e il libro è stato lanciato con grande clamore. Che è un po' come aver tatuato un gigantesco bersaglio sul petto di Giordano. Mi arrogherò il ruolo di difensore, in questo processo immaginario. Giordano affronta un tema ostico, con personaggi spigolosi, di difficile tratteggio. Due solitudini completamente diverse tra loro, che provano a toccarsi, inutilmente. Due solitudini patologiche e irrisolvibili. E narrate con normalità. I numeri primi gemelli, quelli raccontati nel romanzo, sono vicini, aggrappati l'uno all'altro nel mare magnum degli interi, ma mai abbastanza da potersi riunire, inesorabilmente separati dal 2. Soli a due a due. Come intuizione è formidabile, e dà una bella chiave interpretativa alle vicende dei personaggi. Personalmente, purtroppo per esperienze vissute, ritengo che almeno una delle due solitudini sia colta nel suo aspetto essenziale. I caratteri, le reazioni, le emozioni sono verosimili. Non sono riuscita a identificarmi coi protagonisti, ma con una figura di "spalla", ruolo che ho rivestito anche nella realtà; ed ho trovato dolorosa e nitida la rappresentazione a me offerta. Veniamo ai difetti, necessari come punto di partenza per crescere. La scrittura è piuttosto pedante, alle volte addirittura barocca. Molti passaggi intuitivi si disperdono in una generale lentezza, che può distogliere l'attenzione, specialmente in fase iniziale. Nulla che un buon editing non possa risolvere, ma ormai è un po' tardi. Eppure sento che, se non si farà abbagliare dal facile successo commerciale, questo ragazzo potrà davvero dire - e dare - qualcosa di buono alla narrativa italiana. Molto più di quanto facciano ...
carlo lo re Violetta Lima Luciana Cameli Livia Di Pasquale Leandro Perrotta Ignazio Del Campo Fabiola Foti Alessandro Puglisi
Design & GUI by Mushin | Many Thanks to FamFamFam (icons) & Komodomedia (icons) & chrfb (icons) | WebStrategist (area test) | Hosted by MediaTemple