Tutti gli articoli su analfabetismo

Analfabeti e paure – Ismaele blog

Scritto da: il 15.03.10 — 7 Commenti
La cosa più spaventosa letta oggi è la rubrica di Tullio de Mauro su Internazionale. Dice che l'80% degli italiani avrebbe un livello di alfabetizzazione scarsissimo o nullo. Parliamo dell'aspetto politico di questo dato, al di là delle sue più ovvie ricadute culturali: un Paese in cui solo il 20% della popolazione sa leggere, scrivere e far di conto è un Paese in cui pochi eletti possono leggere un articolo di giornale e comprendere il significato di quello che hanno sotto gli occhi. Un Paese dove le dinamiche politiche, economiche e sociali, anche le più basilari, non sono comprensibili, perché spesso divulgate mediante un supporto scritto, o in una forma che presuppone una conoscenza della espressione grafica. In un Paese del genere la democrazia è costantemente a rischio, perché il voto si affida sull'opinione di chi non ha gli strumenti per formarsi un'opinione. Questo significa terreno fertile per il populismo e per l'autoritarismo. Cose di cui avere paura, Ismaele

Universitari semianalfabeti

Scritto da: il 08.12.09 — 27 Commenti
Finché lo dicevo io, in privato, chiacchierando con la vecchia zia insegnante (italiano, latino e greco), beh, potevo pensare fossero vaneggiamenti ed esagerazioni al limite delle tendenze GrammarNazi che circolano sul web. Ma riporto questo passo di un articolo uscito oggi su Repubblica, in cui si evidenzia quanta ignoranza ci sia tra gli studenti di ogni ordine e grado: Io cossi tu cuocesti egli cosse: cos'è 'sta roba? Piccolo esame di verbi: "Se io sarebbe più abile, tu mi affiderai una squadra". Ma anche: "Se tu saresti più alto, potessi giocare a pallacanestro". Nel cimitero dove giacciono, insepolte, sintassi e ortografia, accenti e apostrofi si confondono in un'unica insalata nizzarda di parole: "Non so qual'è la prima qualità di un'uomo". E tutto questo accade, si legge, si scrive all'Università. Test d'ingresso per le facoltà a numero chiuso, anno di disgrazia 2009: alcuni degli aspiranti dottori del terzo millennio hanno risposto così. "I giovani che arrivano dalle scuole superiori sono semi-analfabeti", ha dichiarato il magnifico rettore dell'ateneo bolognese, Ivano Dionigi. [...] Come nasce lo "studente analfabeta"? Quando comincia a diventarlo? "I guasti iniziano nella scuola dell'obbligo", risponde Tullio De Mauro, il padre degli studi linguistici italiani. "Il buonismo degli insegnanti ha fatto grossi danni, ormai si tende a promuovere un po' tutti e non si sbarra il passo a chi non è all'altezza. Ma il disprezzo per la lingua italiana risiede anche in certi romanzi di nuovi autori, pieni di parolacce e di inutili scorciatoie, e nel linguaggio sempre più sciatto dei giornali dov'è quasi scomparsa la ricchezza della punteggiatura".
carlo lo re Violetta Lima Luciana Cameli Livia Di Pasquale Leandro Perrotta Ignazio Del Campo Fabiola Foti Alessandro Puglisi
Design & GUI by Mushin | Many Thanks to FamFamFam (icons) & Komodomedia (icons) & chrfb (icons) | WebStrategist (area test) | Hosted by MediaTemple