Tutti gli articoli su amici

Pisa Book Festival: ricordi e impressioni

Scritto da: il 14.10.09 — 6 Commenti
Il Pisa Book Festival è stata un'esperienza positiva, per noi piccole Tanit: la prima fiera a cui abbiamo partecipato, anche se piccola, e la prima volta che la nostra casa editrice si è trovata a confronto con tutte le altre. L'atmosfera è stata un po' quella delle gite tra amici: cene con gli altri editori, chiacchiere, scambi di opinioni e idee comuni, confronto sui problemi e sulle opportunità. E il sabato e la domenica il contatto col pubblico, con andamento alterno tra il galvanizzante e il deprimente: si nota la crisi (e il taglio dei consumi), ma al contempo abbiamo ricevuto molti complimenti per le copertine e i titoli. Certo, non tutto è stato perfetto (anzi), ma come primo step non ci possiamo proprio lamentare! Approfitto di Liblog, infine, per salutare chi conoscevo già e chi ho avuto modo di conoscere: Aìsara, gemella di stand, Intermezzi, 18:30 e Las Vegas tra i cari amici, Voland e La Nuova Frontiera che già conoscevo, Meridiano Zero, Neo., Edizioni Cosmopolis e Fernandel che ho conosciuto in questa occasione. E un abbraccio a Nino Nonnis, l'autore più divertente che abbia conosciuto fino ad oggi.

Chissà se sono svegli, Lloyd e Reese

Scritto da: il 06.10.09 — 2 Commenti
Continuano in questo secondo volume le mirabolanti avventure di Amy e Jack, la coppia che abbiamo conosciuto con Chissà se stai dormendo di cui trovate la recensione su queste pagine. In Chissà se sono svegli, però, la prosecuzione della storia è affidata non alle voci dei diretti interessati, bensì ad un quartetto d’eccezione: quello formato dai loro migliori amici. Josie Lloyd ed Emlyn Reese strizzano l’occhio a coloro che conoscono bene il primo libro , inserendo il punto di vista di Helen e Matt – personaggi di rilievo fin dall’inizio – ma lasciano anche spazio al nuovo con l’introduzione di Stringer e Susie. Tutti e quattro si trovano a fronteggiare una delle prove più impegnative, pur per un gruppo affiatato: l’organizzazione del matrimonio dei due piccioncini, e nello stesso tempo devono barcamenarsi con le proprie sfide quotidiane. Anche in questo libro, i personaggi – trentenni londinesi allo sbando – sono descritti con grande puntualità nei pregi come nei difetti: Matt, avvocato, ha l’ossessione del controllo sulla sua vita e su quella altrui, perciò si trova spiazzato dall’”abbandono” del coinquilino Jack e, soprattutto, dall’indifferenza di Helen, per cui ha una cotta. Quest’ultima è troppo presa dalle grane del suo lavoro e, dopo l’ultima delusione amorosa, ha chiuso completamente con gli uomini; questo la porta a litigare spesso e volentieri con Susie, che vende cappelli al mercato, ed è conosciuta per essere una vera fanatica del sesso, caratteristica da cui vorrebbe affrancarsi, ma che le tornerà molto utile col bellissimo e timidissimo Stringer anche se non nel modo a cui pensate voi… In mezzo a tutto questo marasma Amy e Jack appaiono di tanto in tanto, quasi come incarnazione dei sogni e di una felicità che sembra a portata di mano, ma non è evidentemente così semplice da afferrare. Il linguaggio è semplice e diretto, alcuni scambi ...

Parola di Vecchiotti

Scritto da: il 11.03.09 — 4 Commenti
Insomma ci avrete fatto caso che, in un panorama culturale pieno di grandi fratelli, talpe e fattorie, nessuno si è mai sognato di lanciare un reality sulla letteratura? Credetemi: non tira proprio, in termini di audience, la narrativa. Pensate davvero che sia un caso, se quella volpona di Maria De Filippi ha creato la scuola di canto e ballo ma non si è mai nemmeno lontanamente sognata di condurre “Amici di penna”? Daniele Vecchiotti sul suo blog
carlo lo re Violetta Lima Luciana Cameli Livia Di Pasquale Leandro Perrotta Ignazio Del Campo Fabiola Foti Alessandro Puglisi
Design & GUI by Mushin | Many Thanks to FamFamFam (icons) & Komodomedia (icons) & chrfb (icons) | WebStrategist (area test) | Hosted by MediaTemple