Tutti gli articoli su american gods

Parola di Gaiman (da American Gods)

Scritto da: il 24.09.08 — 2 Commenti
È sui sensi che fondano le nostre convinzioni, sono gli unici strumenti di cui disponiamo per fare esperienza: la nostra vista, il tatto, la memoria. Se i sensi ci mentono, allora non abbiamo niente di cui fidarci. E anche se non crediamo a ciò che ci dicono, non abbiamo altro modo per viaggiare che quello di seguire la strada che essi ci indicano, ed è una strada che dobbiamo percorrere fino in fondo. American Gods, Neil Gaiman

American Gods, Gaiman

Scritto da: il 22.09.08 — 5 Commenti
La prima impressione è di avere tra le mani la trasposizione di un film: le scene sono vivide, i movimenti plastici e più che ambienti sembra di attraversare affreschi. E poi i personaggi, così particolari, gli American Gods del titolo, contribuiscono a creare un'atmosfera atipica. Evidente che si tratti di un romanzo fuori dal comune, se non per la scrittura iconica almeno per l'argomento trattato; difficilmente infatti si conoscono miti all'infuori degli abusati greci, dalla cosmogonia ad Eracle. Anche per me, cresciuta con I miti greci di Graves, molti dei temi affrontati da Gaiman sono sconosciuti. Anansi, Odino, pixie e folletti sono solo un'idea sfocata e distante, niente più che una favola disneyana; trovarli qui invece con una loro quotidianità, ingrigiti e normalizzati è sorprendente, specie per la naturalezza con cui avviene. Del resto li abbiamo ormai archiviati come superstizioni, e come superstizioni stiamo archiviando quasi tutta la spiritualità presente e passata, come se fosse peccato nei confronti dei nostri nuovissimi prepotenti dèi. II condensato della trama di questo romanzo è tutto qui, in due righe. Da un lato i vecchi dèi nelle loro incarnazioni ormai demodé, dall'altro le nuove divinità in una terra che non ha storia né antiche tradizioni. Da qui la guerra e la tempesta che si apprestano ad arrivare. Al centro il protagonista, Shadow, per gran parte del libro ignaro del bailamme in cui si trova; e al suo passaggio dall'incredulità al capire anche il lettore partecipa, ogni pagina sempre più addentro ai miti del vecchio mondo. Mi dicono sia un disegno ricorrente negli scritti di Gaiman, e che alcuni dei personaggi di American Gods compaiano in precedenza delle pagine del fumetto Sandman. Beh, a quanto pare tutta l'opera di quest'autore ha un collegamento sotterraneo, che sono curiosa di esplorare. La scrittura è a volte un po' ridondante, complice credo una traduzione non ...
carlo lo re Violetta Lima Luciana Cameli Livia Di Pasquale Leandro Perrotta Ignazio Del Campo Fabiola Foti Alessandro Puglisi
Design & GUI by Mushin | Many Thanks to FamFamFam (icons) & Komodomedia (icons) & chrfb (icons) | WebStrategist (area test) | Hosted by MediaTemple