Tutti gli articoli su agevolazioni

Sospensione tariffe agevolate editoriali

Scritto da: il 02.04.10 — 5 Commenti
Da oggi essere un piccolo e onesto editore indipendente è circa 10 volte più difficile. Come se non fosse già abbastanza complicato sopravvivere e fare il proprio lavoro, con la recentissima sospensione delle agevolazioni per la spedizione di pieghi di libri e simili gli aggravi per far circolare i propri libri, specialmente con volumi piccoli come per noi editori indipendenti, arrivano a costi insostenibili. Le tariffe passano da 70 centesimi a 1,30 per piccoli pesi e da circa 2 euro a 4 per pesi fino a 5 kg (circa 20 libri). Trovatemi un matematico che mi faccia capire come gestire questo ulteriore costo senza doverlo addebitare ai miei lettori. E anche un motivatore che mi ricordi perché ho scelto questo mestiere, già che ci siete. Ricordiamo a tutti quelli che vorrebbero fare l'editore quali e quante sono le amenità della filiera del libro. E scusate l'amarezza. la distribuzione mangia più della metà degli introiti; le librerie non ti espongono, e molte non ti ordinano nemmeno su richiesta, fingendo che tu non esista; i lettori in Italia sono una percentuale di popolazione bassa, quelli che leggono editori indipendenti sono una cifra irrisoria; lo stato, che già ti agevola molto poco, toglie quelle piccole sovvenzioni – come questa delle poste – che ti aiutavano a sopravvivere; [continuare ad libitum]. Beh, ci sono altre strade, e ormai è giocoforza percorrerle, non credete? E no, non parlo del negozio di Hello Kitty. Estote parati.
carlo lo re Violetta Lima Luciana Cameli Livia Di Pasquale Leandro Perrotta Ignazio Del Campo Fabiola Foti Alessandro Puglisi
Design & GUI by Mushin | Many Thanks to FamFamFam (icons) & Komodomedia (icons) & chrfb (icons) | WebStrategist (area test) | Hosted by MediaTemple