Tutti gli articoli su addestramento

Io & Marley, Grogan

Scritto da: il 20.04.09 — 6 Commenti
Come dicevo venerdì scorso ecco uno dei romanzi di quest'anno che hanno più che un'attenzione al mondo dei cani: ne hanno un protagonista. Io & Marley è la storia dell'autore e della sua famiglia, incluso  il membro più spassoso, il cane Marley. Entra a pieno diritto nella pet-lit pur avendo caratteristiche non del tutto in linea con gli altri testi del genere. Sicuramente molti di voi avranno visto il film, anche se io personalmente ancora sono titubante sulla scelta di trasporre un libro del genere su pellicola, ma, non avendolo visto, mi riservo un'opinione più informata fra qualche tempo. Credo comunque che difficilmente potrà superare la lettura del romanzo, pur nella sua semplicità. Finalmente abbiamo la descrizione di un cane che non è la somma di tutte le virtù note (e spesso anche qualcuna ignota), non è Lassie, né nessuno dei valorosi cani che ci sono sempre stati additati come esempio. Non è un cane da esposizione e meno che mai da gara. È semplicemente un cane, col suo carattere, i suoi difetti, e le sue virtù, in un equilibrio leggermente sbilanciato in favore dei primi. Marley è spontaneo, ha delle fobie radicate, come quella per i temporali, comune a molti quadrupedi, e ha una quantità di energia ingovernabile. È in grado di camminare al passo, ma solo finché non trova qualcosa di interessante da raggiungere o inseguire, sa essere serio quando è proprio necessario, ma se può va in giro a combinar danni. Ed è anche uno dei pochi cani cacciati da un corso di educazione cinofila. Il libro ripercorre la sua intera vita con la famiglia Grogan: in modo per nulla sdolcinato e l'autore dimostra la grande capacità di dare agli eventi la giusta dimensione e prospettiva, senza ingigantire né abusare di quei sentimenti che un cane suscita in chi ama gli ...

Il Cane – manuale d’istruzioni, Brunner e Stall

Scritto da: il 19.12.08 — 5 Commenti
Da un'idea molto originale nasce una serie di volumetti di istruzioni per l'uso, da quello per lo sposo fino a questo, Il cane - manuale d'istruzioni, interamente dedicato alla "corretta installazione e manutenzione" del cane, appunto. Potrebbe forse essere controproducente paragonare un cane ad un oggetto tecnologico, correndo quindi il rischio di reificarlo, ma il piglio ironico della scrittura non lascia adito a dubbi sugli intenti. L'obiettivo è far sorridere e, al contempo, dare dei piccoli suggerimenti a chi si trovi a voler o dover fare i conti con un discendente del canis lupus. Come vedremo non tutti sono consigli sensati o corretti e certamente, per chi volesse "fare sul serio" esistono libri ben più utili e precisi. Nelle parti meramente descrittive degli standard e delle tipologie nulla da eccepire: con brevi e curiose descrizioni gli autori riescono a cogliere i tratti principali dei diversi standard, consigliando al contempo agli aspiranti cinofili quale sia il più adatto. E qui arriva il primo "errore": si parla di riportare indietro il cane. Ora, il cane non è un ipod, e non esiste una logica che permetta di dire "è difettoso": anzi, a meno di cani affetti da gravissime tare genetiche mentali, generalmente è il padrone ad essere difettoso. Avallare questo modo di pensare significa per me legittimare in qualche modo chi abbandona i cani (per i più svariati motivi). Prendere un cane non è un atto volitivo, ma una responsabilità. L'altra stranezza, per me, è il collare/recinto elettrico, fatto di confini invisibili che, quando violati, mandano un segnale al collare per dare una scossa al cane. Parlando con alcuni addestratori ho ricevuto la seguente spiegazione: il collare elettrico è uno strumento utilizzato per lo più da alcuni addestratori specialisti e che non dovrebbe mai essere affidato a una persona che non sia più che professionista. Sbagliando ...

L’uomo che sussurra ai cani, Graeme

Scritto da: il 27.10.08 — Comments Off
Ormai è di pubblico dominio la presenza nella mia famiglia di vari pelosi non umani. Per questo motivo mi ha attirata il titolo del libro di Sims Graeme, L'uomo che sussurra ai cani, ammiccante nel titolo che, sia in lingua che in traduzione, somiglia a quello di un famoso film. Pensavo, in realtà, si trattasse di un romanzo; ho scoperto che invece è una via di mezzo: intreccia infatti la storia personale dell'autore e dei suoi quadrupedi ad un utile manuale di addestramento con tecniche di rinforzo positivo. Al contrario delle (purtroppo) usuali tecniche basate sulla dominanza, queste sono basate sul riconoscimento del "padrone" come capobranco giusto ed equilibrato, in grado di comprendere le esigenze di tutti e di non pretendere coattivamente degli esercizi. Come in ogni manuale di addestramento che si rispetti, si addestra più il padrone che il cane; infatti è necessario sapere come chiedere determinate azioni al proprio quadrupede, posto che siano azioni che può compiere. Oltre alle parti puramente teoriche troverete molti esercizi, utili non solo al "controllo" delle azioni ma alla comprensione reciproca; questo è particolarmente importante, adesso che si sta finalmente uscendo dallo stereotipo "tanto è solo un animale" (intercambiabile per cani, gatti, cardellini, furetti...). Il libro è scritto con un linguaggio molto semplice e ripete più volte i concetti fondamentali, sotto diverse forme, per accertarsi della loro completa assimilazione. Dopo ogni esercizio ci sono più esempi, di aiuto per fissare il meccanismo, e varie spiegazioni accessorie di possibili eccezioni. Io sono stata fortunata e ho avuto il sostegno di alcuni veterinari e di un addestratore prima di accogliere in casa un canide; non trovo corretto infatti cominciare a studiare qualcosa solo per "risolvere un problema": volevo essere preparata all'arrivo di un peloso in casa. E nonostante questo mi rendo conto di aver fatto diversi errori. Ma in assenza di amici ...
carlo lo re Violetta Lima Luciana Cameli Livia Di Pasquale Leandro Perrotta Ignazio Del Campo Fabiola Foti Alessandro Puglisi
Design & GUI by Mushin | Many Thanks to FamFamFam (icons) & Komodomedia (icons) & chrfb (icons) | WebStrategist (area test) | Hosted by MediaTemple